Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Tonara...
Ferirti...
UNO DEI SENSI IL...
Il mediatore...
Mi piacerebbe...
Giornate Imperfette...
dove vanno i pensier...
Aiutami a scorgere n...
HAIKU DELLA SERENITÀ...
Il tempo...
L intelligenza è la ...
haiku 37...
#1...
un pensiero ciclico...
L'amore nel ventre d...
Haiku C...
- Petali...
Finché sulla Terra e...
IL GELSO...
Ciò c'ho perduto...
HAIKU N. 1...
Haiku IV...
Ricordi...
Libero di sognare...
Teneramente...
Coprimi tutto di te...
Solo amore...
f.a.t.a. - elemento ...
Cuore offeso...
Ti amo...
Una sera...
haiku storia di un ...
la mela...
Pastore sardo...
TU E LA NOTT...
Ho la continuità di ...
Io...
La Speranza...
ISTANTE...
QUANTO CI METTI A T...
HAIKU N.32...
I fiori più belli cr...
...ti racconto la se...
Marmo...
Oblio...
Il clown (continuo...
Il pino...
Per TE...
Abitudine...
PREVENIRE ... SAREBB...
Ritmo d\'attesa...
IO L'HO CHIAMATO SEN...
Tu non sai...
IL MALE E IL BENE...
Evocazioni...
Serenità...
Realizzazione e nega...
Solitari pensieri...
Serenità...
IL MOSTRO...
Difficoltà...
C'est la vie...
Asterisco...
Nere di cioccolata, ...
Male...
dolcemente amor mio ...
I se e i ma della vi...
Milongueros...
ricordi...
mattina al mare....
Vacanze isolane...
Nei momenti di trist...
IL TRAMONTO E ...
Escatologico...
Parole parole...
HAIKU N.31...
LA POESIA...SAI...
Riccardo...
Diario...
LA SERA IN CUI NEL P...
Sms...
Aspetta un attimo...
Filastrocca di Natal...
LILLO E LA BANDA DEI...
In cerca...
Effetto dello specch...
Notti d'inverno...
L’universo dentro me...
SOLE...
Vestito...
A poco a poco la ser...
Giudici o giustizier...
IO CHE TENTAI...
Anima...
Fenomeni...
Jack...
Spendi e temi...
Gli angeli......
Serafino e Angela...
percezione notte...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

INCIPT

Le istruzioni sono:

Scrivi un racconto che abbia il seguente inizio: Per la terza volta la incrociò davanti al portone del dottore, sempre di lunedì e sempre alla stessa ora. Era certo di averla già vista, prima di quegli incontri, ma non avrebbe saputo dire dove né quando. Forse era anche lei una paziente e aveva l'appuntamento alle quattro, si disse salendo le scale verso lo studio.


~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~



Quando al fulmine non segue il tuono

Per la terza volta la incrociò davanti al portone del dottore, sempre di lunedì e sempre alla stessa ora. Era certo di averla già vista, prima di quegli incontri, ma non avrebbe saputo dire dove né quando. Forse era anche lei una paziente e aveva l’appuntamento alle quattro, si disse salendo le scale verso lo studio.
La storia continua. Ora sono qui , fermo , vicino alle porte dell’ascensore al piano terra. Fa parte anche lei della catena di persone in cura per la cataratta. Lunedì scorso ci sono state le visite seriali dei collaboratori dello studio medico professionale Dott. Esposito. In quella occasione ci siamo scambiati uno sguardo intrigante e un po’ familiare del tipo “chi sei, forse ti conosco”. Questo pomeriggio verrà il primario per la diagnosi definitiva. Sicuramente ci sarà anche lei. Mi sento stranamente interessato a chiarire la natura delle mie sensazioni. Che tipo di passato abbiamo in comune? E se fosse un’attrazione fatale o l’incipit di una romantica storia d’amore? Certo lei è bella e magnetica nello sguardo. ………… Eccola ……. sta arrivando…….
Buongiorno signora, lunedì scorso ho preferito salire a piedi fino al quarto piano, oggi preferisco prendere l’ascensore. Si accomodi, prego,dobbiamo raggiungere lo stesso studio medico.
Grazie, anche io a volte salgo a piedi. Il moto fa bene, ma l’ascensore è così comodo……
Apro le porte, le do la precedenza, aggiungo subito……
Permetta signora che mi presenti, siamo compagni di studio medico, mi chiamo Riccardo Balestra, dirigo uno studio associato di dottori commercialisti.
Che combinazione, anche io faccio parte di uno studio commerciale, mi chiamo Daniela Rolando.
Apro la porta, ci dirigiamo verso lo studio medico, entriamo.
Non c’è ancora nessuno, ci sediamo vicini.
Mi affretto a tenere subito conversazione. Afferro il primo argomento a disposizione.
Signora Daniela, le confesso di essere un po’ preoccupato . Anche se mi dicono che l’intervento è semplice sono più notti che dormo male. Ho paura di eventuali conseguenze negative.
Io, signor Riccardo, sono per natura decisamente fatalista. Tante cose non dipendono da noi, anticipando le paure ci facciamo solo del male.
Una filosofia di vita la tua senz’altro positiva…….scusi le ho dato del tu in automatico, senza rendermene conto……
Figurati Riccardo, anche per me è più semplice, e poi siamo colleghi di lavoro e come hai detto tu, compagni di studio medico per cataratta e dintorni.
Mi fermo per ammirare, con giusta discrezione, il sorriso splendido e gli occhi radiosi, poi subito le dico: ti confermo che apprezzo molto il tuo modo di affrontare la vita, non è da tutti. Per me poi è particolarmente difficile. Tu sei la più bella testimonianza di coraggio e buonsenso.
Troppo buono Roberto, o forse semplicemente molto galante. Tu sei certamente un uomo abituato a lottare, che a volte a piacere a ricevere coccole e incoraggiamenti.
Sei grande Daniela, le tue parole sono carezze. Hai il garbo e la sensibilità di persone che praticano le scienze dello spirito, psicologia o filosofia o tutte e due le cose insieme.
Riccardo, non è facile nemmeno per me assumere sempre un consapevole distacco nei confronti di eventi che, se ingigantiti, possono travolgere del tutto.
Già ai tempi degli studi universitari, forti e coinvolgenti, la mattina degli esami amavo ripetere una frase di un’eroina cinematografica dell’epoca per esorcizzare la paura dell’insuccesso. Mi dicevo: qualunque cosa accada, ci penserò domani.
Daniela, tu hai frequentato Economia e Commercio, e in quale anno?
Giusto trenta anni fa, Riccardo. Perché me lo chiedi.
Anche io Daniela ho frequentato l’Università in quegli anni. Ho conosciuta una ragazza che come te si affidava a quella frase, avemmo per qualche mese dei contatti di studio, sempre frettolosi e relativi al corso di matematica, l’esame più esame di tutti gli altri. Mi prestò i suoi appunti riportati in un quaderno . Sull’ultima pagina era scritta una frase,dolcissima e mistica, che ancora ricordo: Madonnina bella, tu e il campanile della chiesa che mi è di fronte siete vicini al cielo. Parla di me a Gesù, domani ho l’esame.
Riccardo, quella frase l’ho scritta io, il quaderno era mio…….Allora sei tu l’amico
con il quale ho condiviso le angosce per l’esame da dare, anche tu lo superasti con ottimo voto. Il quaderno me lo hai restituito il giorno stesso degli esami. Quel giorno c’ero anche io. Prendemmo insieme l’autobus per il ritorno a casa. Scendesti, con molto garbo, ad una fermata per te fuori mano. Per salutarmi in modo affettuoso e amichevole. Da allora non ci siamo più visti. Credo perché poco dopo trovai un impiego e frequentai l’università saltuariamente.
Daniela, tu mi indicasti genericamente la strada dove si trovava il palazzo nel quale abitavi , più volte ci sono stato nella speranza di incontrarti, non conoscevo il tuo cognome, non avevo numeri di telefono da darti e non chiesi il tuo. Ero ancora sotto l’effetto esame.
Riccardo nella nostra epoca era considerato sconveniente che una ragazza, di iniziativa, proponesse lo scambio dei dati personali con un uomo. Anche io fui per parecchio tempo dispiaciuta di non avere tue notizie e di non sapere come fare per incontrarti.
Daniela, che peccato , se c’era il whatsapp sarebbe stato semplice sentirci e rivederci, oggi c’è, scambiamoci i nostri recapiti telefonici.
Si, subito…………ti detto il mio…..,
Riccardo, chiamata ricevuta, ti rispondo mettendoci le faccine allegre, una con il cuoricino. Adesso so perché vedendoti il cuore ha inserito la marcia veloce.
Anche io , Daniela, ho sentito il cuore vibrare…. ci sono amori a scoppio ritardato, che hanno aspettato senza saperlo, e se fosse così anche per noi?, ritorniamo a quel giorno……dove abiti? Domani posso venirti a prenderti sotto casa? Sono libero, sei libera anche tu?
Si, Roberto,anche io sono libera. Ci sono amori che nascono a seconda vista. Così potrebbe essere anche per noi Sul tuo Whatsapp ti invierò il mio indirizzo…..e per la visita medica , tranquillo, domani sarà una storia finita.
La nostra storia, appena iniziata, sarà la tua migliore medicina.
Si, Daniela, e grazie di essere qui.











.




Share |


Scrittura creativa scritta il 19/01/2019 - 10:29
Da GIOVANNI PIGNALOSA
Letta n.105 volte.
Voto:
su 2 votanti


Commenti


Ringrazio Laisa, Grazia e Antonio per gli affettuosi commenti.Gli scritti lasciati nel cassetto non hanno storia. Con gli amici di oggiscrivo vivono.

GIOVANNI PIGNALOSA 25/01/2019 - 10:18

--------------------------------------

...e da una preoccupazione, può nascere l'amore
ecco, l'amore è talmente semplice
nasce ovunque, anche nell'immaginabile
bravo Giovanni

laisa azzurra 20/01/2019 - 15:19

--------------------------------------

Molto romantico e fatalista,
mai dire mai nella vita e nell'amore...!
Mi è piaciuto

Grazia Giuliani 19/01/2019 - 18:57

--------------------------------------

Bellissimo questo racconto e scritto molto bene.Bravo.

Antonio Girardi 19/01/2019 - 15:10

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?