Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

HAIKU II...
Haiku n°5...
L\\\'AMICO MALAVVENT...
My dear Perugia....
IL CAFFE\'...
Ricordi...
Quando potremo di nu...
Manicomio...
A bocca piena...
E' ciò che ti mette ...
Aspetterò il tramont...
Mi piace pensare che...
PREGHIERA...
Nostalgia della nott...
CORLETO PERTICARA...
Ho visto i tuoi occh...
Il respiro del mare...
Pioggia...
Niente potrà...
Tramonto...
L’ECO E LA LUCE...
Nadia...
La notte fa paura...
Frammenti...
Settembre...
Parte di me...
Profugo...
UN SOLO MINUTO...
PONTE...
souvenir d'un amore ...
Che nasca una speran...
IL CUORE LO SA...
Il mercataro intelli...
ILLUSIONE...
Astro...
TI HO VISTA...
C'è un profumo che t...
Ho rimboccato le cop...
Assorto e silente...
Un fruscio nel vento...
vorrei che fosse un ...
FOLGORI D'AGOSTO...
Solitudine...
14-08...
Può succedere di tut...
Sorridi,anche con i ...
Chesta è 'a vita......
Riccio dorato...
Preghiera...
La mia piesia...
Se alzi gli occhi al...
Risposta esatta...
E poi la notte...
C...
Non ti mancherà semp...
Ti perderò ancora...
Per non dimenticare...
caricaaat ... fuoco...
Anima antica...
La musica che non c'...
IL TEMPO...
Occhi blu...
HAIKU I...
ciao nadia...
La forza della gioia...
LA FINE DEL MONDO...
Haiku q...
La notte rosa...
Il pinguino...
Con delicatezza. No...
TENTAZIONE...
haiku n°4...
senryu 4...
Soltanto il vento...
Impressionante, davv...
PRECETTI DI SAGGEZZA...
MANICOMIO ITALIANO. ...
L’era dei Radical sc...
Sogno di un antico p...
Sensazioni 4...
È la notte...
Vento d'antico...
Quanto spazio nella ...
Highlander...
Dono divino...
Giorni sospesi...
come la brace...
I poeti li riconosci...
Bambina infibulata...
Spettatori e Attori...
L'infinito dell'ani...
Anch'io e le stelle...
Sei una follia...
MEDITERRANEO E BASTA...
Mutare dormendo...
-Iride-...
È l'oblio...
Mi parla la notte...
visioni future...
San Lorenzo (Maggior...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

AMNESIA

Le istruzioni sono:

scrivi un racconto in cui una persona si sveglia e non ricorda chi sia e nemmeno dove si trovi…poi arriva una telefonata di tipo sentimentale o affettivo


~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~



Milano sotto il paltò

Mi capita di travestirmi da me stesso e bagnare la gola in qualche localino sui Navigli, o di sedere
al tavolo di un imprecisato ristorante in Brera.
Coppie che ne scrutano altre, anch’esse taciturne, il cui unico dio rimasto vivo gode del dito
ancorato alla tastiera. E’ comprensibile che tra Adamo ed Eva la conversazione fosse difficile
in quanto non avevano nessuno di cui sparlare, ma…
Presto saturo, insieme al paltò mi eclisso nelle viette e in quel particolare crocevia mi dico
che non scriverò più d’amore e condiscendenza. Un uomo ci ha provato e lo hanno crocifisso.
Il televisore di un bistrot… e poi nella testa solo scighera.
Con il cinguettio del cardellino da suoneria nel telefono trilla la sveglia, e forse l’unico dio rimasto
vivo è il senzatetto che deve avermi offerto la sua coperta.
Ho l’emicrania, e puzzo di alcool… e non ricordo che ci faccio in questo posto, e cosa sia
questo posto. Spegnendo la suoneria trovo una chiamata senza risposta, Celeste…
E ancora un WhatsApp con un vocale… di nuovo Celeste. Chi è Celeste!?
18 giugno 2019, 23:40 “Mirko non ho segreti per te, non ho segreti per nessuno in fondo.
La mia vita la conosci, è quella che ti ho sempre raccontato: sono una donna vulcanica, ma anche
estremamente pigra... rubo i gli spazi al tempo per fare mille cose, ma in realtà cerco solo
di riempire tutti gli spazi vuoti. Pensare mi fa paura...
Sono ironica, forte, sorridente, ma anche estremamente fragile. Non ho nemici, almeno credo.
Non porto rancore...solo, prendo le distanze da quel che mi fa stare male. E ho tanti amici, o forse
nessuno. Ci sono per tutti, tutti ci sono per me. Ma è facile avere amici quando va tutto bene...
Chissà… Mirko, ti ho fatto del male? Quando stasera mi hai scritto di aver bisogno di pensare,
mi sono sentita morire… Cosa avresti voluto dirmi?”
E chi è Mirko!? Di nuovo Mirko… che sia io Mirko!?
“…l'amore è conoscenza, condivisione, quotidiano. Credimi, ti direi, vieni… ti aspetto.
Te lo giuro, ma poi? Perchè dovremmo farci del male? Perchè rischiare di innamorarci davvero?
Corro troppo veloce? Non raggiungermi, allora.... aspettami in un sogno.
Buonanotte mio dolce poeta, dormirò con te stanotte... abbracciami”.
Poeta… Mirko, certo… e quel biglietto “Mi spaventano gli occhi che non osservo e non
mi osservano, le profondità che non conosco… ma anche tu, Mirko, un po’ mi spaventi. Celeste”.
Celeste… Già, Celeste. Finalmente a casa. Dal finestrone in stile abbadia della cucina guardo
la Brianza svanita come lei nella scighera, lei che ieri è uscita prima che mi svegliassi.
E sorseggio il mio caffè.


p.s. la scighera è la nebbia fitta di Milano
-“Mi regalo continue amnesie per rimanere in un ignoto che può far paura ma che fa meno male del coraggio di affrontare quello che la nascita mi ha riservato.“ (Isabella Santacroce)
Amnesia: scrivi un racconto in cui una persona si sveglia e non ricorda chi sia e nemmeno dove si trovi…poi arriva una telefonata di tipo sentimentale o affettivo.




Share |


Scrittura creativa scritta il 11/07/2019 - 20:10
Da Mirko (MastroPoeta)
Letta n.139 volte.
Voto:
su 5 votanti


Commenti


Riuscitissimo, bello e bravo!!!

Maria Isabel Mendez 13/07/2019 - 16:58

--------------------------------------

Straordinario testo.
complimenti

Salvatore Rastelli 12/07/2019 - 09:02

--------------------------------------

Originale è poco Mirko,
per te è naturale scrivere e creare...
Straordinario, davvero

Grazia Giuliani 11/07/2019 - 23:51

--------------------------------------

Chissà, forse Celeste ti ha già dimenticato, forse prima ancora che tu cercassi di dimenticarla.
Beh, io con te resto sempre senza parole...vorrei scriverti "Tanti complimenti", come tu hai scritto a me, ma nn so, mi vien fuori solo...sei geniale, puoi ambire a qualcosa di Grande

laisa azzurra 11/07/2019 - 23:15

--------------------------------------

MIRKO....Spesso si affoga nell'alcool per dimenticare e per dimenticarsi di come siamo! Forse il bere è una scusa per allontanare i dubbi le responsabilità ma c'è sempre una telefonata che ci riporta ai nostri doveri. Mi è piaciuta questa tua amnesia costruita sulla tua persona per fuggire forse dal quotidiano. Questa mia è una sottile interpretazione
non so se giusta. Notte

mirella narducci 11/07/2019 - 22:14

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?