Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

COVID...
Pomeriggio d’autunno...
A 27...
Appena dietro una vo...
Diego e il nonno...
Fino alla fine. E co...
Salasso....
METEO Fino Al 31.12....
Quando sarà tutto fi...
ERA UN POETA MIO PAD...
Primavere...
SABBIA TRA LE DITA...
ABBANDONO...
L'uccellino la vacca...
I contadini dimentic...
Al sole, all'abisso....
L'amore profondo...
Una voce unica vagav...
Sei...
Il salice...
tramonti...
haiku 46...
Inchiostro...
In cerca d’autore...
UN MIO PENSIERO...
Il cielo capovolto...
Il figlio della luna...
Lucida pazzia...
Frammenti e frantumi...
Drupa ambrata...
Sacrilego sogno...
Primavera pandemica...
Lèggere tra le righe...
Come la neve...
Come eravamo...
TUTTO CAMBIA......
Milano sospesa...
Stanotte t'ho sognat...
Fierezza...
Parla con lui...
SENRYU 2...
Una questione di pro...
Profumi......
Notturno...
POPOLO BERGAMASCO...
Sole d'aprile...
De Passione Domini...
Il profumo dell'amor...
A un uomo che non vo...
Negazioni...
Fai bei sogni...
Innocente Panico...
Non ero un ladro...
RIFUGIO...
Brindo alla vita...
I pulcini... pirotti...
IL FUNAMBOLO...
Eravamo felici e non...
Haiku F1...
Terresti? Puah!...
SEI TU IL TUO DIO...
Nonostante il mio do...
Leggère tra le rive ...
LUCE SU UN VICOLO CI...
Varia umanità...
Puntate precedenti...
Dietro il davanzale...
I tuoi occhi...
STANOTTE...
MANDALA...
Decisioni difficili ...
3 righe. È una st...
ANGELO E DEMONE...
Come droga...
Quattro miliardi di ...
Sono aerei...
Tanka 2...
Cambierò nome alla f...
Genitore professione...
NON POSSO...
Emozioni...
INCONTROVERTIBILE...
Oh mare...
Italia credici...
Nel segreto incanto...
haiku 45...
Ho con me il silenzi...
sole primiverio...
A te amore mio...
Alberi...
Il Robin Hood delle ...
Le fatine, erbe dei ...
Quarantena...
Non vedo...
APRILE(acrostico)...
Il Tu poetico...
Ostaggi di un virus...
Ella vien ver me...
Primo aprile...
Pinocchi....

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it



La merlettaia

Pettinatura e viso di fanciulla
dalla gota rubiconda e piena
che con grazia soave si trastulla
fra il ricamo e un libretto in pergamena-


m piaci come e più della Gioconda
piccola Merlettaia di Vermeer
l'intimità solenne che ti inonda
la luce perlata d'un interno legger-


concentrata al ricamo quotidiano
non guardi che il lavoro lì davanti
i fili dettagliati nella mano
la tensione in quello che fai e che senti.


Mi prostro al Maestro, al suo cospetto
a quei gialli limone, grigi, azzurri
io che dipingo per gioco, per diletto
rapita sono da tenui sussurri-


nei fili rossi e bianchi la perizia
della fanciulla e quella dell'artista
ma oltre, oh, un velo di sublime mestizia
addentro, al di là della scena vista-


impegno, ostinazione, leggiadria
virtù femmine antiche e celebrate
le pazienze di tutte, anche la mia
per esser pure colte e letterate.



(L'immagine è di Jan Vermeer "Merlettaia", 1669-1670, circa).



Share |


Poesia scritta il 22/02/2020 - 14:35
Da Carla Vercelli
Letta n.86 volte.
Voto:
su 2 votanti


Commenti


Bellissima

Francesco Cau 22/02/2020 - 18:30

--------------------------------------

Anche io adoro Vermeer e...adoro anche questa tua poesia!

Anna Maria Foglia 22/02/2020 - 17:45

--------------------------------------

Brava, bellissimo componimento!

Maria Luisa Bandiera 22/02/2020 - 17:11

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?