Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Tra Rosse Aurore ed ...
Filastrocca...
La quercia...
Vento dell'est...
Pearl River...
LA VITA...
L’alba dai Colli Eug...
Soggetto Beta I°epis...
Giorni...
Reprobi Angelus 12....
Ora che non guardo p...
Albeggia...
Svegliarsi...
La casa di Elisabeth...
RICORDI PENSIERI ...
Fido Randagio...
Abitudine...
Pensieri confusi...
GRIDA...
Cravatte...
Incredibile che rina...
Come Fa Il Vento...
Dove sei.......
LA SCARPETTA DOMENIC...
Il Tramonto...
Incendio...
FINALMENTE SI SPOSA...
Tutto senza capire...
Illusione d'amore...
Le promesse spese...
Trovare la chiave pe...
Dio è in te,nella mi...
L'uomo può avere con...
Fabbrico nostalgie ...
Oltre i tuoi capelli...
Uomini e Donne… Sold...
Murales...
Il fieno tra i capel...
Malinconico Maggio...
Sete di libertà...
Case dalle finestre ...
GIOVANE AMORE...
HAIKU 6...
Vento d'estate...
Calde lacrime...
Confusa e felice...
LUCCIOLE...
Pianto di stelle...
....interferenza...
Granito...
Canto dell' amore ri...
Il Papavero...
haiku 10...
I GATTI DEL QUARTIER...
Reprobi Angelus 11....
In questi momenti bu...
“MADRIGALE” PER LA M...
La chiglia s'incagli...
Il palcoscenico dell...
Donna Violante...
SOGNO E PENSIERO...
Follia dell'uomo...
ACCENDI LA PASS...
Talvolta...
Ovunque ella or sia...
Petali...
lago Maggiore...
E' solo tardi...
PAREIDOLIA...
I malati diversi fra...
Un dono gradito....
DELIZIATO INCANTO...
Supermarket question...
Ovattati pensieri...
LA BUSTA PAGA...
Reprobi Angelus 10....
RONDINI...
NOZZE DI CORALLO DEL...
Cuore di farfalla...
Arruda...
Haiku 2...
La porta del cuore...
Affresco di primaver...
Raccolto di vita...
FELICITA’ NASCOSTA...
LA VIA DEI CAMPI - P...
IO NON SO...
Vuoto a perdere...
Soggetto...
VILI...
Tempesta...
HAIKU 5...
La Cinciallegra...
Il dono più prezioso...
Insieme...
LA RUSSIA HA OLTRE C...
Domanda antalgica....
Tempi sbiaditi...
Profumo di pane...
La luna rossa...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it lecasedeipoeti.blogspot.com

A sinistra del cammino

Anche camminassi nella valle dei miei specchi
con altrui passi, altri occhi, altri tempi di quegli spettri,
non chiederei perdono -davvero no-
per quel che ho dato,
per quanto preso,
per quel che giace nell'abbandono
trafitto da mille braci,
mi vedrei
con una collana di sorrisi ad inventare nuovi abbracci,
nuovi baci,
altri lacci.


Anche guardassi la finestra dei miei tempi scorsi
come da un treno un paesaggio ameno
o da un aereo una terra così distante,
non chiederei perdono -davvero no-
per tutti quei momenti,
quegli istanti:
una giovane Russia che brandì il suo destino per un solo breve,
brevissimo momento,
esaltata e disfatta,
colma d'estasi e sgomento.


E al parco un cane piscia controvento
e non so più nemmeno se sono quel cane,
il piscio, o il vento.


E sui muri qualcuno ha scritto che la vita è morta,
che il destino non ha più tempo,
frasi di fantascienza,
e non so più nemmeno se sono il muro,
lo specchio o la finestra,
non so più nemmeno se lo voglio quel perdono,
l'innocenza,
o se cerco solo l'incoscienza
nei diecimila -o forse più-
sedativi, barbiturici,
mortai e obici di questo vivere per sussistenza, lì,
proprio a sinistra del cammino.



Share |


Poesia scritta il 17/01/2022 - 17:26
Da Filippo Di Lella
Letta n.120 volte.
Voto:
su 0 votanti


Commenti


Interessante.....da leggere varie volte per capirla meglio. Bravo bravo

Anna Cenni 18/01/2022 - 22:53

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?