Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

HAIKU II...
Haiku n°5...
L\\\'AMICO MALAVVENT...
My dear Perugia....
IL CAFFE\'...
Ricordi...
Quando potremo di nu...
Manicomio...
A bocca piena...
E' ciò che ti mette ...
Aspetterò il tramont...
Mi piace pensare che...
PREGHIERA...
Nostalgia della nott...
CORLETO PERTICARA...
Ho visto i tuoi occh...
Il respiro del mare...
Pioggia...
Niente potrà...
Tramonto...
L’ECO E LA LUCE...
Nadia...
La notte fa paura...
Frammenti...
Settembre...
Parte di me...
Profugo...
UN SOLO MINUTO...
PONTE...
souvenir d'un amore ...
Che nasca una speran...
IL CUORE LO SA...
Il mercataro intelli...
ILLUSIONE...
Astro...
TI HO VISTA...
C'è un profumo che t...
Ho rimboccato le cop...
Assorto e silente...
Un fruscio nel vento...
vorrei che fosse un ...
FOLGORI D'AGOSTO...
Solitudine...
14-08...
Può succedere di tut...
Sorridi,anche con i ...
Chesta è 'a vita......
Riccio dorato...
Preghiera...
La mia piesia...
Se alzi gli occhi al...
Risposta esatta...
E poi la notte...
C...
Non ti mancherà semp...
Ti perderò ancora...
Per non dimenticare...
caricaaat ... fuoco...
Anima antica...
La musica che non c'...
IL TEMPO...
Occhi blu...
HAIKU I...
ciao nadia...
La forza della gioia...
LA FINE DEL MONDO...
Haiku q...
La notte rosa...
Il pinguino...
Con delicatezza. No...
TENTAZIONE...
haiku n°4...
senryu 4...
Soltanto il vento...
Impressionante, davv...
PRECETTI DI SAGGEZZA...
MANICOMIO ITALIANO. ...
L’era dei Radical sc...
Sogno di un antico p...
Sensazioni 4...
È la notte...
Vento d'antico...
Quanto spazio nella ...
Highlander...
Dono divino...
Giorni sospesi...
come la brace...
I poeti li riconosci...
Bambina infibulata...
Spettatori e Attori...
L'infinito dell'ani...
Anch'io e le stelle...
Sei una follia...
MEDITERRANEO E BASTA...
Mutare dormendo...
-Iride-...
È l'oblio...
Mi parla la notte...
visioni future...
San Lorenzo (Maggior...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it



L’aprimitili

Maggio 2004



In quell'anno lavoravo dai Palazzo in qualità di commesso/magazziniere in un negozio di articoli casalinghi, precisamene per il quarto anno consecutivo e presto mi sarei licenziato in quanto ero in attesa di essere chiamato per il servizio militare.
Lavorare in quel negozio non mi dispiaceva affatto, ma c'erano parecchie note negative, a cominciare dagli orari di chiusura quasi mai rispettati, una salario piuttosto basso che si attestava sulle 240 euro al mese, l'intransigenza e la severità dei dispotici titolari ed infine i clienti che mi facevano andare fuori di melone in svariate occasioni.
In un tardo pomeriggio, mentre stavo sistemando in uno scaffale delle caffettiere e dei thermos, entrò una signora di mezza età dall'aria chiaramente borghesotta.
Non mi fu difficile etichettarla tale per via del ‘Buonasera!’ detto in maniera immodesta, dall'andatura rigida come se gli avessero piantato un palo nel culo e dal suo elegante completo grigio, lo stesso grigio dei suoi capelli.
Con circospezione cominciò a guardare in giro toccandosi più volte con il pollice e l'indice la montatura dorata degli occhiali e pregai mentalmente che non venisse a disturbarmi.
Riconoscevo praticamente fin da subito gli scocciatori e ahimè le mie preghiere non furono ascoltate.
«Mi scusi, sto cercando un aprimitili!» esordì.
«Un apri che?» chiesi, non afferrando cosa intendesse dire.
«Un aprimitili!» disse ancora.
«Un aprimirtilli?» storpiai erroneamente
«Un aprimitili!» mi corresse.
«Un aprimitili?» ripetei alzando gli occhi alla Leo, personaggio interpretato da Carlo Verdone in “Un sacco bello.”
Non ne venni a capo, la cliente non solo non mi aiutò ad identificare l'arnese dal nome curioso ma continuò la tiritera con frasi del tipo:
«Oh insomma, non le sto chiedendo nulla dell’altro mondo, desidero un semplice aprimitili!» - «Come fa a non sapere cos'è un aprimitili? È o non è un commesso in questo casalinghi?» - «Vuole che le faccia un disegnino?»
Non mi restava che affidarmi all’aiuto ad uno dei due anziani titolari, un azione che avrei preferito evitare in quanto avevano la tendenza di lamentarsi e di rimproverarmi aspramente se non riuscivo a servire adeguatamente i clienti.
«Signora Ada, la cliente desidera un aprimitili…» esposi non completando la frase temendo una sua prevedibile reazione non positiva.
«Aprimitili? E che è? Secondo me hai capito male!» mi disse sbuffando la vecchia.
La borghesotta ci squadrò con fare altezzoso e poi sdegnato, ci mancò poco che ci identificasse come degli incompetenti.
Persino il marito della proprietaria fu chiamato in causa ma si sentì anche lui in difficoltà e sollecitò la cliente nel dire in parole povere cosa fosse l'oggetto in questione apparentemente sconosciuto.
Non c’era verso, l’essere sibillina e la bastardaggine di quella lì proseguiva ad oltranza, sembrava farlo apposta.
Finché Pino, uno dei due figli dei titolari, essendo un esperto ed un perfetto conoscitore delle attrezzature casalinghe, avendo prestato in qualche modo attenzione alla situazione creatasi, lasciò per un attimo in sospeso un'altra cliente e andò a risolvere l’enigma.
«Giuseppe, la signora vuole un apricozze, i mitili sarebbero i molluschi!» mi informò acidamente e rimproverando il sottoscritto di peccare di ignoranza.
Inutile dire che i Palazzo diedero appoggio al figlio facendomi sentire un imbecille dopo che nemmeno i due coniugi stessi sapevano che fondamentalmente l'aprimitili rappresentava un maledetto coltellino.
La donna in “grigio” fu servita e finalmente si levò dalle scatole.
E dulcis in fundo, verso l'orario di chiusura, un'altra signora attempata volle da me un particolarissimo set, utilizzato ad esempio per la fondue di formaggi, di carne o per la cioccolata, ahimè collezionando immancabilmente l’ennesimo rimbrotto da parte dei titolari.
Fu la prima volta che sentii parlare dell’elvetico set da fonduta formato da un caratteristico caquelon, (una pentola in ghisa, terracotta o porcellana) un prodotto prevalentemente adoperato dagli svizzeri, dai piemontesi e dai valdostani di cui stranamente eravamo forniti.
Inutilmente provai a giustificarmi con i Palazzo sostenendo che nessuno nasce imparato, del resto non avevo molta dimestichezza del mondo della Cucina e soprattutto una totale conoscenza di tutti gli articoli del negozio.

Rincasando, mia madre si accorse fin da subito che quella sera apparivo più avvilito e spossato del solito.
«Peppe, com'è andata la giornata? Hai fame?» mi domandò preoccupata, «Ti ho preparato le cozze!»
«Non ti ci mettere pure tu, mamma. Oggi sono proprio cotto, anzi no, fuso... come una fondue!»



N.d.R. Il racconto si collega a "Il negozio di casalinghi" e a "Il bidone di plastica" già pubblicati su Oggi Scrivo.




Share |


Racconto scritto il 16/07/2019 - 19:14
Da Giuseppe Scilipoti
Letta n.96 volte.
Voto:
su 2 votanti


Commenti


Bravo Giuseppe, il tuo dire è molto interessante. Ti leggo sempre volentieri.

Ernesto D'Onise 19/07/2019 - 18:22

--------------------------------------

Certamente la cliente è stata un osso duro, ma per l'amore di lavorare, benchè mi pagassero due lire, ho bevuto il calice amaro fino in fondo, anzi due, considerando pure l'altra signora della fonduta.
E come ciliegina sulla torta:
le cozze che mia madre mi preparò per cena nonostante ero urtato dalla cliente "cozzara" le ho mangiate con appetito e quelle più ermetiche le ho aperte con la forchettina, altro che apriminchie emh... aprimitilli!!! :D :D :D

Giuseppe Scilipoti 18/07/2019 - 08:45

--------------------------------------

Grazie Santa e Maria Isabel.
Indubbiamente la cliente aveva coniato un termine che a detta sua era comprensibile. (infatti uno degli ex titolari ci era arrivato subitissimo però il testa di cavolo si è ben guardato a darmi subito aiuto/ausilio)
Non dimenticherò mai questo episodio, tra l'altro anche in base a dei miei precedenti lavori me ne son capitate di cotte e di crude in quei quattro tediosi anni in cui ho fatto lo schiavo/commesso/magazziniere!

Giuseppe Scilipoti 18/07/2019 - 08:44

--------------------------------------

Molto simpatico nel tuo stile... capitano di episodi così a noi stranieri... scrivi molto bene!! Aspetto il prossimo!! Un besote (beso grande)

Maria Isabel Mendez 17/07/2019 - 12:14

--------------------------------------

Ahahahah....spero che poi tu ne abbia regalato uno anche a tua madre! Scommetto che da allora ogni volta che mangi le cozze non puoi fare a meno di pensare alla stupidità di quella signora. Inoltre mi hai fatto ricordare lo sketch del "Sarchiapone". Anche se è una storia autobiografica sei comunque bravo nel saperla narrare. Un abbraccio.

santa scardino 17/07/2019 - 02:32

--------------------------------------

Ahahahah....spero che poi tu ne abbia regalato uno anche a tua madre! Scommetto che da allora ogni volta che mangi le cozze non puoi fare a meno di pensare alla stupidità di quella signora. Inoltre mi hai fatto ricordare lo sketch del "Sarchiapone". Anche se è una storia autobiografica sei comunque bravo nel saperla narrare. Un abbraccio.

santa scardino 17/07/2019 - 00:06

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?