Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

I MIEI RAMI...
L'amare e l'amore...
A CHILOMETRO ZERO...
Camminare...
UN CUCCIOLO PER...
Infuria vecchio temp...
LA SMANIA...
Coccodrillo...
E luce fu...
Caro amico di penna....
21 dicembre 2004...
LA MIA TESTA...
Dell'animo di un cig...
La Legna...
Buon compleanno sul ...
Haiku 12...
Vioaciocca...
Inverno...
Ricordo...
Mi piace camminare n...
Se tu non fossi qui...
Volgerò lo sguardo ...
Jack di fiori...
Fram men ti...
Come può l'Essere no...
Mamma mia, Grazie di...
Beethoven...
Il mare e la musica ...
Tu...
HAIKU R...
La panchina...
Tanka 16...
HAIKU N. 17...
Gli aiutanti di Babb...
La prima neve...
È così bello pronunc...
Capitolo Uno...
Non è le parole che ...
Non privarti dei dir...
Poesia...
DIRITTO E BISOGN...
Lasciare qualche tra...
Cala del giglio...
Roccia...
Tanka3...
E' poesia quando l'a...
Curriculì curriculà...
Qualcosa può nascere...
e non entro nel grup...
Quattrocchi...
L\'immagine...
Il peso specifico de...
Come quando d'incant...
L'Italia e L'Europa...
Un tramonto rosso fu...
Nebbia...
Nel vociare di un si...
Decisioni difficili ...
Sulla tela del cielo...
L\' arcobaleno...
Per sempre...
L' ISOLA CHE NON ...
Sapori...
Era tutto così silen...
Trasparenze...
Con Te...
Natale....
Tram...
PULVISCOLO...
Eco...
Frammenti....
IM RISPECCHIAVO DENT...
Il perdono...
Soffio...
21:52...
Gioia...
Conosci te stesso....
Sento il candore del...
A Natale non voglio...
Pezzo unico...
DIMMI CHE...
Come stella per Nata...
L'onda...
sfascio sociale...
E canto...
Se pensi che c’è tem...
FAME D' AMORE...
Ritorno...
Il poeta e il merlo...
Amarti è un piacere...
Fino al crepuscolo...
PET THERAPY...
Sola a Natale...
Tanka 15...
A te...
COME GLI DEI...
Il pupazzo di neve...
Avvento...
Le note filosofiche...
Sedia a rotelle...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it



Gianna la matta

Mi ero svegliato con una insolita eccitazione, una voglia di vivere ed uscire da queste quattro mura, che prima non mi era mai capitato. La ragione era semplice: dopo quasi due anni di frequentazione del Centro di Igiene Mentale di Torino, finalmente il direttore sanitario, consultatosi con la dottoressa Vergani Annalisa, aveva deciso che potevo uscire senza accompagnamento.
Anzi, non solo potevo uscire, ma dovevo anche sbrigare alcune pratiche semplici per conto del Centro.
Insomma, mi era stato dato l'incarico di consegnare la biancheria sporca alla lavanderia Calimero, associata con il nostro CIM, e ritirare quella pulita. Un incarico di responsabilità. Dovevo fare venti euro di gasolio al furgone, firmare la bolletta di accompagnamento, e mi era stato permesso pure di fare colazione al bar.
« Questi sono venticinque euro » , mi aveva detto il direttore, « so che farai le cose per bene »
Esagero se dico che mi sentivo euforico? Ormai ero un paziente guarito, e le uniche medicine che prendevo erano dosi ridotte di xanax, ma solo nei periodi di attacco di panico.
Basta, accendo il furgone con tutti i pazienti che mi salutano come se andassi in America, e imbocco il viale che porta al cancello d'ingresso. Accendo la radio, e vado a beccare proprio una frequenza sulla quale stanno trasmettendo Vasco Rossi. Troppo fortunato. Iniziamo bene. Mi accendo una sigaretta, mi sistemo sul sedile, ed esco.
La vita è bella, mi viene spontaneo pensare.
Alla seconda rotonda imbocco Viale Sabaudia, con i suoi tigli carichi di foglie pronte a cambiar colore, segnale che l'autunno è qui. Stagione triste, l'autunno, rappresenta la fine della vita estiva.
Ma non per me...io ho l'animo in allegria primaverile. Quei tigli mi paiono in fiore; ne sento il profumo.
A metà viale, sulla destra, c'è il distributore di benzina. Dietro il distributore sono sorti tre grandi palazzi, pieni di gente che lavora, e allora il gestore ha aperto pure un bar e ha tolto il cancelletto posteriore, per far entrare a piedi gli abitanti.
In questi palazzi ci abita Gianna, che qui chiamano la matta. Lei non mi conosce, anche perché testarda com'è non ha mai voluto chiedere aiuto a nessun centro di igiene mentale, quindi non ci siamo mai incrociati. Però io conosco la sua storia, e so quel che fa quando incontra qualcuno che non le va a genio. Una volta è entrata nel bar del distributore, c'ero anch'io, ma me ne stavo andando.
Sbraitava con tutti, diceva parolacce alla gente che la prendeva in giro.
“ Ah stronzo, sei una merda, un escremento umano... » , gridava, rivolta a un tipo con la faccia poco raccomandabile.
Lui gli faceva le pernacchie, rideva e le diceva:
« Gianna la matta, in calore come una gatta... »
Lei digrignava i denti, e il suo bel viso di attrice drammatica si trasformava. Aveva i capelli lunghi e neri, mossi, arruffati, due occhi profondi come pozzi dentro i quali pareva si nascondessero tutte le paure del mondo. Alta, ben fatta, con due gambe lunghe che nascondeva sotto un'ampia gonna colorata, come quelle delle zingare. Portava sempre una camicetta viola, scollata, dalla quale si intravedeva un seno alto e pieno, sodo. Quando inveiva pareva che piangesse, e sul viso scorreva una traccia di nero, forse il mascara, usato in abbondanza per dare risalto agli occhi.
Quando la chiamavano Gianna la matta, oltre a sbraitare e dire parolacce, faceva una danza strana che a me dava l'impressione di essere una sorta di rito tribale: si alzava la gonna fino al mento e mostrava le gambe, ancora belle nonostante non fosse più giovane, e digrignava i denti emettendo, al contempo, un suono gutturale, come quello di un animale ferito, o arrabbiato.


Metto la freccia ed entro al distributore. Mi fermo davanti alla colonnina del manuale, anche perché il gasolio del fai da te costa meno. Infilo i soldi, due pezzi da dieci, e prendo la pistola. Appena terminata l'operazione, chi vedo? Proprio Gianna. Mi pare che voglia entrare nel bar, ma il benzinaio glielo impedisce.
Non faccio a tempo a salire sul furgone che lei, inveendo verso l'uomo, un bestione che ha l'aspetto di un orso scorbutico, urla:
« Lo sai, sei una testa di cazzo... »
Poi viene da me con fare deciso ed io, tra il divertito e lo spaventato, aspetto che mi dica qualche parolaccia, come suo uso e costume. Invece, con grande calma e gentilezza mi fa:
« Mi scusi bel signore, mi manda gentilmente affanculo quella faccia da cazzo del benzinaio, non trova anche lei che è un testa di cazzo? »
Incredibile, mi ha trattato come fossi un gentiluomo.
« Come no, signora, per una bella donna come lei, questo e altro »
Vado dal benzinaio con il sorriso sulle labbra, e gli schiaccio l'occhio. Che posso fare...spero non se la prenda.
« Senti, la signora mi ha pregato di riferirti che sei una gran testa di cazzo. Però se ci lasci entrare nel bar a far colazione, ritira tutto. Ah, dimenticavo...e vaffanculo... »
L'uomo, fortunatamente, è meno scorbutico di quel che sembrava. Fa un inchino di lato e mi dice, indicando il bar con un braccio:
« Prego, accomodatevi... »
Gianna si avvicina, mi prende sottobraccio mentre apro la porta del bar, e mi ringrazia.
« Due cappuccini e due brioche, massimo cinque euro. Non ho altro », dico io d'un fiato.
Lei mi guarda e mi fa un sorriso, che non posso dimenticare:
« Non ti preoccupare per i soldi. Li ho io...e poi, se non ci si aiuta fra di noi... »


Tornando dalla lavanderia pensavo ancora a Gianna e mi venne spontaneo un pensiero: “se non ci si aiuta tra di noi” poteva essere presa come un'offesa, e invece a me è sembrato un gran bel complimento. Felice e contento di essere stato riconosciuto.
Al Centro, il direttore mi aspettava.
« Allora, com'è andata...bene? »
« Di più », dico io, e in quel momento capisco che posso rimettermi a vivere. Alla grande.




Share |


Racconto scritto il 17/11/2019 - 18:39
Da Giacomo C. Collins
Letta n.169 volte.
Voto:
su 5 votanti


Commenti


Un racconto nuovo! Molto psicologico, effettivamente l'immagine sociale che si ha di se stessi dipende pirandellianamente da come gli altri ce la rimandano. Gianna ha rimandato l'immagine del "bel signore" ed il signore si è fatto "bello".

Glauco Ballantini 20/11/2019 - 08:08

--------------------------------------

Giacomo

Margherita Pisano 18/11/2019 - 21:18

--------------------------------------

Grazie a tutti...per Margherita: no, è inedito, forse qualche altro racconto sempre in tema di malati psichici per i quali ho una simpatia essendo pure io mezzo matto....ahahahahha...

Giacomo C. Collins 18/11/2019 - 20:30

--------------------------------------

Posso averlo già letto secondo te?
Forse è solo la sensazione che mi ricorda qualcosa di bello in questo racconto scritto con tanta passione per far emergere il bello delle persone...nella sensibilità che ti contraddistingue sempre.
E Gianna la rappresenta bene!
Ciao Giacomo bravissimo

Margherita Pisano 18/11/2019 - 20:06

--------------------------------------

Complimenti Giacomo. Questo racconto rimane impresso, e non credo di esagerare definendolo "un capolavoro". ancora complimenti

Francesco Gentile 18/11/2019 - 19:09

--------------------------------------

Bello! Ma tu lo sai già e complimenti anche per il tema trattato.

Antonio Girardi 18/11/2019 - 17:52

--------------------------------------

GIACOMO....Questo racconto scritto molto bene mi rattrista e rallegra allo stesso tempo. La follia della povera Gianna è innocua, non fa male a nessuno. I veri pazzi sono quelli che ci distruggono l'esistenza con balzelli e leggi assurde. Spero che la storia non sia autobiografica, anche se gli artisti sono tutti un pò matti...scherzo è tardi ti faccio i complimenti sempre bravo, notte poeta.

mirella narducci 17/11/2019 - 23:52

--------------------------------------

Racconto sulle sindromi mentali che con sensibilità e leggerezza ci fa provare tenerezza e solidarietà nei confronti del protagonista,ma anche capire la difficoltà di queste persone ad affrontare la vita “normale “.Ma cosa vuol dire normale ,non vuol proprio dir niente.Fossimo noi normali in grado di aiutarci come i due protagonisti, ma no non ci si aiuta più, non ci viene nemmeno in mente:altri sentimenti dominano la nostra attuale società.

Anna Maria Foglia 17/11/2019 - 22:13

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?