Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Noi siamo nati liber...
Decoro...
PROFUMI D'INFANZIA...
Bagagli...
PRIMO AMORE...
IO NON MORIRÒ...
Occhi...
CHI LEGGERA\' LE NOS...
Si fa sera...
Il giudizio, ammesso...
Dite qualcosa...
LA RABBIA...
ARIDA NOTTE...
Frammento d’amore...
La rosa gialla...
Blue Lobelia 1.15...
Paura...
BULLISMO...
Non esiste una teori...
TUTTI E TRE...
L'ombra dell'uomo ch...
Le parole più dolci ...
Scalata...
Bacio...
La saggezza consiste...
Mare in tempesta...
Prendimi per mano...
Il vinto sorgerà...
La filosofia (pensar...
Ramanujan...
soltanto un sogno...
Ritagli di vento...
L' AMORE RIPOSA...
CIMITERO ALL'IMBRUNI...
I colori dell'anima...
lascia andare...
Fiori di Pesco...
La malattia dei rico...
Emozioni a colori...
Blue Lobelia...
BRIVIDO CALDO...
CORIANDOLI DI VITA...
Il vento infausto de...
Vespero...
La distanza...
Una sera lontana...
Ti ruberei...
Le stagioni della vi...
La frontiera...
Parla...
ACCIDENTI ALL\' ...
Minchia! Signor tene...
Haiku 26...
Causa e Effetto...
Retorica-mente?...
Erotico sogno...
La erta salita...
In equilibrio instab...
PRIGIONIERI DEL COVI...
POI NULLA PIÙ...
Click ()...
Panacea...
Quel tempo che fu (l...
Il mondo che verrà...
Quando finisce un am...
E' tutto qui...
Possiamo...
Calpestar il proprio...
Non è un granché (v...
GAMBERO...
FERMA È LA VITA...
Metafisica...
Il venditore di frit...
Paese mio...
Stella...
LA FEDE...
IL PROFUMO DELL...
Diogene e il sonetto...
Dominique Noir...
Chiaroscuro...
La provocazione è un...
Si comunica non per ...
La Tigre...
Poeti stropicciati...
IL SOLCO DELLA MATIT...
PIOGGIA SABATINA...
Patate in picchiata...
Solo fra i soli...
Un sogno...
Il colore dei ricord...
La crociera...
Dimmi quanto mi desi...
Un incontro fatale...
Nuovi colori simili ...
Nell'aldilà...
LA TERZA GUERRA MOND...
Sorrido...
Elisir Di Una Madre...
La mia dimora...
Sorridi, credimi e l...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it lecasedeipoeti.blogspot.com

IL CREATIVO

Quando vuoi salire in alto, ti accorgi che la vita di prima non è compatibile con la vita di un creativo. Quando il creativo comincia a camminare per la sua strada in pieno silenzio e solitudine, riesce ad ascoltare meglio il suo mondo e comincia a capire ciò che desidera, ovvero sfogare la sua creatività giorno e notte.


Il creativo ha delle persone che lo spingono in alto, ma sa che comanda lui nel bene o nel male, rifiuta di camminare in mezzo alla società per non essere più influenzato dal grigiore delle solite strade e dei luoghi comuni, si crea il suo habitat naturale, magari con altri creativi, persone che nessuno capisce ma insieme la sanno lunga.


Anche se sembra tutto fantastico, il creativo quello vero, quello serio, si sente divorato dall'ansia in alcune notti, come se lo stomaco e il cuore esplodessero in una bolla acida di sangue. L'unico modo che ha di rilassarsi è quello di creare lontano da tutto.


Il creativo vive sostanzialmente di arte e cupezza, lo fa sentire bene e in pace, guardando da lontano la società che si annoia davanti al classico lavoro, davanti al classico drink, davanti alla classica passeggiata, ma nel mezzo di ogni noia, l'individuo comune ascolta, guarda, legge o ammira ciò che il creativo sforna dal suo segreto pianeta lontano.


Così il creativo si sente parte comunque del mondo, ma lo fa sotto forma di qualcos'altro, consapevole che non tutti capiranno ciò che ha creato, ma lui sorride, perché ha ottenuto la vita che ha sempre desiderato.


Quella fuori da ogni schema.




Share |


Racconto scritto il 23/02/2021 - 21:58
Da Ejay Ivan Lac
Letta n.78 volte.
Voto:
su 0 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?