Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

FERVORE LATENTE...
Biondo Corsaro...
Cielo senza stelle...
E' inutile chiedere ...
Stò come una piuma a...
LA GAZZA LADRA IN CU...
La sensibilità è una...
Volerò...
lei scoprì le spalle...
La maschera di Hallo...
16 Ottobre 1943...
Di notte...
L'inciso e i lillà...
Natale a Auschwitz...
Il sole è un grande ...
Dici…...
TEMPO...
I SOGNI CHE NON HO F...
Passa il tempo...
SILENZIO...
Vuoto esistenziale...
Il “ primo amore “...
TrAsPaReNzE...
Verso la nuova luce...
Giochi tecnologici...
IL VERO AMORE CRESCE...
Lo sportello dell'in...
Voglio sentire...
BRICIOLA...
IL RUMORE DEL ...
DONNA...
I ricordi fioriscono...
CENERENTOLA LA NOTTE...
Questa gioia nuova...
Chiarezza...
Intrighi...
L'eco del passato...
Scie tra questi fogl...
LA TRISTEZZA HA I TU...
Il mare in autunno...
Notturno Toscana...
Ho rinchiuso il poet...
SE L'AMORE NON E' UN...
Sovente è al crepusc...
La lampada d'oro...
Albert Einstein....
Quante ombre......
Ti amo...
Addio...
Foglie d’autunno...
Me so montato 'a tes...
L'impalpabile...
Attimo d'amore...
L'albero della vita...
Il Milite ignoto...
PRANZO INDIMENTI...
Amore silenzioso...
Haiku...
Chiedendo alla notte...
Incontrare te, è sta...
La bellezza delle do...
Cara mamma...
L'ETERNA LOTTA DELL'...
CARPE DIEM...
Nel Sole Ho Camminat...
25 miglia nautiche...
se chiudo gli occhi...
Tamara...
L’ESTASI E IL RIFIUT...
LA MIA MENTE NEI RIC...
Per Satana (con disp...
L'intento...
UNA BELLEZZA MATURAT...
Che i ricordi non si...
La ragazza madre...
I sogni non sono mai...
Un sogno vero...
All'amore per la pot...
Taglio e ricucio...
Fuori stagione...
-Haiku- è andata via...
Poi arrivi tu...
Gocce di vita...
Armiamoci ed entriam...
Senza passato...
L’Artista...
FUORI CATALOGO...
Ottobre...
E io sorrido...
Il sogno...
L'uomo è come la lun...
tu...
Davanti a un dilemma...
La cena delle beffe...
COLORA L'AUTUNNO...
PANCHINA...
CONOSCIAMOCI MEGL...
I'm...
La morte...
Il vento è più fredd...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

IL FINALE

Le istruzioni sono:

Scrivi un racconto che termini così:
Mi è venuta vicino e mi ha sussurrato in un orecchio.
- E tu scemo mi prometti che ci rivedremo?
- Te lo prometto
Quando mi sono svegliato lei era andata via. Mi aveva lasciato un biglietto


~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~



spicchi

I primi spicchi di luce, i primi chiarori e la magnifica manifestazione dell’aurora ebbe inizio. Avevamo deciso di dormire lì, con il sacco a pelo ed un tappeto di stelle sottosopra…
Non avremmo mai pensato, mai….


Mi chiamo Filippo e sono un uomo finito, ormai…..


Lei, sposata, separata ed una figlia ormai indipendente
Io, single per scelta, o per scelta di altri (chissà)….
Ci eravamo incontrati in una palestra, un incontro scontato, quasi ovvio…lei schiva, io non meno di lei…eppure, uno sguardo, quei tapis roulat adiacenti e l’asciugamano di lei che rotolava sulla pedana fino a terra. Io scendevo velocemente a raccogliere l’asciugamano ed a porgerglielo con grazia. Lei, con un sorriso, ringraziava.
- Mi scusi, ma davvero mi sento una papera su questo coso….ho anche paura di cadere. Grazie mille!
- si figuri, per così poco…beh, si…se non fosse per il fatto che me l’ha consigliato “vivamente” il medico, di certo, non sarei qui
- Già ah ah ah, i miei 25 minuti sono terminati…ed anche oggi è fatta! Quindi, “a rivederci su queste trappole, allora”…ah, io sono Linda…
- Piacere, Filippo. Si, a presto!
Nulla di chè, quindi…ed immediatamente dopo eravamo tornati a pensare a quel che stavamo pensando esattamente prima delle due chiacchiere…(perché di due, si trattava).
Il venerdì successivo, stessi tapis roulant adiacenti ed un :
- salve
- salve
- guardi, non è per attaccare discorso, ma lei sa mica che tipo di lezione facciano in sala 1?
- No, non ne ho idea. Inoltre, credo siano tutte donne.
- Già, forse dovrei provare….beh, si ci provo. Grazie mi scusi
- Di che? Anzi, mi dica poi se le è piaciuto…..


E da qui ebbe inizio una lunga serie di conversazioni a giorni alterni, lunga quanto il tempo impostato sul macchinario che, guarda caso, aumentava sempre più.
Dopo tre lunghissimi mesi (incredibilmente), non ci davamo più del lei e (strano solo a pensarlo) ci demmo un appuntamento al di là della pedana…..
La invitai per un gelato….(e che pensavate? Un aperitivo? Una pizza? No…per carità)
Linda accettò e ci incontrammo direttamente in gelateria…
Io, jeans blu notte, camicia a quadrettoni blu e beige, cinta nera, scarpe marroni tirate a lucido
Linda, pantalone con pinces celesti, camicia bianca lenta, sopra i pantaloni, infradito
(Beh, due comuni mortali, senza un minimo di gusto estetico e soprattutto senza voglia di far colpo)
Ottimo gelato….(almeno quello)
- Linda, ti piace?
- Si, davvero ottimo….non vorrei sporcarmi la camicia però (…e sai che tragedia….)
- Sai, conosco un posto dove ti danno anche il bavaglino… (che simpaticone)
- Ahahahah bene, allora la prossima volta lì….
Ops, ha detto la prossima volta, quindi mi toccherà invitarla di nuovo…..mmmmmhhhhh……
- Filippo, però la prossima volta il gelato lo offro io (…che esagerazione!)
- Ma io veramente stavo pensando che potremmo andare a mangiarci una pizza….magari anche adesso, che ne dici? (no, vabbè, tutto st’entusiasmo mo’?????)
In realtà la stavo guardando, forse, con un’intensità diversa…mi piaceva come gustava il gelato, come muoveva le mani, mi piacevano i suoi occhi, il suo seno appena accennato, il suo corpo mediterraneo dentro a quegli abiti così ordinari, la sua eleganza, quella di una donna che non sa di essere sensuale e che non fa nulla per apparire….
- Adesso? (e daiiiiiii, andatevi a cambiare, però)….beh, si potrebbe anche fare, perché, no?
Forse anche Linda si stava, per la prima volta, accorgendo di me
- Quindi, prenoto? È una pizzeria carina, dovremmo andare in macchina, però…
- (oh, ma quanta audacia….) ok, va bene. Però, vorrei cambiarmi…si, con questa macchia di cioccolato sulla camicia, proprio non mi va
- Bene, vado a cambiarmi anch’io (e menomale…). Dove posso passarti a prendere?
- Abito in via LAGIOCONDA 13 (e dov’altro potevi abitare????)
- Ok, passo da te fra un’oretta al massimo
Puntualissimo, con una range rover velar rossa, vestito di tuttopunto, casual ma ricercato e quella barba incolta che per la prima volta, ho notato, le stava provocando una seppur minima emozione…..
Lei, splendida. Un abito blu aderente, a sottolineare il punto vita, capelli sciolti ed un trucco appena accennato, estremamente sensuale.
Quasi non la riconosco…. che spettacolo!
****
Beh, è qui che comincia la storia, la nostra storia….
Due anime uscite da un bozzolo, con tanta voglia di rientrarci che, controvoglia si conoscono, controvoglia si incontrano, si parlano…..
Non vi scriverò del nostro amore, ma di quella gioia di vivere che non avremmo mai pensato di possedere, di quei giochi da bambini, di quelle uscite in bicicletta (….al diavolo la palestra) e di quei baci rubati al tramonto, all’alba, alla cena, alla spesa, ai corsi di aggiornamento…insomma, quell’assolutezza che si vive raramente nella reatà, raramente nel quotidiano….
Di quei biglietti sparsi con: ti amo! Torno per cena…aspettami dove sai! Come potrò arrivare fino a domani senza sfiorare il tuo seno???? In bici? Si, ma prima hai un impegno importante, non ricordi? Aspetterò con ansia le tue labbra da mordere, la tua pelle morbida per poi lasciarmi morire…o anche: incredibile, cercavo lo zucchero ed ho trovato le scarpe che cercavo ieri, sei folle! Oppure: inutile che mi lasci la macchina se ti porti via le chiavi prrrrr, o anche: ma pensi che il secchio della spazzatura arrivi con le proprie gambe fino al cassonetto??? svuotaloooooooo
Un amore….breve, quanto una pagina di diario, intenso… quanto il profumo del gelsomino, puro e cristallino quanto l’acqua di sorgente
Ma Linda non poteva ed io non sapevo
E poi, quella notte come tante altre, le nostre risa, quel bicchiere di vino fruttato, la sua pelle morbida e setosa, il mio desiderio, la sua sensualità, le parole sussurrate all’orecchio, granelli di sabbia dappertutto, il suo profumo ovunque….ci addormentammo abbracciati, come sempre del resto.
Non riuscivo a svegliarmi, la testa pesante, i sogni insistenti, irrequieti
E la nascita di quel giorno, con quella splendida aurora
Mi è venuta vicino e mi ha sussurrato in un orecchio:
- E tu, scemo mi prometti che ci rivedremo?
- te lo prometto.
Quando mi sono svegliato lei era andata via. Mi aveva lasciato un biglietto.




Share |


Scrittura creativa scritta il 13/09/2018 - 20:14
Da laisa azzurra
Letta n.216 volte.
Voto:
su 0 votanti


Commenti


Non mi aspettavo una laisa così brava a narrare...ma un poeta è sempre anche scrittore, riesce a far passare emozioni e sentimenti. Bel racconto, fluido nella narrazione, con la giusta tensione descrittiva, e un briciolo di emozione che non guasta mai. promossissima...ciao.

Franca M. 19/09/2018 - 11:25

--------------------------------------

Brava, concordo con i commenti, Racconto che prende. Ben scritto ed emozionante. E' comprensibile, a me succede sempre, che la bravissima Laisa, trovi qualcosa che poteva esser scritto meglio, qualche omissione, etc. A me è piaciuto tantissimo, emozione tantissima, e bellissima scrittura. Bravissima! Francesco.

Francesco Mereu 15/09/2018 - 21:20

--------------------------------------

Grazie Paola cara
Ma quando un ciambellone viene male, meglio buttarlo via ed, eventualmente, ripreparare accuratamente gli ingredienti.
Un bacio a Felice sabato a voi tutti

laisa azzurra 15/09/2018 - 13:58

--------------------------------------

Ciao Laisa... invece questa storia prende, la trama è buona ed emozionante come le tue poesie.
Magari andava lasciata lievitare un po'per apportare in seguito qualche modifica, ma lo puoi sempre fare.
Letta davvero con piacere, anche se in ritardo...
Brava e buon fine settimana!

PAOLA SALZANO 15/09/2018 - 12:33

--------------------------------------

Si Margy, sono assolutamente d'accordo...un finale che nn mi ha entusiasmata, ma la bravura starebbe proprio in quello e Grazia ce l'ha dimostrato....
Grazia, sei in angelo.
Sai, come quando fai una torta, un ciambellone...e ti rendi conto, alla fine, di nn aver messo il lievito...
Ma...alla prossima sfida!!!!
Un bacio a tutti


laisa azzurra 15/09/2018 - 10:07

--------------------------------------

Rileggila con calma
la seconda parte è trascinante

Grazia Giuliani 14/09/2018 - 20:59

--------------------------------------

Sono sincera Laisa...sono d'accordo con te! Una bella storia comunque e sei stata brava nel comunicare i loro sentimenti!!!
Bacio tesoro

Margherita Pisano 14/09/2018 - 15:56

--------------------------------------

E' sempre bello leggerti Laisa, hai molta comunicativa. Complimenti.

Paolo Ciraolo 14/09/2018 - 13:04

--------------------------------------

Tesoro ma è bellissimo
Sei super
Un abbraccio

Mary L 14/09/2018 - 12:24

--------------------------------------

Letto con interesse .Anche nelle storie comuni c'è la tua bella comunicativa, che le rende belle.Molti brava.

Teresa Peluso 14/09/2018 - 08:11

--------------------------------------

Sarò sincera. Nn mi piace, ma ho davvero poco tempo e ricominciare con una storia diversa, proprio nn avrei potuto.
Ci sono errori, nn c'è emozione. Va beh, è andata così
...ma GRAZIEEEEE


laisa azzurra 14/09/2018 - 07:50

--------------------------------------

bello lettura interessante e scorrevole grazie

gcr poeta lupo dell'amiata 13/09/2018 - 23:51

--------------------------------------

Vorrei leggerlo con calma, e ora sono molto stanca...scusami Laisa passerò domani da te! Ti abbraccio e dolce notte tesoro!

Margherita Pisano 13/09/2018 - 22:00

--------------------------------------

Molto bello il racconto e fluido.

Antonio Girardi 13/09/2018 - 21:32

--------------------------------------

Hai liberato fantasia ed emozione,
dopo la conoscenza apri alla bellezza dell'innamoramento, uno stato di grazia sublime, e lì mi hai dato i brividi...
Stupenda e trascinante Laisa
Un applauso alla tua scrittura
Con tanto bene

Grazia Giuliani 13/09/2018 - 21:30

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?