Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Il torto del padre...
ho vagabondato in ce...
Pensieri d'Amore...
Piccola chiave...
Anche le bugie posso...
Così amo...
PRIMAVERA DENTRO ME...
La via di casa....
Riflessi...
L'inizio di una gran...
La nebbia negli occh...
L unione degli eleme...
Un ultimo gesto....
Se...
Niente fretta, Auré!...
La promessa...
Daiee!...
Il Carisma...
Ninna Nanna...
CORALLINA...
ANGELI...
Giochi di fantasia...
ECO INFINITO.......
CLOWN...
Questo strano. Senti...
Gocce d’acqua...
Solo un sorriso...
Fiori Liberi...
La vita mi schiocca ...
Girotondo tra le ste...
LA LUNA NON SI SPEGN...
Milano vanesia...
Guarderò la luna mor...
Dolce follia...
Attraverso lo specch...
LA MUSICA DEL CUORE...
guardandoti...
Kaori la rossa...
Ruderi ricordi...
Quando tu......
Buon Natale a tutti,...
LA MIA CANZONE...
Avrai......
A Natale si assapora...
Ancora......
Emozioni...
I RICORDI RESTANO...
Nun so romano...
Mentre le mani...
LUCCIOLE IN TERRA ...
Ancora domani...
superbia...
tempesta dentro...
TEMPESTA DI FINE AUT...
ASPETTANDO IL T...
La farfalla...
...te ne vai, con la...
Io devo proseguire...
FRIZZI E LAZZI...
Invincibile...
Sola cosa importante...
Nevica...
La notte mi prende p...
Odissea d'amore...
Verità Incompiuta...
Eppur mi sono scorda...
Istantanee...
Ultima goccia di cer...
CHE FATICA AMARTI...
Tu che più di chiunq...
VENTUNO A RISPETTO D...
BASTA...
il ruolo del poeta...
QUESTO È IL MIO NATA...
Disperso in una nott...
È Natale che...
Un gelido tramonto...
Antonio...
Come è grande...
Fido...
La fioraia...
IO SONO CAMBIATA...
Cielo pirico...
E mi cruccio, a sera...
Un brano al vento...
Io volo...
Rimembranze...
Monologo del Tacchin...
Mia adorata Paky...
Scelgo le perle...
LA POESIA PIÙ BELLA...
Luci di Natale...
Lettera ad un amico...
Se mi ami...
bene e male...
La moje in vacanza (...
Riempimi di te...
Lacrime...
LUCCIOLE IN CIELO ...
milite armato d'amor...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

a gallina femminista

Appena jornu,
quanno arbeggia
s'arza lu gallittu,


montatu su lu trespulittu
la sveja da
a tuttu lu vicinatu.


Smania e canta, se paoneggia
credennose lu re de a reggia,


ruzzula, sbatte l'ale, pare lu padrone,
becca per primu lu granturcu a colazione


fa a corte a e purcine
lu don jiovanni co 'e vecchie galline...


Quanno vede a biocca
se sente nu patriarca,
co orgojo se lustra e piume.


Na gallina che stia a covà
scojonata da sta situazzione


nun potennone più de lu maschio padrone
je disse na matina:


-a sor gallu, presteme ascordo:
Tu si lu gallu, d'accordo
ma lu seme è pure mjo,
l'ovo u faccio io!


Usa a raggione;
tu hai fattu solu
a fatica de lu gruppone!-



Share |


Poesia scritta il 25/02/2015 - 14:59
Da loretta margherita citarei
Letta n.441 volte.
Voto:
su 5 votanti


Commenti


Piacevole nella sua vena umoristica...
Trilussiana?

Rocco Michele LETTINI 25/02/2015 - 22:17

--------------------------------------

Sempre più belle le tue poesie. Allegre ; e sorrido sai? Ho è difficile far sorridere!Complimenti

luciano rosario capaldo 25/02/2015 - 21:05

--------------------------------------

Fortissima questa tua Lor!Mi ha strappato un sorriso!!
Eccellente

Paola Collura 25/02/2015 - 20:27

--------------------------------------

Simpaticissima, il gallo è sempre prepotente ma non fa l'uovo,bravissima,complimenti LOR

genoveffa 2 frau 25/02/2015 - 19:42

--------------------------------------

Eh cara Lorè, prima o poi qualche pollo ci casca! Sempre brava!

Salvatore Linguanti 25/02/2015 - 19:39

--------------------------------------

Veramente belli questi tuoi componimenti
bravissima!

giancarlo gravili 25/02/2015 - 19:13

--------------------------------------

grazie elisa

loretta margherita citarei 25/02/2015 - 18:58

--------------------------------------

Deliziosa!
Ciao Elisa

elisa longhi 25/02/2015 - 18:41

--------------------------------------

grazie paolo

loretta margherita citarei 25/02/2015 - 18:37

--------------------------------------

traduzione

appena giorno
quando albeggia
s'alza il galletto

che messosi sul trespoletto
da la sveglia a tutto il vicinato.

Smania e canta, si pavoneggia
credendosi il re della reggia.
ruzzola, sbatte le ali, si crede il padrone
beccando per primo il granturco
a colazione.,

fa la corte alle pulcine,
il don giovanni con le vecchie galline.

Quando vede la chioccia
si sente un patriarca,
d'orgoglio si lustra le piume.

Una gallina che covando sta
scocciata da questa situazione,
non potendone più del maschio padrone
gli disse una mattina:

-Signor gallo, mi dia ascolto:
lei è il gallo, son d'accordo,
ma il seme è anche mio
l'uovo lo faccio io!

Usa la ragione:
-tu hai fatto solo
la fatica del groppone!-


loretta margherita citarei 25/02/2015 - 18:37

--------------------------------------

Molto carina, è vero è la gallina che sostiene il peso maggiore di fare l'uovo. Brava e complimenti.

Paolo Ciraolo 25/02/2015 - 18:16

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?