Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Mi sentii amato...
Odio e amore...
Le lacrime...
Quannu vegnu o me pa...
NOCTUA PRONUBA...
Barcollo...
Una tiepida scia di ...
Se decidi di donarmi...
LE CANZONI...
C'era una volta la m...
DUE NOVEMBRE...
Il tramonto...
Musa...
IL CUORE E L' ...
Parlami ancora!...
Storia di una vita c...
Quegli occhi...
Relax emotivo...
Terra bagnata...
Madreluna...
Nella vita non smarr...
Penzeno pe' noi...
Oro bianco...
Forse ti amo... fors...
Di là della siepe...
Grazie...
Tascapane...
Il borgo incantato...
Occhi verde Amazzoni...
L'anima si spezza so...
Per essere davvero f...
L'incudine...
S.Francesco....
E' Tempo...
Nell'ebrezza dell'az...
Nelle sere...
Pirchì scappi?...
Dentro a una parente...
Giulia...
AMOR CHE A NULLO AMA...
Il cantautore...
Spesso nelle risate ...
Terre in moto...
Oasi...
A volte il perdono r...
La mia dolce musa...
Fiammelle Autunnali...
Un mattino d'autunno...
Ch'io possa...
Il borgo...
Le vere gioie...
Non calpestate la po...
Piacere, sono IO....
RIMEDI PER CHI RU...
SOSPIRO...
Chissà se Chiara Dor...
DOLCE TRISTE AT...
baciata dalla luna...
Quel che rimane...
Ode a Trieste....
Ebbrezza marina...
Prime impressioni...
La luce negata...
Poche Luci...
Gelato a due gusti...
Alba...
RIFLESSO DI SGUARDO...
IL PRESENTE...
LE CAVERNE DEL CUORE...
Il dolore è come un ...
Campi di anime, per ...
Grigio di nebbia...
Un fiume rosso sangu...
Vola in alto Perché...
PENSIERO D'AUTUNNO...
a Charles Bukowski...
Le rapide dei sogni....
POLVERE D'AMORE...
Attimi...
Diniegato...
Al buio di una caver...
A Genti quannu tinta...
Sfumature d'indaco...
In città...
ECLISSI DI LUNA di E...
Quando va via la neb...
Problema...
adamo ed eva...
Giorni di paura...
Ho ucciso il mio Cuo...
DUBBI...
L'obeso...
ho visto Te...
la fine...
Il tuo amore per me...
Il Silenzio...
OSSERVARE ANCORA...
Ho perso il cielo st...
non camminare davant...
Il salvadanaio...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it



Human Behavior

Aspettando la sera,
le finestre del mondo
si aprono nelle luci sfumate
del crepuscolo.


Piedi su alti tacchi di vernice
calpestano grattacieli di vetro e cemento.
Barattoli cromati
corrono su serpenti di catrame,
attorcigliati ai gomitoli delle illusioni.


Gambe lunghe
scoprono nudità su cui scivolano
bocche affamate di sesso.


Occhi chiusi, piangono
liquido seminale,
strappato a feroci inguini,
latranti come cani confusi
dall'incertezza del tempo.


La Terra geme,
per le ferite di artigli affondati
nei sui seni.
Il cielo chiede perdono
per aver scambiato l'umanità
per angeli dagli occhi bianchi.


Il sangue è diventato denaro.
I denti si spezzano
nel mordere pietre vive
invece che pane.


Dio, non ti avevo chiesto niente.
Perché mi trovo qui?
Sono forse un verme
in mezzo a milioni di vermi
che vivono il tempo di un istante
e poi tornano nel putrido fango
senza nome?
@Gianny Mirra



Share |


Poesia scritta il 28/02/2015 - 15:11
Da Gianny Mirra
Letta n.347 volte.
Voto:
su 7 votanti


Commenti


Immagini molto molto belle e ben descritte con una efficacia che trovo geniale. Bella.

luciano rosario capaldo 01/03/2015 - 13:33

--------------------------------------

Un ritorno gradito per esemplar verseggio... profondo fino a tirarci nel suo intenso pensiero... Lieta Domenica...

Rocco Michele LETTINI 01/03/2015 - 12:30

--------------------------------------

A parte il titolo che fa tanto conferenza su temi sociali, il testo è forte, sentito, con immagini efficaci che prendono. Molto bella. Saluti, Fabricio

Fabricio Guerrini 01/03/2015 - 00:23

--------------------------------------

Ciao Gianny, bentornato.
Molto profonda questa tua, tu sempre bravo! Tanto apprezzata. Ciao...

Gio Vigi 28/02/2015 - 22:57

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?