Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Ros Maris - rugiada ...
NUVOLE...
SOLO FUMO...
Verso l'erba d'autun...
Er Bijettaro...
Campanili antichi...
La conoscenza umana ...
Il tempo che passa...
dove nasce il vento...
La mia roccia...
Vampiro errante...
Ferro...
Nella città...
Pensate.....
BACIAMI ANCORA...
GRAZIE MAMMA...
Portami con te...
Rachele...
IL MARE TRA DI NOI...
Sipario sulla notte...
Fame...
A Guido...
A volte capita che n...
UN VIAGGIO CHE NON F...
Accarezzo il mio cuo...
per pudore, per inco...
Le foglie...
I ricordi che ti han...
Marinuzza a muggheri...
Un sano egoismo...
Oh, dolcezza...
BANANE di Enio2 sati...
La mia mamma...
L'insonnia...
Spremute di coraggio...
Sulla cima dell'abis...
Gli eroi di Erice...
La cernia...
E poi tu...
Condannata...
La poesia che non...
il sentiero sul tuo ...
VOLARE...
LONTANANZA...
La Sedia...
Rilancia i dadi...
Mi sentii amato...
Odio e amore...
Le lacrime...
Quannu vegnu o me pa...
NOCTUA PRONUBA...
Una tiepida scia di ...
Se decidi di donarmi...
LE CANZONI...
C'era una volta la m...
DUE NOVEMBRE...
Il tramonto...
Musa...
IL CUORE E L' ...
Parlami ancora!...
Storia di una vita c...
Quegli occhi...
Relax emotivo...
Terra bagnata...
Madreluna...
Nella vita non smarr...
Penzeno pe' noi...
Oro bianco...
Forse ti amo... fors...
Di là della siepe...
Grazie...
Tascapane...
Il borgo incantato...
Occhi verde Amazzoni...
L'anima si spezza so...
Per essere davvero f...
L'incudine...
Nell'ebrezza dell'az...
Nelle sere...
Pirchì scappi?...
Dentro a una parente...
Giulia...
AMOR CHE A NULLO AMA...
Il cantautore...
Spesso nelle risate ...
Terre in moto...
Oasi...
A volte il perdono r...
La mia dolce musa...
Fiammelle Autunnali...
Un mattino d'autunno...
Ch'io possa...
Il borgo...
Le vere gioie...
Non calpestate la po...
Piacere, sono IO....
RIMEDI PER CHI RU...
SOSPIRO...
Chissà se Chiara Dor...
DOLCE TRISTE AT...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

A s'annu novu

Su cumpanzu tuo amos accullozitu
chi iti pitzinnu, forte e balente
chin sa taschedda prena a istìcu
de bundantzia e de sole po cata zente.
Commo est irghelande
che unu etzu mazatu,
thoppu e male torratu.
A chie frores e luche at datu,
a chie chin amore l’at cojuatu.
Ma dae sa taschedda
ventzas crastos c’at bocatu
e comente canes arrajolatos
nos’at apetricatu,
lassandennos po mere
chie semper at furatu.
B’est chie no at a prus travallu
e lassat sas viddas ispozas e disabutas
inuve sos vetzos, chentze bacalu, andan a rutas.
E bi est chie non li mancat nudda
e cheret ventzas su latte ‘e pudda.
Commo l’ischis chi semos istracos e bramosos,
no annangas pane a broi
ca no agguantamos un’era peus de goi!
Azovia, no istes che puzone in punta ‘e ramu
sias benennitu si amore e pache as’in manu.
No at’importu si no nos juches trastos de oro
bastante chi tenzemas paca a su suore.
A chie at tentu dolu, dona tempus vonu,
e chie at tentu disisperu, tenzat pischeddu prenu.
Dai domo a donzi cristianu
e dae sas mesas non fures pane.
Murica in sa taschedda,
dainnos su onu
e su malu che l’ingullat su mare.
E ventzas si carchi rima mi l’apo addita,
sias benennitu,
custa notte est festa e cheret bitta!


Share |


Poesia scritta il 30/03/2015 - 13:25
Da Millina Spina
Letta n.493 volte.
Voto:
su 5 votanti


Commenti


Eccellente. Vera

Vera Lezzi 30/03/2015 - 17:15

--------------------------------------

Giustizia, amore e misericordia. La vita è piena di ingiustizia e tocca a noi uomini sconfiggerla.Bella anche nella forma dialettale.

luciano rosario capaldo 30/03/2015 - 15:31

--------------------------------------

AL NUOVO ANNO
Il tuo amico abbiamo accolto/che era ragazzo,forte e baldanzoso/con la bisaccia colma/di abbondanza e sole per tutta la gente./ora va via/come un vecchio bastonato/zoppo e mal ridotto./A chi fiori e luce ha donato/a chi con amore l’ha sistemato./Ma dalla bisaccia anche pietre ha estratto/e come a cani rabbiosi ce le ha scagliate/lasciandoci un padrone che ha sempre rubato./C’è chi non ha più lavoro/e lascia i borghi spogli e abbandonati/dove gli anziani, senza bastone, crollano./E c’è a chi non manca niente/ma vorrebbe anche il latte delle galline./Ora sai che siamo stanchi e sognanti/non infierire/perché non reggiamo tempi peggiori!/Raggiungici, non fare il timido/sii il benvenuto se pace e amore ci donerai./Non importa se oro non ci darai/ma che abbiamo giusta ricompensa alla fatica./A chi ha avuto lutto dona gioia/a chi è stato disperato dona abbondanza./Dai un tetto ad ogni uomo/e dalle tavole non togliere il pane./Rimesta bene nella bisaccia/togli solo il bene/ed il male scompaia in mare./E anche se qualche rima l’ho fallita/sii il benvenuto/questa notte è festa, brindiamo!

Millina Spina 30/03/2015 - 14:35

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?