Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Un mattino d'autunno...
Ch'io possa...
Il borgo...
Le vere gioie...
Non calpestate la po...
Piacere, sono IO....
RIMEDI PER CHI RU...
SOSPIRO...
Chissà se Chiara Dor...
DOLCE TRISTE AT...
baciata dalla luna...
Quel che rimane...
Ode a Trieste....
Ebbrezza marina...
Prime impressioni...
La luce negata...
Poche Luci...
Gelato a due gusti...
Alba...
RIFLESSO DI SGUARDO...
IL PRESENTE...
LE CAVERNE DEL CUORE...
Il dolore è come un ...
Campi di anime, per ...
Grigio di nebbia...
Un fiume rosso sangu...
Vola in alto Perché...
PENSIERO D'AUTUNNO...
a Charles Bukowski...
Le rapide dei sogni....
POLVERE D'AMORE...
Attimi...
Diniegato...
Al buio di una caver...
A Genti quannu tinta...
Sfumature d'indaco...
In città...
ECLISSI DI LUNA di E...
Quando va via la neb...
Problema...
adamo ed eva...
Giorni di paura...
Ho ucciso il mio Cuo...
DUBBI...
L'obeso...
ho visto Te...
la fine...
Il tuo amore per me...
Il Silenzio...
OSSERVARE ANCORA...
Ho perso il cielo st...
non camminare davant...
Il salvadanaio...
PER IL SITO...
Scivolano le ombre...
I PROBLEMI DEL ...
AUTOMA...
Dedicato da te a me...
Su questa mia terra...
Ti sento...
Er patto cor demogno...
La grotta nell’autob...
dal giorno alla nott...
LA POLLIVENDOLA...
Autunno per un amico...
Trapasso...
Le mille cose che no...
FIGLIO MIO...
Azzurro...
Il mare verde...
L'allegra triestina...
Spero...
Angeli...
la rifrazione illuso...
Dille ch'io la amo...
Scarmigliata...
A te...
Io e la vita...
Il mio amore non c'è...
ER POVETA E L'UCELLI...
Monotonia uccide poe...
Pensando...un addio!...
La vita è una meravi...
Come rami di uno ste...
TOMBINO...
Foglie morte...
Avida la mia bocca!...
Il farmacista...
rimembranze...
PASSEGGIATA SOLITARI...
volo d'autunno...
Infinita voglia di v...
Seppe poi sola andar...
Una richiesta vana...
Pensieri invadenti...
L'Astronomia del Fut...
Potrei darti...
Quel vino rosso ross...
Possa la preghiera s...
Le cose fatte con pa...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Nemtsov

È tra il vento infame
Infamia violenta
Una rivoluzione lenta
Mossa dalla fame
Accende il suo fuoco
In un uomo vero
Di indissolubile speranza
Schiacciato dall'ignoranza
Di un dittatore autoritario
Con il disprezzo del proletario
Repressione espressiva
Della natura espansiva
Patita da soli pensatori
I solitari fautori
Di un paradiso terrestre


Truculenta la vendetta
Sarà sull'oppositore
Del paternalistico orrore!
Capro espiatorio del silenzio
Di animi infiammati come assenzio
Lacrime del popolo
Il quarto stato
Ormai prostrato
O miei cari festeggiate in tranquillità
Ma se siamo a tavola nulla cambierà


È il ventisette di febbraio
Il freddo giace sul granaio
Il Neva scorre inerme
Le ciminiere tossiscono fumo nero
Ma tra le strade di Mosca un verme
Trasforma lo scenario in un teatro
Di orrore e disperazione
E si agiti il fiume a quell'azione
Si rivolti la terra a quella pistola
Così fredda così macilenta
Con violenta
Convinzione
Ha fatto tacere quell'uomo
Distruggendo sogni e parole
Di un grande amore
Dedito al popolo
Illustre onore
E piange la sua miseria
Anche Dostoevskij in Siberia
Nessuno ha ragione!
Ma meno di tutti chi schiavizza la nazione
Ma adesso affermo con certezza che
Miei cari!
È morto il
Capitalismo del popolo.



Share |


Poesia scritta il 06/04/2015 - 09:48
Da Salvatore Mauro
Letta n.290 volte.
Voto:
su 0 votanti


Commenti


E' interessante che abbia avuto un forte impatto su qualcuno MARIA. Mi ero trovato a riflettere riguardo quest'episodio e la causa di esso, ed ho scoperto che la storia non tarda mai a ripetersi.
Ciao VERA. Hai ragione, e purtroppo quell'ideale era guidato da un'esigua e sottomessa minoranza. Ormai credo che si possa parlare di utopia

Salvatore Mauro 07/04/2015 - 00:07

--------------------------------------

Impatto forte su di me...
il verso finale dove si esprime il capitalismo del popolo, mi ha fatto andare in "corto circuito"!
Componimento d'ampia portata!

Maria Valentina Mancosu 06/04/2015 - 21:45

--------------------------------------

Tutto muore ciò che non è guidato, e insieme vissuto bene.

Vera Lezzi 06/04/2015 - 18:44

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?