Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Febbraio...
e lei colse un'ultim...
RISVEGLIO...
D'improvviso...
É...
Lucchetti che nascon...
RIFUGIO E' IL VERSO...
S‘è fatta una certa....
Se si è amati si toc...
La pace dei sensi...
Flussi di coscienza...
Tempo al tempo...
L'amore vince...
È nel mai ©...
Neve...
Non leggo Racconti...
Haiku Emozione...
PROVERBI in RIMA...
E il treno arrivò...
nelle giornate di pi...
Solca i mari...
SCENA INVERNALE...
Disilluso...
POETI DELL' AMOR...
Quel rio argentato...
ETA' CHE VA...
Il dispiacere è al...
PICCOLO GRANDE BOSS...
Perdere niente...
Lacrime...
Una strana partita a...
Poesia, essenza linf...
Nel mondo c'è molto ...
La luce nei tuoi occ...
Il Papa nero....
A mia figlia...
Notte...
Eccentrico silenzio...
Domenica di pioggia...
Riflessioni...
Sadness....
Mostro implacabile...
L'armonia delle brac...
La magia delle mani...
IL PARADISO...
Echi lontani...
vortice...
Solo....
Il mio mare...
Leggere è come aprir...
E' vita vera...
Piccole azioni corag...
IL MAESTRO...
Silenzio......
Valori...
Cicatrici...
An electric air from...
ER BACICCIA (la bann...
Tanka...
Il corpo racconta...
Non ricordo...
Amata mia...
Le Fiamme del Peccat...
Rivoluzione...
La mia odissea...
Con la forza dei ram...
SIMPATICA SORPRESA...
Deriva delle anime...
Vaso...
Dimenticarsi...
Naufrago...
Amore...
Odore di uno spettro...
IL GERME DELLA ...
Sceriffo...
Le note del tempo...
Il caro estinto...
La felicità...
L'assente...
ALLA GUIDA DELLA VIT...
ossuta resilienza...
Eppur sorridi...
Ridere...
Orme future...
Deluso...
Nel fruscio della vi...
Occhi chiusi...
Le mie gambe...
Miraggio di una infa...
UN RESPIRO....
ODE...
ALLE PORTE DEL SOGNO...
Notti magiche !...
D'inverno...
VENICE...
L'ultima gara....
Amantes...
Così poco...
l'armonia...
Il fischio del vento...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

L'orco

Sono tutti fuori, lontani all’aperto
A festeggiare in giardino.
Nemmeno qui mi sento coperto
Nel mio letto a lottare contro il buio
E all’orco.
Passi lenti per le scale, un anima cupa sempre
Col fiatone ed io gracile e malato consapevole di
Un macabro destino.


Che paura ho, vorrei l’uomo nero a spaventarmi adesso,
almeno lui non tocca mi osserva e tace nella quiete della mia stanza.


Il pomello gira lentamente,
Stringo forte le coperte, oggi spero sia clemente
il pomello si blocca.


Mi sono chiuso a chiave ma la serratura non basta
Il terrore resta.
Quel fiatone ringhiante si abbatte sulla porta tra spinte,
Strattoni e si nutre dell’agonizzante attesa.
è venuto per mangiare la mia carne anche oggi,
ma la porta è tosta tiene botta.
Il baccano cessa e la stanza si gela, quanta foga
Per una piccola preda.


Abbraccio il cuscino aspettando in silenzio
L’alba e il coraggio di non pensare.



Share |


Poesia scritta il 21/04/2015 - 01:04
Da Marzio Esposito
Letta n.365 volte.
Voto:
su 3 votanti


Commenti


Orrore tra gli orrori. Piaga dolorosa che raggela l'anima. Unica speranza è che gli orchi vengano presi. Descrizione dei fatti molto sentita. Bravo! Ciao...

Gio Vigi 21/04/2015 - 18:04

--------------------------------------

Un orrore che non si riesce a fermare, Una poesia molto forte e dolorosa...

Chiara B. 21/04/2015 - 16:21

--------------------------------------

Hai affrontato un tema molto impegnativo, dal punto di vista della vittima, in maniera superlativa, i miei complimenti. Ciaooo

Fabio Garbellini 21/04/2015 - 15:43

--------------------------------------

Quanti orchi sommersi da scovare per proteggere i piccoli innocenti,drammi che sconvolgono e indignano

genoveffa 2 frau 21/04/2015 - 09:30

--------------------------------------

Ecco, questo argomento terribile, della pedofilia, e quello dei Morti in mare, per oggi mi...bastano...Spazio non c'è se non per meditazione e doveroso impegno.

Vera Lezzi 21/04/2015 - 09:04

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?