Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

BACIAMI ANCORA...
GRAZIE MAMMA...
Portami con te...
Rachele...
IL MARE TRA DI NOI...
Sipario sulla notte...
Fame...
A Guido...
A volte capita che n...
UN VIAGGIO CHE NON F...
Accarezzo il mio cuo...
per pudore, per inco...
Le foglie...
I ricordi che ti han...
Marinuzza a muggheri...
Un sano egoismo...
Oh, dolcezza...
BANANE di Enio2 sati...
La mia mamma...
L'insonnia...
Spremute di coraggio...
Sulla cima dell'abis...
Gli eroi di Erice...
La cernia...
E poi tu...
Condannata...
La poesia che non...
il sentiero sul tuo ...
VOLARE...
LONTANANZA...
La Sedia...
Mi sentii amato...
Odio e amore...
Le lacrime...
Quannu vegnu o me pa...
NOCTUA PRONUBA...
Una tiepida scia di ...
Se decidi di donarmi...
LE CANZONI...
C'era una volta la m...
DUE NOVEMBRE...
Il tramonto...
Musa...
IL CUORE E L' ...
Parlami ancora!...
Storia di una vita c...
Quegli occhi...
Relax emotivo...
Terra bagnata...
Madreluna...
Nella vita non smarr...
Penzeno pe' noi...
Oro bianco...
Forse ti amo... fors...
Di là della siepe...
Grazie...
Tascapane...
Il borgo incantato...
Occhi verde Amazzoni...
L'anima si spezza so...
Per essere davvero f...
L'incudine...
Nell'ebrezza dell'az...
Nelle sere...
Pirchì scappi?...
Dentro a una parente...
Giulia...
AMOR CHE A NULLO AMA...
Il cantautore...
Spesso nelle risate ...
Terre in moto...
Oasi...
A volte il perdono r...
La mia dolce musa...
Fiammelle Autunnali...
Un mattino d'autunno...
Ch'io possa...
Il borgo...
Le vere gioie...
Non calpestate la po...
Piacere, sono IO....
RIMEDI PER CHI RU...
SOSPIRO...
Chissà se Chiara Dor...
DOLCE TRISTE AT...
baciata dalla luna...
Quel che rimane...
Ode a Trieste....
Ebbrezza marina...
Prime impressioni...
La luce negata...
Poche Luci...
Gelato a due gusti...
Alba...
RIFLESSO DI SGUARDO...
IL PRESENTE...
LE CAVERNE DEL CUORE...
Il dolore è come un ...
Campi di anime, per ...
Grigio di nebbia...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it



Nella mia notte insonne

Il paese dorme d’un fianco.
M’appare così stanco,
che il fumo pigro e tremulo
che va dai tetti allargando…
temo gli uccida il respiro.


A fuoco lento
si consuma la notte.
Il silenzio d’ombre fluttuanti
rimanda palpiti.
Un cuore argenteo di luce.
che non avvince
a dormire.


Vagano pigri i pensieri,
così gli occhi,
in supplica muta nel fare la ronda.
I primi…
a imperlare dell’alba il sorriso
e salutare
l’ormai fuggevole luna.



Share |


Poesia scritta il 16/05/2015 - 09:23
Da Claretta Frau
Letta n.368 volte.
Voto:
su 14 votanti


Commenti


bellissime regala grandi suggestioni , anche da una semplice notte insonne puo' scaturire la bellezza ..la bellezza della malinconia, della speranza della sofferenza muta e dignitosa

stella cometa 18/05/2015 - 19:19

--------------------------------------

Una poesia diversa dal solito, scritta con stile persionalissimo che antepone alle immagini le emzioni e l'intimo sentire che esse ci regalano. Straordinario l'incipit, quel paese che dorme d'un fianco e già ci regala la suggestione di una notte insonne, piena di pensieri.
La chiusa ci riporta giustamente ad un'alba forse attesa con impazienza e l'immagine che offre la fuggevole luna fa da cornice a quei pensieri che forse hanno trovato pace. Poesia complessa, piena, ben costruita, versi mai banali...molto bella. Il mio voto è 5 stelle. Ciao.

. Focus 17/05/2015 - 18:43

--------------------------------------

I tuoi versi trascinano il lettore nella struggente malinconica di una notte insonne.Molto belli i tuoi versi Claretta,un caro saluto

Anna Rossi 16/05/2015 - 18:23

--------------------------------------

Un'introspettiva poesia, malinconicamente bella, che descrive il travaglio di una notte insonne, elogiata mediante versi aulici e sonanti, per l'anima del lettore. Brava, come al solito!

Arcangelo Galante 16/05/2015 - 14:38

--------------------------------------

Claretta carissima. Una mano di una delicatezza unica. La descrizione di una notte insonne che nella sua amara e cruda realtà descrivi come un quadro da ammirare. Metafore bellissime rimandano immagini vivibili ancorché legate ad una tristezza interna che piange ed attende un giorno migliore. Bravissima . Claretta preferisco indicare le stelle per non fartele mangiare. *****

luciano rosario capaldo 16/05/2015 - 12:55

--------------------------------------

STRAORDIRIAMENTE... NEL TEMA DECANTATO... PREGEVOLE SCORRERLO... SERENA GIORNATA

Rocco Michele LETTINI 16/05/2015 - 12:20

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?