Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Confini e certezze...
Cocci... d'Eternità....
Paralisi....
UN CORIANDOLO DI CAR...
LO SFRATTO...
Addio Divano...
Un solo pedone...
GLI OCCHI DEL F...
A piedi nudi...
A piedi nudi...
Un Sole stanco, un C...
AMICA PER SEMPRE...
Volare nel cielo del...
POMERIGGIO A VILLA B...
E' amore...
FINALMENTE DONNA...
VIBRANO I RICORDI...
Il cerchio della vit...
SFUMATURE...
Amici miei...
Quest\'amore...
ARTE INFINITISAMENTI...
comprenderesti quan...
Sconfessare sempre i...
Mirando le stelle....
Ho bisogno di parole...
Chi sei?...
CUORE NOMADE...
SABATO DIVERTENTE...
Primo binario...
Ogni giorno......
Tempo Antico...
DISTANZE (filo…sof...
Il silenzio è la vit...
Riflessi dimenticati...
NON HO MAI SEDOTTO L...
Melodia della malinc...
Più sento e più pens...
Niente e così sia...
Oggi...
Un pezzo di me....
LA BARCA DOPO UNA CE...
La libertà di scrive...
Stella Luminosa...
Il primo incontro...
Sarà neve...
Dille ch'è suo...
Scritture del cielo...
Bacio in Metrò...
Ghirlanda di mani...
La Furba Nana di Bre...
Sul cuore bianco...
Nuvole...
Isola amara...
IL SAPORE PERDUTO...
L' ECLISSI DI ...
FIGLI...
Il Caso di Gianni Is...
La tua pelle II...
Pioggia...
Un prete anarchico...
Gli occhi di una mad...
Sfida all'ultimo ban...
L'ispirazione...
senza aprire gli occ...
L\'intimità di picco...
La camicia rossa...
Corri tu...
Soliloquio d'inverno...
LA CIOCCOLATA...
Inno ad Afrodite...
Haiku 24...
Le mie mani...
L'indefinito...
AMICIZIA 2...
e tu...
Buon trapasso...
Solitudine...
Nuove fioriture...
Solitari casali....
Il privilegio di gua...
Febbraio...
e lei colse un'ultim...
RISVEGLIO...
D'improvviso...
É...
Lucchetti che nascon...
RIFUGIO E' IL VERSO...
S‘è fatta una certa....
Se si è amati si toc...
La pace dei sensi...
Tempo al tempo...
L'amore vince...
È nel mai ©...
Neve...
Non leggo Racconti...
Haiku Emozione...
PROVERBI in RIMA e i...
E il treno arrivò...
nelle giornate di pi...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

La PIAZZA

La piazza
di una volta era
per feste
e per passeggio,
era per comizi
e bandiere,
era la piazza
che tanti
si incontravano
per i mille
e più problemi
o per un bicchiere
al bar da offrire
per dimenticare
e all'alba ripartire.


Ci si scambiava
un po’ di tutto,
ci si aiutava
a cuore aperto,
la parola
e una stretta di mano
valeva più
di un contratto in nero.


E quella piazza
era ogni sera piena
di datori di lavoro
e lavoratori,


Oggi quella piazza
non è più
piazza d'incontri,
nè per passeggio
e né per lavoratori
ma è una piazza
di scontro
e non più d'incontro.


E più volte
si torna al passato
su quella piazza
di feste e lavoro,
ma è tutto un sogno
indietro non si torna.



Share |


Poesia scritta il 12/06/2015 - 23:52
Da Aldo Messina
Letta n.371 volte.
Voto:
su 3 votanti


Commenti


Condivido davvero la stessa riflessione! Rimane profondamente nostalgico, pur se reale, pensare che i bei momenti passati non potranno mai ritornare in un luogo di ritrovo, assai antico. Oserei definire la piazza un urbano ambiente familiare che ci sfascia di ricordi su di una vecchia quotidianità popolare. Testo piaciuto per stesura ed apprezzato nel contenuto.

Arcangelo Galante 17/06/2015 - 12:55

--------------------------------------

quanta verita nelle tue parole
oggi speeso la piazza e' luogo di scontro e non d'incontro
spero che quanto hai scritto faccia meditare molte persone
buona domenica
mauro

MAURO MONTALTO 13/06/2015 - 17:24

--------------------------------------

Stavamo meglio quando stavamo peggio. Quanta verità in questi tuoi amabili e sentiti versi.

luciano rosario capaldo 13/06/2015 - 15:51

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?