Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Fiammelle Autunnali...
SCOMMESSA CON IL DES...
Un mattino d'autunno...
Ch'io possa...
Il borgo...
Le vere gioie...
Non calpestate la po...
Piacere, sono IO....
RIMEDI PER CHI RU...
SOSPIRO...
Chissà se Chiara Dor...
DOLCE TRISTE AT...
baciata dalla luna...
Quel che rimane...
Ode a Trieste....
Ebbrezza marina...
Prime impressioni...
La luce negata...
Poche Luci...
Gelato a due gusti...
Alba...
RIFLESSO DI SGUARDO...
IL PRESENTE...
LE CAVERNE DEL CUORE...
Il dolore è come un ...
Campi di anime, per ...
Grigio di nebbia...
Un fiume rosso sangu...
Vola in alto Perché...
PENSIERO D'AUTUNNO...
a Charles Bukowski...
Le rapide dei sogni....
POLVERE D'AMORE...
Attimi...
Diniegato...
Al buio di una caver...
A Genti quannu tinta...
Sfumature d'indaco...
In città...
ECLISSI DI LUNA di E...
Quando va via la neb...
Problema...
adamo ed eva...
Giorni di paura...
Ho ucciso il mio Cuo...
DUBBI...
L'obeso...
ho visto Te...
la fine...
Il tuo amore per me...
Il Silenzio...
OSSERVARE ANCORA...
Ho perso il cielo st...
non camminare davant...
Il salvadanaio...
PER IL SITO...
Scivolano le ombre...
I PROBLEMI DEL ...
AUTOMA...
Dedicato da te a me...
Su questa mia terra...
Ti sento...
Er patto cor demogno...
La grotta nell’autob...
dal giorno alla nott...
LA POLLIVENDOLA...
Autunno per un amico...
Trapasso...
Le mille cose che no...
FIGLIO MIO...
Azzurro...
Il mare verde...
L'allegra triestina...
Spero...
Angeli...
la rifrazione illuso...
Dille ch'io la amo...
Scarmigliata...
A te...
Io e la vita...
Il mio amore non c'è...
ER POVETA E L'UCELLI...
Monotonia uccide poe...
Pensando...un addio!...
La vita è una meravi...
Come rami di uno ste...
TOMBINO...
Foglie morte...
Avida la mia bocca!...
Il farmacista...
rimembranze...
PASSEGGIATA SOLITARI...
volo d'autunno...
Infinita voglia di v...
Seppe poi sola andar...
Una richiesta vana...
Pensieri invadenti...
L'Astronomia del Fut...
Potrei darti...
Quel vino rosso ross...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it



Il gigante buono

Mi ricordo'
il gigante buono
ma aveva il passo
claudicante
e mi chiese perdono,
non mi voleva importunare,
ma era propio con me
che voleva parlare.
Con quelle mani enormi,
ruvide e callose,
sfioro' le mie,
porgendomi due rose.
"Covo amore per lei"
mi disse
con voce suadente
"ma se non vuole,
faccia finta
che non abbia
detto niente".
Io non lo corrisposi
ma gli saro'
per sempre grata,
perche' in quel freddo
giorno d' inverno
io mi sentii davvero
amata


Share |


Poesia scritta il 29/06/2015 - 13:30
Da Maria Carla Pellegrini
Letta n.346 volte.
Voto:
su 5 votanti


Commenti


Ciao M.Carla sai mi ricordo che da bambina fui ricoverata per l'appendice, nel reparto accanto vidi un'uomo che soffriva di gigantismio, ti dirò non mi fece paura, anzi il suo sguardo mi sembrò tanto tenero, che trovai il modo per dagli la mano, e ricordo bene il suo sorriso, quando dolcemente prese la mia piccolissima mano...che bel ricordo che mi hai regalato..grazie.. Mi è piaciuta molto questa tua dedica.. Ciao cara e dolce notte.

Maria Cimino 29/06/2015 - 23:41

--------------------------------------

Che tenerezza... nel gigante buono... Versi elogiabili... per il loro adorabile corredo...

Rocco Michele LETTINI 29/06/2015 - 15:35

--------------------------------------

Un dolce e commovente ricordo di quel "gigante buono", espresso con teneri versi. Un gesto d'amore offerto spontaneamente con due rose, contenute in mani "ruvide e callose", che, pur se non corrisposto, ha lasciato una traccia indelebile nel cuore dell'autrice. Testo gradevolmente apprezzato.

Arcangelo Galante 29/06/2015 - 15:04

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?