Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Fiammelle Autunnali...
SCOMMESSA CON IL DES...
Un mattino d'autunno...
Ch'io possa...
Il borgo...
Le vere gioie...
Non calpestate la po...
Piacere, sono IO....
RIMEDI PER CHI RU...
SOSPIRO...
Chissà se Chiara Dor...
DOLCE TRISTE AT...
baciata dalla luna...
Quel che rimane...
Ode a Trieste....
Ebbrezza marina...
Prime impressioni...
La luce negata...
Poche Luci...
Gelato a due gusti...
Alba...
RIFLESSO DI SGUARDO...
IL PRESENTE...
LE CAVERNE DEL CUORE...
Il dolore è come un ...
Campi di anime, per ...
Grigio di nebbia...
Un fiume rosso sangu...
Vola in alto Perché...
PENSIERO D'AUTUNNO...
a Charles Bukowski...
Le rapide dei sogni....
POLVERE D'AMORE...
Attimi...
Diniegato...
Al buio di una caver...
A Genti quannu tinta...
Sfumature d'indaco...
In città...
ECLISSI DI LUNA di E...
Quando va via la neb...
Problema...
adamo ed eva...
Giorni di paura...
Ho ucciso il mio Cuo...
DUBBI...
L'obeso...
ho visto Te...
la fine...
Il tuo amore per me...
Il Silenzio...
OSSERVARE ANCORA...
Ho perso il cielo st...
non camminare davant...
Il salvadanaio...
PER IL SITO...
Scivolano le ombre...
I PROBLEMI DEL ...
AUTOMA...
Dedicato da te a me...
Su questa mia terra...
Ti sento...
Er patto cor demogno...
La grotta nell’autob...
dal giorno alla nott...
LA POLLIVENDOLA...
Autunno per un amico...
Trapasso...
Le mille cose che no...
FIGLIO MIO...
Azzurro...
Il mare verde...
L'allegra triestina...
Spero...
Angeli...
la rifrazione illuso...
Dille ch'io la amo...
Scarmigliata...
A te...
Io e la vita...
Il mio amore non c'è...
ER POVETA E L'UCELLI...
Monotonia uccide poe...
Pensando...un addio!...
La vita è una meravi...
Come rami di uno ste...
TOMBINO...
Foglie morte...
Avida la mia bocca!...
Il farmacista...
rimembranze...
PASSEGGIATA SOLITARI...
volo d'autunno...
Infinita voglia di v...
Seppe poi sola andar...
Una richiesta vana...
Pensieri invadenti...
L'Astronomia del Fut...
Potrei darti...
Quel vino rosso ross...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it



La compagnia

La compagnia…


Ingabbiare l’acqua in un pugno
non si può;
in esso trattenere
quei granelli di sabbia
della propria vita;
non si può;
l’acqua trasuda e cola,
e fugge via la sabbia,
scorre così il tempo
svanendo fra le dita.
Quanta tristezza genera
la vecchiezza nel cuore
di chi tanto ha dato,
e ha dato e… ha dato!
Solo, se ne sta così,
quell’ uomo su una panchina,
rivolgendo gli occhi a quel vecchio ma
imponente platano
che, ormai solitario , fa ombra
solo a se stesso,
e cerca compagnia.
Quanto fresco ha donato
quel vecchio platano, sapessi,
quanto amore giovane ha donato
quell’ uomo solitario.
Poche foglie rimangono e…
pochi granelli ancora.
S’incontrano allora
in quel parco abbandonato
e fanno compagnia
alla …solitudine.


Luciano Capaldo 06 settembre ‘15



Share |


Poesia scritta il 06/09/2015 - 09:33
Da luciano rosario capaldo
Letta n.425 volte.
Voto:
su 27 votanti


Commenti


Ciao Luciano, hai toccato il cielo con questa tua lirica pregna di emozionante verità.

salvo bonafè 18/09/2015 - 21:03

--------------------------------------

Molto bella questa tua poesia Luciano!
Quanta tristezza! Forza bisogna andare avanti, perché quando uno da tanto e tanto come dici di aver fatto tu... ecco c'è ancora chi ha bisogno del tuo aiuto, di una tua parola che viene da un cuore che se anche è stanco e invecchiato è ancora carico di sentimento e pronto a battere per dare gioia a chi ha ancora bisogno di te.
Buona notte Luciano

Milly Barattieri 17/09/2015 - 23:50

--------------------------------------

Ne approfittovisto che ancora ti ritrovo, a commentare le tue stupende opere, anche questa molto bella, a dir la verità mi sarebbe difficile giudicare la più bella, perchè a mio parere, le tue opere sono tutte favolose, ma questo a te ormai a poco importa, dal momento in cui hai preso altre strade. Ciao Lucianino. caro.

Maria Cimino 17/09/2015 - 23:28

--------------------------------------

Molto bella Luciano...
Il platano, nella sua grande mole e fierezza, a dispetto del tempo, è ancora là. La sua figura svetta nel parco e testimonia quanto ha dato 9n gioventù. Provvida ombra sotto di sé, semi infiniti per rinnovarsi, culla di nidi di tanti abitanti dell'aria...
Ma anche l'uomo, che ora un pò stanco si mette sotto quell'albero, ha dato tanto nella vita.
Tanto amore, tanto lavoro, parole di conforto, sguardi e slanci...
Insieme ora si fanno compagnia, ma la loro presenza qui tra noi, è ancora un grande tesoro da non lasciare in un angolo dimenticato.
Il vento dell'indifferenza non deve essere il loro solo compagno...
Con affetto

Maria Rosa Schiano 09/09/2015 - 16:52

--------------------------------------

Solo per congratularmi con quanti, per il mese di agosto, hanno avuto un riconoscimento salendo sul podio e non. Fa bene allo spirito,
fa bene al cuore e sprona sempre più.
Complimenti sinceri. Luciano Capaldo

luciano rosario capaldo 09/09/2015 - 12:48

--------------------------------------

Prende davvero questa tua opera.
Emoziona e tocca il cuore. 5 Stelle e più...

Giovanni Battista Quinto 08/09/2015 - 12:32

--------------------------------------

Molto sentita, sempre bravo davvero. Complimenti

MARIA ANGELA CAROSIA 08/09/2015 - 00:10

--------------------------------------

bellissima lirica sul passare incalzante del tempo;e quando si è vecchi si resta soli;ma siamo sempre un po' soli

stefano medel 07/09/2015 - 05:07

--------------------------------------

Meravigliosa poesia con una profondissima morale, infondo quando si è dato tanto amore questo cammina e vive nelle persone che abbiamo amato, forse nulla va perduto e sebbene la solitudine può essere un regno imbarazzante, unita alla maturità, forse è un cammino, l'ultimo, che dobbiamo ancora una volta affrontare con gioia nel cuore e sempre tanto amore a tenerci compagnia.
Complimenti infiniti Luciano

Paolo Ciraolo 06/09/2015 - 19:47

--------------------------------------

Semplicemente bella e commovente.Ciao Luciano

Anna Rossi 06/09/2015 - 19:16

--------------------------------------

EH SE SI RIFLETTESSE SUI TUOI CHIARISSIMI VERSI? IL MIO ELOGIO E LA MIA LIETA SETTIMANA LUCIANO.

Rocco Michele LETTINI 06/09/2015 - 17:44

--------------------------------------

Essere soli e vecchi è brutto tutti scappano,grande osservazione,la solitudine è brutta ti uccide,bravo grande risalto morale.

carmine Capasso 06/09/2015 - 17:41

--------------------------------------

Bellissima poesia, molto toccante. Complimenti.

Antonio Rossi 06/09/2015 - 17:25

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?