Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Il mio mare...
Leggere è come aprir...
E' vita vera...
Piccole azioni corag...
IL MAESTRO...
Silenzio......
Valori...
Cicatrici...
An electric air from...
ER BACICCIA (la bann...
Tanka...
Il corpo racconta...
Non ricordo...
Amata mia...
Le Fiamme del Peccat...
Rivoluzione...
La mia odissea...
Con la forza dei ram...
SIMPATICA SORPRESA...
Deriva delle anime...
Vaso...
Dimenticarsi...
Naufrago...
Amore...
Odore di uno spettro...
IL GERME DELLA ...
Sceriffo...
Le note del tempo...
Il caro estinto...
La felicità...
L'assente...
ALLA GUIDA DELLA VIT...
ossuta resilienza...
Eppur sorridi...
Ridere...
Orme future...
Deluso...
Nel fruscio della vi...
Occhi chiusi...
Le mie gambe...
Miraggio di una infa...
UN RESPIRO....
ODE...
ALLE PORTE DEL SOGNO...
Notti magiche !...
D'inverno...
VENICE...
L'ultima gara....
Amantes...
Così poco...
l'armonia...
Il fischio del vento...
Mi hai cambiata...
TELEGRAMMA POETICO...
Tu, pallida Luna...
questi occhi...
Dove abita Amore...
la Givacchi...che st...
Gocce di pianto...
OGGI...
La carità non la con...
La croce...
Anatomia di un bacio...
Orme...
Fare breccia in un m...
Società:...
Canto di un appassio...
Lembo di blu...
Che sapore ha il mal...
Questo amore è come ...
PRATO D’ATTESA...
Sensi...
Scende la sera...
Fiume di ricordi...
Apoteosi della belle...
E HO VISTO TE...
Chiamalo tatto.....
POLPASTRELLO...
CARNE UMANA di Enio ...
MERAVIGLIOSO AMORE...
Le quattro stagioni...
CUPIDO...
CUCCAGNA...
Mi cerchi tu dici...
Il tesoro della Mont...
Nebbia dell'anima...
Tutto l'Universo...
CON RIGUARDO È SAN V...
Auguri, amore...
Le ali dell'amore...
Fiori...
MA LEI LO SA?...
aspettami...
CAP 2 La non-storia...
Reset...
Peggio della malinco...
L'esperimento...
Deserto...
CARONTE...
Aspettando le rondin...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

De Amore Profundis

O Catullo,
tu che d'amor intendesti,
per Lesbia t'innamorasti
e la testa perdesti
guardandola iogar' con
'ello ausello tra le mani sue.
Disperato fosti e i' so tutt'ora.
Domandar' a me potei chi amo
e la risposta è sempre
ch'ella che per te fu
Lesbia.
Ma i' so' d'altra schiera:
amarla è un vanto
lo urlo al vento
or' come or' amor chiedo
d'altra, e d'altra so
sognatore.
Ella è per me 'l mi' core
e segno di contratto
inscindibile tra mehe
el su' amore.
Ma creo che fuggire,
come 'l vento,
debbo
lasciar' 'l mi seme
'n altro grembo.


O Catullo,
tu che d'amor suo ti facesti pegno
pensar devo che del suo
non sono degno.



Share |


Poesia scritta il 26/09/2015 - 17:50
Da Pasquale Sazio
Letta n.311 volte.
Voto:
su 5 votanti


Commenti


Carissimo Giuseppe, il mio modo di scrivere non è un caso e se lo diventa è il caso di apprezzare un genere letterario ormai obsoleto ma che è culla di ogni tipo di componimento eheh.
Un saluto

Pasquale Sazio 27/10/2015 - 18:36

--------------------------------------

Certo che le continue elisioni, pur dando a una prima lettura un certo fastidio, risultano alla fine originalmente funzionali ed esaltano il sentimento che traspare dai versi e dalle parole.

Giuseppe Novellino 27/10/2015 - 12:07

--------------------------------------

Carissimo Rocco, ti ringrazio come sempre in maniera smisurata! Forse non è tanto lo stile ma quanto la vostra profondità d'animo.
Lieta domenica anche a te

Pasquale Sazio 27/09/2015 - 12:29

--------------------------------------

Straordinaria sequela scorsa piacevolmente. Sarà l'antico stile artistico impresso. Lieta Domenica Pasquale.

Rocco Michele LETTINI 27/09/2015 - 10:50

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?