Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Mi sentii amato...
Odio e amore...
Le lacrime...
Quannu vegnu o me pa...
NOCTUA PRONUBA...
Barcollo...
Una tiepida scia di ...
Se decidi di donarmi...
LE CANZONI...
C'era una volta la m...
DUE NOVEMBRE...
Il tramonto...
Musa...
IL CUORE E L' ...
Parlami ancora!...
Storia di una vita c...
Quegli occhi...
Relax emotivo...
Terra bagnata...
Madreluna...
Nella vita non smarr...
Penzeno pe' noi...
Oro bianco...
Forse ti amo... fors...
Di lā della siepe...
Grazie...
Tascapane...
Il borgo incantato...
Occhi verde Amazzoni...
L'anima si spezza so...
Per essere davvero f...
L'incudine...
S.Francesco....
E' Tempo...
Nell'ebrezza dell'az...
Nelle sere...
Pirchė scappi?...
Dentro a una parente...
Giulia...
AMOR CHE A NULLO AMA...
Il cantautore...
Spesso nelle risate ...
Terre in moto...
Oasi...
A volte il perdono r...
La mia dolce musa...
Fiammelle Autunnali...
Un mattino d'autunno...
Ch'io possa...
Il borgo...
Le vere gioie...
Non calpestate la po...
Piacere, sono IO....
RIMEDI PER CHI RU...
SOSPIRO...
Chissā se Chiara Dor...
DOLCE TRISTE AT...
baciata dalla luna...
Quel che rimane...
Ode a Trieste....
Ebbrezza marina...
Prime impressioni...
La luce negata...
Poche Luci...
Gelato a due gusti...
Alba...
RIFLESSO DI SGUARDO...
IL PRESENTE...
LE CAVERNE DEL CUORE...
Il dolore č come un ...
Campi di anime, per ...
Grigio di nebbia...
Un fiume rosso sangu...
Vola in alto Perché...
PENSIERO D'AUTUNNO...
a Charles Bukowski...
Le rapide dei sogni....
POLVERE D'AMORE...
Attimi...
Diniegato...
Al buio di una caver...
A Genti quannu tinta...
Sfumature d'indaco...
In cittā...
ECLISSI DI LUNA di E...
Quando va via la neb...
Problema...
adamo ed eva...
Giorni di paura...
Ho ucciso il mio Cuo...
DUBBI...
L'obeso...
ho visto Te...
la fine...
Il tuo amore per me...
Il Silenzio...
OSSERVARE ANCORA...
Ho perso il cielo st...
non camminare davant...
Il salvadanaio...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

De Amore Profundis

O Catullo,
tu che d'amor intendesti,
per Lesbia t'innamorasti
e la testa perdesti
guardandola iogar' con
'ello ausello tra le mani sue.
Disperato fosti e i' so tutt'ora.
Domandar' a me potei chi amo
e la risposta č sempre
ch'ella che per te fu
Lesbia.
Ma i' so' d'altra schiera:
amarla č un vanto
lo urlo al vento
or' come or' amor chiedo
d'altra, e d'altra so
sognatore.
Ella č per me 'l mi' core
e segno di contratto
inscindibile tra mehe
el su' amore.
Ma creo che fuggire,
come 'l vento,
debbo
lasciar' 'l mi seme
'n altro grembo.


O Catullo,
tu che d'amor suo ti facesti pegno
pensar devo che del suo
non sono degno.



Share |


Poesia scritta il 26/09/2015 - 17:50
Da Pasquale Sazio
Letta n.283 volte.
Voto:
su 5 votanti


Commenti


Carissimo Giuseppe, il mio modo di scrivere non č un caso e se lo diventa č il caso di apprezzare un genere letterario ormai obsoleto ma che č culla di ogni tipo di componimento eheh.
Un saluto

Pasquale Sazio 27/10/2015 - 18:36

--------------------------------------

Certo che le continue elisioni, pur dando a una prima lettura un certo fastidio, risultano alla fine originalmente funzionali ed esaltano il sentimento che traspare dai versi e dalle parole.

Giuseppe Novellino 27/10/2015 - 12:07

--------------------------------------

Carissimo Rocco, ti ringrazio come sempre in maniera smisurata! Forse non č tanto lo stile ma quanto la vostra profonditā d'animo.
Lieta domenica anche a te

Pasquale Sazio 27/09/2015 - 12:29

--------------------------------------

Straordinaria sequela scorsa piacevolmente. Sarā l'antico stile artistico impresso. Lieta Domenica Pasquale.

Rocco Michele LETTINI 27/09/2015 - 10:50

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?