Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

EVOLUZIONE DELL\'AN...
STRAGI...
NOARE O STAR NEGÀ...
l'attesa di guardart...
LA RAGIONE...
Estati su\' di uno s...
Dentro la scatola di...
CONQUISTA...
La fretta dei giorni...
Fila, filastrocca...
ANCHE PER UN SOLO IS...
Voglio solo la mia l...
...UN AMORE CHE È CO...
Ancora una volta...
Non è ancora quel te...
PER AMMAZZARE IL... ...
il gommone...
Fantapoesia...
Canto della cuna del...
Questa è la vita ? ...
Preghiera alla divin...
NESSUNO...
È perché non sai chi...
Mare verde...
Schizzi di luce (poe...
RICAMI DI LUNA...
Il prestigio di una ...
Nel mercato dell'int...
La mente e il cuore...
A mio favore...
Un cielo troppo gran...
Alla mia Cri...
gli elementi...
Per tutta l'eternità...
Senza armonia...
Mia Madre...
A te e a me...
LA NINNA NANNA DELLA...
Il regno animali ...
Ostetrica(C)...
PIUMA AL VENTO...
PAURA DEL SILENZI...
STELLA...
L'ignoto...blu...
Sentimenti...
Davanti a noi...
Pace a ferragosto...
SENTO LE TUE CAREZZE...
Evanescente...
Lontano...
...IL SAPORE DEL CAO...
Polvere...
La Ragazza Dai Capel...
E RITORNO AL PASS...
Stupido amore...
Le mie teorie...
La poesia non dev'es...
SENZA AMORE...
ALMENO...
BUGIARDO SORRISO...
Sorriso amaro...
Forse,ti amo....
Bang… Bang… Bang…...
Credevo. E poi......
L'aquilone...
Vien la pioggia d'ag...
L'amicizia I veri...
Cara mamma.......
IL PIANTO DELLA...
Cadice...
ARBRE MAGIQUE...
Ti ho lasciata indie...
Quieto e silenzioso...
Inutili verba...
Vivere...
Quel battito in più...
epoche...
Il punto...
L'odore della Notte...
La MIA STELLA...
Il nodo dell'anima...
La Colonia...
Corro da lei...
SOGNO O ILLUSIONE?...
L'attore...
La missione...
Arijane....
ROMA, CHE T’HANNO FA...
IL RESPIRO DEL MARE...
L'amore che non vive...
Stai con me...
Anna Sorridi...
HAIKU nr. 18...
Bimbo bello...
...QUESTA BELLA ROVI...
Nessuna notizia da D...
Ridere...
La felicità è un'ill...
Nel nuovo sereno...
IL QUARTO ANNIVERSAR...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

De Amore Profundis

O Catullo,
tu che d'amor intendesti,
per Lesbia t'innamorasti
e la testa perdesti
guardandola iogar' con
'ello ausello tra le mani sue.
Disperato fosti e i' so tutt'ora.
Domandar' a me potei chi amo
e la risposta è sempre
ch'ella che per te fu
Lesbia.
Ma i' so' d'altra schiera:
amarla è un vanto
lo urlo al vento
or' come or' amor chiedo
d'altra, e d'altra so
sognatore.
Ella è per me 'l mi' core
e segno di contratto
inscindibile tra mehe
el su' amore.
Ma creo che fuggire,
come 'l vento,
debbo
lasciar' 'l mi seme
'n altro grembo.


O Catullo,
tu che d'amor suo ti facesti pegno
pensar devo che del suo
non sono degno.



Share |


Poesia scritta il 26/09/2015 - 17:50
Da Pasquale Sazio
Letta n.269 volte.
Voto:
su 5 votanti


Commenti


Carissimo Giuseppe, il mio modo di scrivere non è un caso e se lo diventa è il caso di apprezzare un genere letterario ormai obsoleto ma che è culla di ogni tipo di componimento eheh.
Un saluto

Pasquale Sazio 27/10/2015 - 18:36

--------------------------------------

Certo che le continue elisioni, pur dando a una prima lettura un certo fastidio, risultano alla fine originalmente funzionali ed esaltano il sentimento che traspare dai versi e dalle parole.

Giuseppe Novellino 27/10/2015 - 12:07

--------------------------------------

Carissimo Rocco, ti ringrazio come sempre in maniera smisurata! Forse non è tanto lo stile ma quanto la vostra profondità d'animo.
Lieta domenica anche a te

Pasquale Sazio 27/09/2015 - 12:29

--------------------------------------

Straordinaria sequela scorsa piacevolmente. Sarà l'antico stile artistico impresso. Lieta Domenica Pasquale.

Rocco Michele LETTINI 27/09/2015 - 10:50

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?