Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Mi sentii amato...
Odio e amore...
Le lacrime...
Quannu vegnu o me pa...
NOCTUA PRONUBA...
Barcollo...
Una tiepida scia di ...
Se decidi di donarmi...
LE CANZONI...
C'era una volta la m...
DUE NOVEMBRE...
Il tramonto...
Musa...
IL CUORE E L' ...
Parlami ancora!...
Storia di una vita c...
Quegli occhi...
Relax emotivo...
Terra bagnata...
Madreluna...
Nella vita non smarr...
Penzeno pe' noi...
Oro bianco...
Forse ti amo... fors...
Di là della siepe...
Grazie...
Tascapane...
Il borgo incantato...
Occhi verde Amazzoni...
L'anima si spezza so...
Per essere davvero f...
L'incudine...
S.Francesco....
E' Tempo...
Nell'ebrezza dell'az...
Nelle sere...
Pirchì scappi?...
Dentro a una parente...
Giulia...
AMOR CHE A NULLO AMA...
Il cantautore...
Spesso nelle risate ...
Terre in moto...
Oasi...
A volte il perdono r...
La mia dolce musa...
Fiammelle Autunnali...
Un mattino d'autunno...
Ch'io possa...
Il borgo...
Le vere gioie...
Non calpestate la po...
Piacere, sono IO....
RIMEDI PER CHI RU...
SOSPIRO...
Chissà se Chiara Dor...
DOLCE TRISTE AT...
baciata dalla luna...
Quel che rimane...
Ode a Trieste....
Ebbrezza marina...
Prime impressioni...
La luce negata...
Poche Luci...
Gelato a due gusti...
Alba...
RIFLESSO DI SGUARDO...
IL PRESENTE...
LE CAVERNE DEL CUORE...
Il dolore è come un ...
Campi di anime, per ...
Grigio di nebbia...
Un fiume rosso sangu...
Vola in alto Perché...
PENSIERO D'AUTUNNO...
a Charles Bukowski...
Le rapide dei sogni....
POLVERE D'AMORE...
Attimi...
Diniegato...
Al buio di una caver...
A Genti quannu tinta...
Sfumature d'indaco...
In città...
ECLISSI DI LUNA di E...
Quando va via la neb...
Problema...
adamo ed eva...
Giorni di paura...
Ho ucciso il mio Cuo...
DUBBI...
L'obeso...
ho visto Te...
la fine...
Il tuo amore per me...
Il Silenzio...
OSSERVARE ANCORA...
Ho perso il cielo st...
non camminare davant...
Il salvadanaio...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it



Presidente Giorgio Napolitano

Er 15 maggio der 2013, Giorgio Napolitano
finisce er mandato d’esse Presidente Italiano.
Sett’ anni fa, fù eletto de quarta mano
ma ha dimostrato d’esse er Presidente de tutti
e d’esserlo de primissima mano, tant’è
che e 7 stelle nu’ glie l'ha date,
er gambero rosso del comunista italiano,
ma glie l’assegnate, er gambero tricolore
der popolo Italiano, con na’ motivazione:
Pe’ avè con sapienza e saggezza,
sarvato sempre l’Italia,
dar finì ner secchio de monnezza.
I politici, te vorrebbero tenè ancora
a regge dritta l’asta de a bandiera tricolore,
ma vista a tu ferma decisione,
de torna n’comune cittadino,
stanno già a litigà pe a nomina al colle,
der prossimo inquilino.
Fai bene Presidente,
annattene via, hai da risparmia energia,
anche se ce n’hai da venne ancora tanta e
pe molti, vale come terapia!
Er sole der cuppolone,
t’aspetta pe fatte gode e meraviglie dea pensione,
perché sei stato, de fatto e non a parole
er meglio Presidente de sta nazione.
Pe’ conclude, sta breve riflessione de parole,
na cosa alla romana te voglio di:
Ave Giorgio, er popolo Italiano te saluta
e te ringrazia de vero core
per la “ Fede italiana ” che c’hai messo
e dato in ogni situazione, pe fà camminà sempre,
a testa alta la tua popolazione.
Bona vita e bon sole Presidente!


n.b.
Dedica pensata per la fine del suo primo mandato. Con la sua rielezione, ha confermato con lode, il suo grande valore repubblicano che continua da Senatore a vita. Grazie Presidente



Share |


Poesia scritta il 05/10/2015 - 12:44
Da Luciano Patacchiola
Letta n.261 volte.
Voto:
su 1 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?