Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Storia di una vita c...
Quegli occhi...
Relax emotivo...
Terra bagnata...
Madreluna...
Nella vita non smarr...
Penzeno pe' noi...
Oro bianco...
Forse ti amo... fors...
Di là della siepe...
Grazie...
Tascapane...
Il borgo incantato...
Occhi verde Amazzoni...
L'anima si spezza so...
Per essere davvero f...
L'incudine...
S.Francesco....
E' Tempo...
Nell'ebrezza dell'az...
Nelle sere...
Pirchì scappi?...
Dentro a una parente...
Giulia...
AMOR CHE A NULLO AMA...
Il cantautore...
Spesso nelle risate ...
Terre in moto...
Oasi...
A volte il perdono r...
La mia dolce musa...
Fiammelle Autunnali...
SCOMMESSA CON IL DES...
Un mattino d'autunno...
Ch'io possa...
Il borgo...
Le vere gioie...
Non calpestate la po...
Piacere, sono IO....
RIMEDI PER CHI RU...
SOSPIRO...
Chissà se Chiara Dor...
DOLCE TRISTE AT...
baciata dalla luna...
Quel che rimane...
Ode a Trieste....
Ebbrezza marina...
Prime impressioni...
La luce negata...
Poche Luci...
Gelato a due gusti...
Alba...
RIFLESSO DI SGUARDO...
IL PRESENTE...
LE CAVERNE DEL CUORE...
Il dolore è come un ...
Campi di anime, per ...
Grigio di nebbia...
Un fiume rosso sangu...
Vola in alto Perché...
PENSIERO D'AUTUNNO...
a Charles Bukowski...
Le rapide dei sogni....
POLVERE D'AMORE...
Attimi...
Diniegato...
Al buio di una caver...
A Genti quannu tinta...
Sfumature d'indaco...
In città...
ECLISSI DI LUNA di E...
Quando va via la neb...
Problema...
adamo ed eva...
Giorni di paura...
Ho ucciso il mio Cuo...
DUBBI...
L'obeso...
ho visto Te...
la fine...
Il tuo amore per me...
Il Silenzio...
OSSERVARE ANCORA...
Ho perso il cielo st...
non camminare davant...
Il salvadanaio...
PER IL SITO...
Scivolano le ombre...
I PROBLEMI DEL ...
AUTOMA...
Dedicato da te a me...
Su questa mia terra...
Ti sento...
Er patto cor demogno...
La grotta nell’autob...
dal giorno alla nott...
LA POLLIVENDOLA...
Autunno per un amico...
Trapasso...
Le mille cose che no...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Per noi

Per noi,
che abbiamo finito la scuola
non concludendo un granché,
senza un lavoro,
ma con tanta voglia di lavorare,
pur di sentirci appagati
per portare a casa un po' di soldi.
Per noi,
che la sera andiamo a dormire
con accanto la speranza
di risvegliarci per andare a lavorare,
e che la crisi
sia stata solo un incubo,
ma quando ci svegliamo
il vero incubo regna nella nostra casa
e la tristezza prende il sopravvento.


La sera andiamo alla ricerca di un lavoro,
ci facciamo avanti, con assai coraggio,
andiamo ovunque e domandiamo chiunque,
ma le risposte son sempre le stesse...


Qualcuno di noi ha regalato l'anima,
ha investito, ha fatto il possibile
per trovare un lavoro, ma niente da fare...
Qualcuno di noi è arrivato perfino a suicidarsi,
dando forti e traumatici dolori
alle proprie famiglie, agli amici e al paese.


E FORSE CHI POTREBBE AIUTARCI
E'SEDUTO SULLA SUA POLTRONA DI PLATINO
A CONTARE IL SUO STIPENDIO.


Chissà cosa ci riserverà il futuro,
ma noi infondo abbiamo paura del futuro,
non possiamo continuare così.
Per favore, Dio aiutaci tu,
oppure tu nostro destino,
auspichiamo in voi,
la speranza è l'unica vera compagna
che c'è rimasta.
Oh madre, oh padre,
quanto avrei voluto possedere una famiglia,
e non per comprarmi la miglior casa
e nemmeno per gettare sfarzo
sui miei figli o su mia moglie,
ma per pura felicità
e per farvi sentire ancor più fieri di me.
Mi spiace che tutto questo non sia possibile,
piango sovente assieme al mio cuor ferito.
Nessuno bussa alla mia porta,
che stranezza, eppure io come tanti altri
busso spesso alle porte altrui.


Aiutiamoci reciprocamente compagni.


Aiuto, anche noi soffriamo
e vogliamo vederci realizzati.



Share |


Poesia scritta il 19/10/2015 - 16:14
Da Andrea Calcagnile
Letta n.496 volte.
Voto:
su 7 votanti


Commenti


Che dire Andrea, le tue parole fanno sanguinare l'anima, grida di dolore a questo tempo, avaro di certezze, ai nostri politici, sordidi e corrotti.
Geme il popolo Italiano, con la precarietà di ogni gesto, di ogni respiro.
L'onesta gente, non ha risorse se non nella propria forza lavoro, nel suo coraggio e nella speranza che non deve mai venire meno.
Arrivasse un giorno un vero castigamatti a mettere ordine in questa Babilonià!
Rasserenati l'anima e continua a sperare, non gettare mai via il tuo essere.
Felice d'averti letto

Maria Rosa Schiano 22/10/2015 - 09:37

--------------------------------------

Grido di dolore e speranza, credimi, capisco benissimo cosa stai passando! Forza e coraggio Andrea. Ciaooo

Fabio Garbellini 20/10/2015 - 06:52

--------------------------------------

Grazie mille a tutti per il sostegno, speriamo in bene davvero.
La situazione sta divenendo sempre più tragica, ma nessuno di quella gente riesce a capirlo, spero solo che un giorno tutto ciò finisca, e spero anche nella poesia perché è l'unica che può aiutarmi a far cambiare qualcosa.

Andrea Calcagnile 19/10/2015 - 22:59

--------------------------------------

Ciao Andrea mi piace questa tua...più che una poesia è un grido di speranza... quella di cui hai tutto il diritto di manifestare...Spero davvero che qualcuno legga queste tue righe e che la tua sacro santa richiesta venga ascoltata....ciao.

Maria Cimino 19/10/2015 - 21:29

--------------------------------------

Un’accorata richiesta, legittimata dal giusto desìo di avere l’occasione di poter vedere realizzati progetti personali, è testimoniata dallo sfogo del giovane autore. Mi auguro che il suo grido venga ascoltato, trovando terreno fertile per un futuro più sereno. Testo altamente introspettivo, dal contenuto anche sociale, come identificazione del bisogno di tanti giovani d’oggi.

Arcangelo Galante 19/10/2015 - 20:41

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?