Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

E poi tu...
Condannata...
La poesia che non...
il sentiero sul tuo ...
VOLARE...
LONTANANZA...
La Sedia...
Mi sentii amato...
Odio e amore...
Le lacrime...
Quannu vegnu o me pa...
NOCTUA PRONUBA...
Barcollo...
Una tiepida scia di ...
Se decidi di donarmi...
LE CANZONI...
C'era una volta la m...
DUE NOVEMBRE...
Il tramonto...
Musa...
IL CUORE E L' ...
Parlami ancora!...
Storia di una vita c...
Quegli occhi...
Relax emotivo...
Terra bagnata...
Madreluna...
Nella vita non smarr...
Penzeno pe' noi...
Oro bianco...
Forse ti amo... fors...
Di lā della siepe...
Grazie...
Tascapane...
Il borgo incantato...
Occhi verde Amazzoni...
L'anima si spezza so...
Per essere davvero f...
L'incudine...
S.Francesco....
E' Tempo...
Nell'ebrezza dell'az...
Nelle sere...
Pirchė scappi?...
Dentro a una parente...
Giulia...
AMOR CHE A NULLO AMA...
Il cantautore...
Spesso nelle risate ...
Terre in moto...
Oasi...
A volte il perdono r...
La mia dolce musa...
Fiammelle Autunnali...
Un mattino d'autunno...
Ch'io possa...
Il borgo...
Le vere gioie...
Non calpestate la po...
Piacere, sono IO....
RIMEDI PER CHI RU...
SOSPIRO...
Chissā se Chiara Dor...
DOLCE TRISTE AT...
baciata dalla luna...
Quel che rimane...
Ode a Trieste....
Ebbrezza marina...
Prime impressioni...
La luce negata...
Poche Luci...
Gelato a due gusti...
Alba...
RIFLESSO DI SGUARDO...
IL PRESENTE...
LE CAVERNE DEL CUORE...
Il dolore č come un ...
Campi di anime, per ...
Grigio di nebbia...
Un fiume rosso sangu...
Vola in alto Perché...
PENSIERO D'AUTUNNO...
a Charles Bukowski...
Le rapide dei sogni....
POLVERE D'AMORE...
Attimi...
Diniegato...
Al buio di una caver...
A Genti quannu tinta...
Sfumature d'indaco...
In cittā...
ECLISSI DI LUNA di E...
Quando va via la neb...
Problema...
adamo ed eva...
Giorni di paura...
Ho ucciso il mio Cuo...
DUBBI...
L'obeso...
ho visto Te...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

04

Fulgido speglio
saetta 'l mio corpo!


Luce riflessa
d'un autunno oramai
tardivo, e d' un'estate
che procrastina la morte.


Arido autunno!
Qual' immenso giubilo:
doppia morte nella natura
e nel mio core.


Fatal licore, sogno
dei cechi, dei malati...
Morte del mondo!
Nel fogliame sporco
e accasciato
vedo lo speglio
del mio dannato corpo.


Č l'inverno che s'ode,
co 'l suo drappello che marcia,
E 'l sole m'irradia ancora
a braccetto co 'l estate!
Oh! vana speranza! Non spero
oramai da tempo.
Quindi scappa luce solare!
Fuggi via, non č 'l momento.


Una carcassa prega
pe 'l freddo pungente,
estate vuol dire vermi!


O Dio, di gelidi zefiri
cospargi 'l mio corpo!
ci sarā la malinconia a scaldarmi!


Le carcasse non vivono...
Vive la maledizione che non ho,
ma che ho sognato.



Share |


Poesia scritta il 11/11/2015 - 20:02
Da Antonio Rossi
Letta n.317 volte.
Voto:
su 1 votanti


Commenti


Un sentito... quanto riflessivo verseggio. La mia considerazione e la mia lieta giornata.

Rocco Michele LETTINI 12/11/2015 - 08:54

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?