Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Mi sentii amato...
Odio e amore...
Le lacrime...
NOCTUA PRONUBA...
Barcollo...
Una tiepida scia di ...
LE CANZONI...
C'era una volta la m...
DUE NOVEMBRE...
Il tramonto...
Musa...
IL CUORE E L' ...
Parlami ancora!...
Storia di una vita c...
Quegli occhi...
Relax emotivo...
Terra bagnata...
Madreluna...
Nella vita non smarr...
Penzeno pe' noi...
Oro bianco...
Forse ti amo... fors...
Di lā della siepe...
Grazie...
Tascapane...
Il borgo incantato...
Occhi verde Amazzoni...
L'anima si spezza so...
Per essere davvero f...
L'incudine...
S.Francesco....
E' Tempo...
Nell'ebrezza dell'az...
Nelle sere...
Pirchė scappi?...
Dentro a una parente...
Giulia...
AMOR CHE A NULLO AMA...
Il cantautore...
Spesso nelle risate ...
Terre in moto...
Oasi...
A volte il perdono r...
La mia dolce musa...
Fiammelle Autunnali...
Un mattino d'autunno...
Ch'io possa...
Il borgo...
Le vere gioie...
Non calpestate la po...
Piacere, sono IO....
RIMEDI PER CHI RU...
SOSPIRO...
Chissā se Chiara Dor...
DOLCE TRISTE AT...
baciata dalla luna...
Quel che rimane...
Ode a Trieste....
Ebbrezza marina...
Prime impressioni...
La luce negata...
Poche Luci...
Gelato a due gusti...
Alba...
RIFLESSO DI SGUARDO...
IL PRESENTE...
LE CAVERNE DEL CUORE...
Il dolore č come un ...
Campi di anime, per ...
Grigio di nebbia...
Un fiume rosso sangu...
Vola in alto Perché...
PENSIERO D'AUTUNNO...
a Charles Bukowski...
Le rapide dei sogni....
POLVERE D'AMORE...
Attimi...
Diniegato...
Al buio di una caver...
A Genti quannu tinta...
Sfumature d'indaco...
In cittā...
ECLISSI DI LUNA di E...
Quando va via la neb...
Problema...
adamo ed eva...
Giorni di paura...
Ho ucciso il mio Cuo...
DUBBI...
L'obeso...
ho visto Te...
la fine...
Il tuo amore per me...
Il Silenzio...
OSSERVARE ANCORA...
Ho perso il cielo st...
non camminare davant...
Il salvadanaio...
PER IL SITO...
Scivolano le ombre...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Sollievo

Pupille che sono
spade.


Respiro
il mio odore,
esalo
il mio silenzio
di macerie
e di mozziconi di cittā.


Cammino
nel pensiero
fra le parole argute
e contorte
sulla soglia d'un abisso.


Scrivo e
suono i due tasti
del mio pianoforte,
mentre dentro impazzano
le mille note
di questa notte.


Mi accarezza la morte.


Ti vedo
ed un Universo
d'infinite stelle
e d'immensi pianeti
e di nostri mari
spalanca
le sue feroci e sublimi
fauci.


Mi parli
e muoio


Ti parlo
e taccio.



Share |


Poesia scritta il 30/12/2015 - 00:22
Da Antonio Rossi
Letta n.228 volte.
Voto:
su 2 votanti


Commenti


Una lacerante sofferenza prorompe dai tuoi scritti, che sono comunque stupendi.Attendo una tua sulla gaiezza e sui piaceri della vita, se puoi.

salvo bonafč 01/01/2016 - 15:30

--------------------------------------

Versi sapienti e intensi. Uno stile incisivo capace di evocare immagini nitide ed emozioni incalzanti.. Poesia molto apprezzata

Francesco Gentile 30/12/2015 - 13:26

--------------------------------------

UN ARGUTO E SENTITO VERSEGGIO DILIGENTEMENTE FORGIATO... LIETA GIORNATA
*****

Rocco Michele LETTINI 30/12/2015 - 09:06

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?