Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

L'immaginazione cos'...
Ascolta...
Pensieri ancestrali...
Haiku: Ricci...
RICORDI DI UN ALTRA ...
I Grilli duettanti...
Ros Maris - rugiada ...
NUVOLE...
SOLO FUMO...
Verso l'erba d'autun...
Er Bijettaro...
Campanili antichi...
La conoscenza umana ...
Il tempo che passa...
dove nasce il vento...
La mia roccia...
Vampiro errante...
Ferro...
Nella città...
Pensate.....
BACIAMI ANCORA...
GRAZIE MAMMA...
Portami con te...
Rachele...
IL MARE TRA DI NOI...
Sipario sulla notte...
Fame...
A Guido...
A volte capita che n...
UN VIAGGIO CHE NON F...
Accarezzo il mio cuo...
per pudore, per inco...
Le foglie...
I ricordi che ti han...
Marinuzza a muggheri...
Un sano egoismo...
Oh, dolcezza...
BANANE di Enio2 sati...
La mia mamma...
L'insonnia...
Spremute di coraggio...
Sulla cima dell'abis...
Gli eroi di Erice...
La cernia...
E poi tu...
Condannata...
La poesia che non...
il sentiero sul tuo ...
VOLARE...
LONTANANZA...
La Sedia...
Rilancia i dadi...
Mi sentii amato...
Odio e amore...
Le lacrime...
Quannu vegnu o me pa...
NOCTUA PRONUBA...
Una tiepida scia di ...
Se decidi di donarmi...
LE CANZONI...
C'era una volta la m...
DUE NOVEMBRE...
Il tramonto...
Musa...
IL CUORE E L' ...
Parlami ancora!...
Storia di una vita c...
Quegli occhi...
Relax emotivo...
Terra bagnata...
Madreluna...
Nella vita non smarr...
Penzeno pe' noi...
Oro bianco...
Forse ti amo... fors...
Di là della siepe...
Grazie...
Tascapane...
Il borgo incantato...
Occhi verde Amazzoni...
L'anima si spezza so...
Per essere davvero f...
L'incudine...
Nell'ebrezza dell'az...
Nelle sere...
Pirchì scappi?...
Dentro a una parente...
Giulia...
AMOR CHE A NULLO AMA...
Il cantautore...
Spesso nelle risate ...
Terre in moto...
Oasi...
A volte il perdono r...
La mia dolce musa...
Fiammelle Autunnali...
Un mattino d'autunno...
Ch'io possa...
Il borgo...
Le vere gioie...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

PRIGIONI

Da quanto tempo sei chiuso qui dentro?
Ti libero la mente da oscure
meraviglie,
che con disincanto hai raccolto
durante il tuo viaggio.
Quanto profondi sono i solchi
scavati sulle tue guance!
Il buio di una stanza che ti tiene
imprigionata;
la comodità della solitudine
che ti toglie il peso
di prenderti cura del vivere;
il fare i conti soltanto
con te stessa:
tutto questo ti addolcisce (lo hai scelto).
Ma
dovrai conoscere quanto pesa un amore
che ti attende dall'altra parte del muro.
Misurarti con l'esserti negata
l'interrogativo di un sorriso
rimasto ascoso dietro l'angolo.
Dovrai accarezzare
un vagito d'alba
che timido verso i tuoi occhi
si sporge.
E solo a quel punto:
adorerai od odierai le tue prigioni?
Ed io che ti dedico queste
parole convulse . . .
Le prigioni mi fanno male.
Troppo.
E' ora di uscire: ci incontreremo sicuramente,
sul giaciglio di un'esperienza
troppo a lungo ignorata.
Puoi starne certa:
perché ti verrò a cercare.


Share |


Poesia scritta il 23/03/2016 - 12:26
Da Giuseppe Centamore
Letta n.258 volte.
Voto:
su 3 votanti


Commenti


Molto bella....ci sono prigioni senza sbarre ma più forti di catene e tu mi hai fatto sentire questo....

Sabry L. 24/03/2016 - 00:43

--------------------------------------

Giuseppe bravo esci fuori dalle tue prigioni..devi solo volerlo..forte e toccante la tua poesia..ciao.

Maria Cimino 23/03/2016 - 23:00

--------------------------------------

...spesso le prigioni ce le creiamo noi stessi... Davvero intensi i tuoi versi, buona serata!

Chiara B. 23/03/2016 - 17:19

--------------------------------------

Sentito quanto esplicito verseggio forgiato magistralmente.
Lieto meriggio primaverile.
*****

Rocco Michele LETTINI 23/03/2016 - 16:39

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?