Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

SEI FUGGITA...
Luce e ombre......
Ode al vino...
Amore limpido....
Forse, sbagliata...
È subito mare...
Lo specchio (2015-20...
C'È SEMPRE IL SOLE...
L'onore...
DOLCE CANTO...
La vita in blu...
Di brama nella notte...
Sono la Primavera...
Valzer delle chimere...
Le ultime scosse...
Nel giorno che piang...
Sulle tue labbra...
La perfezione del fi...
Riflessione...
CI SIAMO PERSI...
Ho domandato ad un v...
Passa tutto...
Già poesia...
SI È MASCOLINIZZATA?...
Treno in corsa...
ed a te, cosa devi?...
POMERIGGIO SPUMEGGI...
adesso basta...
E LO CHIAMENO MAGGIO...
grotte infuocate...
Questo nostro indoma...
Si fosse prolungata...
Mi spingo oltre il m...
Opaca...
Un prete anarchico...
IL NOSTRO CIELO...
Pensieri sparsi su B...
Senryu 3...
Trasparenze...
IL CUORE NEL ...
A mia madre...
LIBERO...
Nebbia...
EMOZIONE D'AMORE...
Cuore....
Corda che unisce...
Mediterraneo...
Nuove Alebe...
Il dubbio...
Piove...
Nuovo giorno...
MAGARI UNA ROSA...
L'infinito...
RIGOR ..frammenti ne...
Cammino...
Io e te...
Le mie grosse vacanz...
Le scarpette rosse...
Con Agonistico Furor...
Fragranze...
Le parole che conosc...
BIMBA MIA...
Il mondo è fasullo...
di bianco e di rosso...
Non ho voglia di sor...
Domani....
Vezzo di rosa...
Nella società del pr...
Ad Agata...
PAPAVERO...
Un vento di scirocco...
L'ONOREVOLE di Enio ...
LE QUATTRO STAGIONI...
Oceano...
Maggio di nuvole...
La notte così lunga...
Bellezze nascoste....
Insonnia...
Non c'é sospeso...
IL FREDDO LA LU...
Gli armistizi si del...
la giustizia e' co...
Aetas sine spe...
il momento giusto...
AMORE INTENSO...
Lo sguardo della Ver...
La porta della felic...
Come musica che si p...
MISTERO...
E' PRIMAVERA...
Il bacio che mi lega...
Madre...
Trova il bambino che...
La danza dell'asetti...
Il principe cercava ...
Il canto del sole na...
Je suis le monde...
Un Sogno!...
Sei...
Errabondo vagare...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

PRIGIONI

Da quanto tempo sei chiuso qui dentro?
Ti libero la mente da oscure
meraviglie,
che con disincanto hai raccolto
durante il tuo viaggio.
Quanto profondi sono i solchi
scavati sulle tue guance!
Il buio di una stanza che ti tiene
imprigionata;
la comodità della solitudine
che ti toglie il peso
di prenderti cura del vivere;
il fare i conti soltanto
con te stessa:
tutto questo ti addolcisce (lo hai scelto).
Ma
dovrai conoscere quanto pesa un amore
che ti attende dall'altra parte del muro.
Misurarti con l'esserti negata
l'interrogativo di un sorriso
rimasto ascoso dietro l'angolo.
Dovrai accarezzare
un vagito d'alba
che timido verso i tuoi occhi
si sporge.
E solo a quel punto:
adorerai od odierai le tue prigioni?
Ed io che ti dedico queste
parole convulse . . .
Le prigioni mi fanno male.
Troppo.
E' ora di uscire: ci incontreremo sicuramente,
sul giaciglio di un'esperienza
troppo a lungo ignorata.
Puoi starne certa:
perché ti verrò a cercare.


Share |


Poesia scritta il 23/03/2016 - 12:26
Da Giuseppe Centamore
Letta n.301 volte.
Voto:
su 3 votanti


Commenti


Molto bella....ci sono prigioni senza sbarre ma più forti di catene e tu mi hai fatto sentire questo....

Sabry L. 24/03/2016 - 00:43

--------------------------------------

Giuseppe bravo esci fuori dalle tue prigioni..devi solo volerlo..forte e toccante la tua poesia..ciao.

Maria Cimino 23/03/2016 - 23:00

--------------------------------------

...spesso le prigioni ce le creiamo noi stessi... Davvero intensi i tuoi versi, buona serata!

Chiara B. 23/03/2016 - 17:19

--------------------------------------

Sentito quanto esplicito verseggio forgiato magistralmente.
Lieto meriggio primaverile.
*****

Rocco Michele LETTINI 23/03/2016 - 16:39

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?