Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

L'immaginazione cos'...
Ascolta...
Pensieri ancestrali...
Haiku: Ricci...
RICORDI DI UN ALTRA ...
I Grilli duettanti...
Ros Maris - rugiada ...
NUVOLE...
SOLO FUMO...
Verso l'erba d'autun...
Er Bijettaro...
Campanili antichi...
La conoscenza umana ...
Il tempo che passa...
dove nasce il vento...
La mia roccia...
Vampiro errante...
Ferro...
Nella città...
Pensate.....
BACIAMI ANCORA...
GRAZIE MAMMA...
Portami con te...
Rachele...
IL MARE TRA DI NOI...
Sipario sulla notte...
Fame...
A Guido...
A volte capita che n...
UN VIAGGIO CHE NON F...
Accarezzo il mio cuo...
per pudore, per inco...
Le foglie...
I ricordi che ti han...
Marinuzza a muggheri...
Un sano egoismo...
Oh, dolcezza...
BANANE di Enio2 sati...
La mia mamma...
L'insonnia...
Spremute di coraggio...
Sulla cima dell'abis...
Gli eroi di Erice...
La cernia...
E poi tu...
Condannata...
La poesia che non...
il sentiero sul tuo ...
VOLARE...
LONTANANZA...
La Sedia...
Rilancia i dadi...
Mi sentii amato...
Odio e amore...
Le lacrime...
Quannu vegnu o me pa...
NOCTUA PRONUBA...
Una tiepida scia di ...
Se decidi di donarmi...
LE CANZONI...
C'era una volta la m...
DUE NOVEMBRE...
Il tramonto...
Musa...
IL CUORE E L' ...
Parlami ancora!...
Storia di una vita c...
Quegli occhi...
Relax emotivo...
Terra bagnata...
Madreluna...
Nella vita non smarr...
Penzeno pe' noi...
Oro bianco...
Forse ti amo... fors...
Di là della siepe...
Grazie...
Tascapane...
Il borgo incantato...
Occhi verde Amazzoni...
L'anima si spezza so...
Per essere davvero f...
L'incudine...
Nell'ebrezza dell'az...
Nelle sere...
Pirchì scappi?...
Dentro a una parente...
Giulia...
AMOR CHE A NULLO AMA...
Il cantautore...
Spesso nelle risate ...
Terre in moto...
Oasi...
A volte il perdono r...
La mia dolce musa...
Fiammelle Autunnali...
Un mattino d'autunno...
Ch'io possa...
Il borgo...
Le vere gioie...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

La civetta

S'ode il verso civettuol
d'Athene Noctua.
Grazioso uccelletto,
sfuggevol alla vista
e notturno predator.
Al mio sentir fa...ciu-ciu.
Sia allor fortuna
al nascer nuovo
di vita terrena!
Oh, piccolo animal,
che di sventure
credenza vuol
fatal portatore...
Alla vita, stanotte
rivolgesti il canto!
Della dea Atena
il nome porti...
Orsù dunque!
Con grande Ègida,
all'umana ipocrisia,
volgi il capo
e il tuo cantare.
Che ad Atene
tante Civette
lor possano portare!


Share |


Poesia scritta il 31/03/2016 - 13:28
Da Loris Marcato
Letta n.310 volte.
Voto:
su 10 votanti


Commenti


Poesia simpatica e piena di humor,bella!5*

Teresa Giulino 01/04/2016 - 15:07

--------------------------------------

Che la fortuna t'assista caro amico.
Ma la tua poesia è così bella, fine, elegante ed arguta che non necessita di alcuna fortuna.
Come al solito rimango attonito di fronte i tuoi sublimi versi.

Giovanni Santino Gurrieri 01/04/2016 - 14:38

--------------------------------------

Le civette sono bellissime, e anche la tua poesia *****

Marilla Tramonto 01/04/2016 - 13:54

--------------------------------------

Bella questa tua poesia,io non sono superstiziosa, ma sapevo che secondo taluni portano sfortuna, ora grazie a te ho capito meglio
Simpatica ed originale poesia
Nadia
5*

Nadia Sonzini 31/03/2016 - 22:24

--------------------------------------

NON SONO SUPERSTIZIOSA, ADORABILE PENNUTO... DELIZIOSO FRASEGGIO ! *****

ANNA BAGLIONI 31/03/2016 - 21:54

--------------------------------------

Ciao Loris con voi imparo tante cose..ti dirò non sono per niente superstiziosa..della civetta ne ho sentite di diverse..ma questo del ciu..ciu..e del cuc..cuc..non l'avevo mai sentita..da oggi in poi farò attenzione..anche se credo che è tutta fantasia dell'uomo..e comunque una volta ne ho salvata una caduta dal suo nido..quindi credo che mi abbia allungato la vita.. Tu che dici? Comunque bella questa tua poesia... Ciao caro buona serata. ti abbraccio.

Maria Cimino 31/03/2016 - 21:45

--------------------------------------

Faccio un commento, che forse dovevo mettere nella poesia. La credenza popolare dice che se la civetta fa
Ciu-ciu, è portatrice di vita. Al contrario se fa -cuc-cuc, è portatrice di morte e disgrazie. In quanto alla chiusa, è un detto antico. Il nostro -portare ghiaccio al polo nord-, indica una azione stupida. Per avallare la stupidità della credenza stessa. In quanto Atene era la città delle civette. Scusate, dovevo metterlo in calce. Ciao.

Loris Marcato 31/03/2016 - 19:04

--------------------------------------

Leggende che si ripetono ma anche la civetta ha il suo grande fascino proprio come questa lirica dal sapore aulico e...civettuolo.

luciano rosario capaldo 31/03/2016 - 18:53

--------------------------------------

Antiche leggende lo hanno collocato tra gli uccelli portatori di disgrazia, ma è una fama immeritata. Una sera, quasi al tramonto, passeggiando fino al carrubo fui scosso dall'improvvisa fuga di un rapace che mi sembrò stupendo, era un barbagianni, il cuginetto della civetta. Ciao

salvo bonafè 31/03/2016 - 18:18

--------------------------------------

Loris bella la tua civetta che parta sfortune e sventure ma sarà poi vero*****

POETA DELL'AMIATA LUPO DELL'AM 31/03/2016 - 17:50

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?