Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Ros Maris - rugiada ...
NUVOLE...
SOLO FUMO...
Verso l'erba d'autun...
Er Bijettaro...
Campanili antichi...
La conoscenza umana ...
Il tempo che passa...
dove nasce il vento...
La mia roccia...
Vampiro errante...
Ferro...
Nella città...
Pensate.....
BACIAMI ANCORA...
GRAZIE MAMMA...
Portami con te...
Rachele...
IL MARE TRA DI NOI...
Sipario sulla notte...
Fame...
A Guido...
A volte capita che n...
UN VIAGGIO CHE NON F...
Accarezzo il mio cuo...
per pudore, per inco...
Le foglie...
I ricordi che ti han...
Marinuzza a muggheri...
Un sano egoismo...
Oh, dolcezza...
BANANE di Enio2 sati...
La mia mamma...
L'insonnia...
Spremute di coraggio...
Sulla cima dell'abis...
Gli eroi di Erice...
La cernia...
E poi tu...
Condannata...
La poesia che non...
il sentiero sul tuo ...
VOLARE...
LONTANANZA...
La Sedia...
Rilancia i dadi...
Mi sentii amato...
Odio e amore...
Le lacrime...
Quannu vegnu o me pa...
NOCTUA PRONUBA...
Una tiepida scia di ...
Se decidi di donarmi...
LE CANZONI...
C'era una volta la m...
DUE NOVEMBRE...
Il tramonto...
Musa...
IL CUORE E L' ...
Parlami ancora!...
Storia di una vita c...
Quegli occhi...
Relax emotivo...
Terra bagnata...
Madreluna...
Nella vita non smarr...
Penzeno pe' noi...
Oro bianco...
Forse ti amo... fors...
Di là della siepe...
Grazie...
Tascapane...
Il borgo incantato...
Occhi verde Amazzoni...
L'anima si spezza so...
Per essere davvero f...
L'incudine...
Nell'ebrezza dell'az...
Nelle sere...
Pirchì scappi?...
Dentro a una parente...
Giulia...
AMOR CHE A NULLO AMA...
Il cantautore...
Spesso nelle risate ...
Terre in moto...
Oasi...
A volte il perdono r...
La mia dolce musa...
Fiammelle Autunnali...
Un mattino d'autunno...
Ch'io possa...
Il borgo...
Le vere gioie...
Non calpestate la po...
Piacere, sono IO....
RIMEDI PER CHI RU...
SOSPIRO...
Chissà se Chiara Dor...
DOLCE TRISTE AT...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

FIORE D'INVERNO

Corresti esultante
Incontro ad uno spicchio di cielo terso
Lasciando la pioggia proporsi esausta
Tra i vigneti inermi dallo triste spoglio
La notte spazientì
Concedendosi dai rivi traboccanti
Alle piane Impervie
Nell'autunno appena scorto.
Dalla veglia delle vecchie mura
La luce graffiò gli specchi d'argento
Quando supina Il sonno ti sorprese
e al contempo la luna
si ribellò alle nubi
Arrestandone l'inquieto pianto.
Non rimasero che i tuoi silenzi
a dipingere il volto della solitudine
in fondo alla stanza
dove andarono a morire i miei respiri
allorché fuori dalle finestre limpide
sedettero in disordine
gli già stemperati colori dell'inverno.
Un altro giorno passò pigro
ferendomi i piedi nudi sui campi innevati
Immaginando ancor di inseguire
la tua dolce follia.


Share |


Poesia scritta il 12/04/2016 - 13:08
Da Mirko Faes
Letta n.281 volte.
Voto:
su 5 votanti


Commenti


Ciao Mirko dalle tue parole esce un velo di tristezza..spero sia passeggera e che il nuovo giorno gioia possa portarti..te lo auguro di cuore.. Anche se triste e malinconica e molto delicata e bella la tua poesia. complimenti. ciao.

Maria Cimino 12/04/2016 - 23:13

--------------------------------------

Vi ringrazio di cuore

Mirko Faes 12/04/2016 - 21:39

--------------------------------------

Struggente poesia...Molto bella!

margherita pisano 12/04/2016 - 18:54

--------------------------------------

Quanto dolore si sente in queste splendide righe! Dolore e solitudine! Molto bella!

Patrizia Bortolini 12/04/2016 - 17:28

--------------------------------------

Molto bella

Sabry L. 12/04/2016 - 15:07

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?