Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Margy...
Amicizia...
ANATRINI...
Risveglio di forme p...
RESPIRO NATURA di En...
Incredulità....
La sposa...
Alla fine di questa ...
Curriculum vitae...
Abbiam perso... il s...
HAIKU NR. 21...
Pedro...
Le Ore...
Sul mare... navigand...
Calce sulle dita...
QUANDO L' AMORE ...
UN’ALTRA CANZONE...
Spillo...
Quando finisce un am...
SEI FUGGITA...
Luce e ombre......
Ode al vino...
Amore limpido....
Forse, sbagliata...
È subito mare...
Lo specchio (2015-20...
C'È SEMPRE IL SOLE...
L'onore...
DOLCE CANTO...
La vita in blu...
Di brama nella notte...
Sono la Primavera...
Valzer delle chimere...
Le ultime scosse...
Nel giorno che piang...
Sulle tue labbra...
La perfezione del fi...
Riflessione...
CI SIAMO PERSI...
Ho domandato ad un v...
Passa tutto...
Già poesia...
SI È MASCOLINIZZATA?...
Treno in corsa...
ed a te, cosa devi?...
POMERIGGIO SPUMEGGI...
adesso basta...
E LO CHIAMENO MAGGIO...
grotte infuocate...
Questo nostro indoma...
Si fosse prolungata...
Mi spingo oltre il m...
Opaca...
Un prete anarchico...
IL NOSTRO CIELO...
Pensieri sparsi su B...
Senryu 3...
Trasparenze...
IL CUORE NEL ...
A mia madre...
LIBERO...
Nebbia...
EMOZIONE D'AMORE...
Cuore....
Corda che unisce...
Mediterraneo...
Nuove Alebe...
Il dubbio...
Piove...
Nuovo giorno...
MAGARI UNA ROSA...
L'infinito...
RIGOR ..frammenti ne...
Cammino...
Io e te...
Le mie grosse vacanz...
Le scarpette rosse...
Con Agonistico Furor...
Fragranze...
Le parole che conosc...
BIMBA MIA...
Il mondo è fasullo...
di bianco e di rosso...
Non ho voglia di sor...
Domani....
Vezzo di rosa...
Nella società del pr...
Ad Agata...
PAPAVERO...
Un vento di scirocco...
L'ONOREVOLE di Enio ...
LE QUATTRO STAGIONI...
Oceano...
Maggio di nuvole...
La notte così lunga...
Bellezze nascoste....
Insonnia...
Non c'é sospeso...
IL FREDDO LA LU...
Gli armistizi si del...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it



Spighe al vento

Ondeggiano le spighe
al vento…
e nei miei ricordi di ragazzo
con la bisaccia al collo…
quando seminavo
il grano sulla terra…
che sembrava troppo dura.
E chissà perché ora…
rimpiango i giorni d’autunno
sulle zolle?


Share |


Poesia scritta il 08/06/2016 - 11:52
Da Francesco Gentile
Letta n.554 volte.
Voto:
su 8 votanti


Commenti


Bella e molto nostalgica,
come quella nostalgia che hai lasciato in noi con la tua assenza.
Ti abbraccio ciao Francy

Maria Cimino 09/06/2016 - 00:15

--------------------------------------

La risposta alla domanda finale è forse...Nostalgia..eh caro Francesco non si salva nessuno da lei

Sabry L. 09/06/2016 - 00:06

--------------------------------------

I campi di grano e le spighe al vento sono bellissime, restano sempre nel cuore!
Chi ha vissuto a contatto con la terra lo sa! Molto bella Francesco un abbraccio forte 5*

margherita pisano 08/06/2016 - 19:55

--------------------------------------

Ma, per fortuna, ora ho un piccolo pezzo di terra dura, piena di sassi, meravigliosamente scoscesa... e mi pare d'aver conquistato il paradiso...

Francesco Gentile 08/06/2016 - 18:29

--------------------------------------

Penso, in fondo, che il rimpianto sia di aver pensato male della terra, a quel tempo, credendo che fosse troppo dura... mentre in realtà mi stava insegnando a vivere..

Francesco Gentile 08/06/2016 - 18:26

--------------------------------------

Se solo ti fermi a pensare, la lista dei rimpianti si allunga troppo, ciao buona serata

Wilobi Wilobi 08/06/2016 - 17:46

--------------------------------------

I campi di grano richiamano sempre alla fanciullezza e alla libertà, a quel tempo scandito dalla spensieratezza. Sarà per questo che ne avverti, ed io con te, la nostalgia?
Bella poesia, malinconicamente nostalgica.
Ciao!

Millina Spina 08/06/2016 - 17:09

--------------------------------------

Che bella poesia, ha risvegliato un ricordo. Mi son vista bambina correre tra le spighe di grano e i papaveri sulla terra spaccata dal sole..Stupenda... 5

Gabriella De Gennaro 08/06/2016 - 16:30

--------------------------------------

Sapiente decanto. Il passato nei tuoi ponderati versi... con maestria... con nostalgia...
Lieto meriggio.
*****

Rocco Michele LETTINI 08/06/2016 - 15:32

--------------------------------------

Ciao Francesco, che ricordi! Noi che si andava a diradare le barbabietole
a mano (sciarezare, da noi) inginocchiati su due file. Se ci penso un po' mi manca. Bellissima, ciao. Grazie per i tuoi commenti.

Loris Marcato 08/06/2016 - 15:14

--------------------------------------

Grazie per il commento che ho ricevuto.Le spighe al vento mi ricorda un grandissimo film di ingmar Bergman dal nome "il posto delle fragole".bella come tutte le tue poesie

Mirko Faes 08/06/2016 - 15:10

--------------------------------------

I giorni d'autunno che infangavano le suole, rendendo il passo pesante di piombo. Quando il vento sferzava con lame di gelo il nostro viso sorridente...allora si era felici.
Ciao Francesco, una bella poesia che descrive la tua anima bucolica.

salvo bonafè 08/06/2016 - 15:00

--------------------------------------

noi che in campagna siamo nati e per un tempo vissuti i ricordi belli non mancano

POETA DELL'AMORE LUPO DELL'AMI 08/06/2016 - 14:22

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?