Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

dove nasce il vento...
La mia roccia...
Vampiro errante...
Ferro...
Nella città...
Pensate.....
BACIAMI ANCORA...
GRAZIE MAMMA...
Portami con te...
Rachele...
IL MARE TRA DI NOI...
Sipario sulla notte...
Fame...
A Guido...
A volte capita che n...
UN VIAGGIO CHE NON F...
Accarezzo il mio cuo...
per pudore, per inco...
Le foglie...
I ricordi che ti han...
Marinuzza a muggheri...
Un sano egoismo...
Oh, dolcezza...
BANANE di Enio2 sati...
La mia mamma...
L'insonnia...
Spremute di coraggio...
Sulla cima dell'abis...
Gli eroi di Erice...
La cernia...
E poi tu...
Condannata...
La poesia che non...
il sentiero sul tuo ...
VOLARE...
LONTANANZA...
La Sedia...
Rilancia i dadi...
Mi sentii amato...
Odio e amore...
Le lacrime...
Quannu vegnu o me pa...
NOCTUA PRONUBA...
Una tiepida scia di ...
Se decidi di donarmi...
LE CANZONI...
C'era una volta la m...
DUE NOVEMBRE...
Il tramonto...
Musa...
IL CUORE E L' ...
Parlami ancora!...
Storia di una vita c...
Quegli occhi...
Relax emotivo...
Terra bagnata...
Madreluna...
Nella vita non smarr...
Penzeno pe' noi...
Oro bianco...
Forse ti amo... fors...
Di là della siepe...
Grazie...
Tascapane...
Il borgo incantato...
Occhi verde Amazzoni...
L'anima si spezza so...
Per essere davvero f...
L'incudine...
Nell'ebrezza dell'az...
Nelle sere...
Pirchì scappi?...
Dentro a una parente...
Giulia...
AMOR CHE A NULLO AMA...
Il cantautore...
Spesso nelle risate ...
Terre in moto...
Oasi...
A volte il perdono r...
La mia dolce musa...
Fiammelle Autunnali...
Un mattino d'autunno...
Ch'io possa...
Il borgo...
Le vere gioie...
Non calpestate la po...
Piacere, sono IO....
RIMEDI PER CHI RU...
SOSPIRO...
Chissà se Chiara Dor...
DOLCE TRISTE AT...
baciata dalla luna...
Quel che rimane...
Ode a Trieste....
Ebbrezza marina...
Prime impressioni...
La luce negata...
Poche Luci...
Gelato a due gusti...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Elettra

Luminosa come le tue Sorelle,
Non lasci spazio alcuno al comun
mortale che ti ammira.
Divina Creatura,
adesso sei terrena
e posso toccarti.
Come una Sacertodessa
d'altri tempi, mi sento
piccolo al tuo cospetto.
Le tue vesti regali,
i tuoi monili d'acquamarina,
il tuo sguardo che stordisce.
Sorridi, ma non proferisci parola.
E' un conto alla rovescia.
Il tempo è poco.
Forse solo pochi minuti.
Le domande son troppe,
le risposte arriveranno
ma non oggi almeno.
Io questo l'ho capito.
Sotto un gazebo di stelle danziamo.
Un omaggio alle Pleiadi.
Solo per loro
e forse anche per noi due.
Se tu lo vorrai!
Le mani sui tuoi fianchi.
le tue braccia al collo.
Fisso i suoi occhi,
come gemme posate
su un letto d'alabastro e
non mi importa più di niente.
Ad un tratto il suono di
una sirena in lontananza.
Una nave in partenza?
Ma non c'è porto
dove siamo
oh Divina Creatura.
Un segnale ancestrale?
Il tempo è scaduto.
Ti vedo fuggir via
lungo la strada.
A cavallo di una ringhiera
i miei occhi cercan i tuoi finché possono.
Arrivata in fondo,
prima si vanire
ti volti indietro per un
sorriso.
L'ultimo!
La mia piastrina
tra le tue mani.
Quella che mi hai strappato
dal petto pochi istanti prima
insieme al mio Cuore.
Un'altra occasione Per
incontrarci di nuovo?
Rimango immobile
a fissare il cielo
ora che sei andata via.
Poi ad un tratto un mostro
d'acciaio sopra di me
libera le sue onde d'urto.
E' l'infrangersi della
barriera del suono
sopra la mia testa.
Un dolore lancinante.
Perdo l'equilibrio
e cado nel vuoto.
Mi sveglio.


Share |


Poesia scritta il 31/07/2016 - 19:45
Da Elya Baskin
Letta n.314 volte.
Voto:
su 0 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?