Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Cielo pirico...
E mi cruccio, a sera...
Un brano al vento...
Io volo...
Quei due che non era...
Rimembranze...
Monologo del Tacchin...
Mia adorata Paky...
Scelgo le perle...
LA POESIA PIÙ BELLA...
Luci di Natale...
Lettera ad un amico...
Se mi ami...
bene e male...
La moje in vacanza (...
Riempimi di te...
Lacrime...
LUCCIOLE IN CIELO ...
milite armato d'amor...
Un solo colpo...
L'amore ricordato...
A Marta...
ultimi pensieri...
Oltre...
NATALE...
Il suo bastone assen...
Inedia...
Il barattolo...
esecrerò l'odio...
SOSPIRO D'AMORE...
IL SOGNO DI UN AMORE...
La sposa triste...
Dialogo di due innam...
LENTI A CONTATTO...
VISO DI LUNA...
AMORE...
Non sei tu(C)...
Danza...
LUPO AFFAMATO...
LA FESTA DEL LUPO...
Vivo......
Il fesso...
Francesco Forgione...
I miei occhi...
Furto di cocaina...
Un Abbraccio...
Fantasia...
Una delle tante...
Giornataccia!!!...
LA VITA TI HA SCELTO...
L'ODIATO LUPO...
Natale 2017...
Questo può diventare...
Non sprecare il tuo ...
Nuvole 2...
L'altra metà del cie...
E quando le creature...
Vorrei ma non posso...
Come arriva natale...
Fughe...
L'emicrania della no...
Ovunque tu sia...
DOLCI MELODIE...
L'ISTINTO...
Bava di lumaca...
Quella ragazza...
Il migliore amico de...
OTTO DICEMBRE di En...
Lupo sdentato...
Ascolta se vuoi....
Ogni fiume segue il ...
Passerà la festa...
Cappuccetto Rosso e ...
La bocca di un crate...
Un angelo senza nome...
Un altro giorno...
Tu vai, io sono qui...
Solamente felicità...
In Do maggiore...
AD ALDO MINIUSSI, CA...
Tornando a casa...
Solitudine...
UN LUPO NON TRO...
e dimenticare...
Imparare dalla sempl...
Ah, l'amour......
O il babbo...?...
L' Ancora Di Salvezz...
La retta via...
L'oscuro contadino (...
Sangue e Jack Daniel...
Calessi...
La pulizia...
Mareggiata...
Tu vali...
Che te credi...
FALLIMENTO...
Il mondo......
MARY E IL LUPO...
Datemi un verso...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Elettra

Luminosa come le tue Sorelle,
Non lasci spazio alcuno al comun
mortale che ti ammira.
Divina Creatura,
adesso sei terrena
e posso toccarti.
Come una Sacertodessa
d'altri tempi, mi sento
piccolo al tuo cospetto.
Le tue vesti regali,
i tuoi monili d'acquamarina,
il tuo sguardo che stordisce.
Sorridi, ma non proferisci parola.
E' un conto alla rovescia.
Il tempo è poco.
Forse solo pochi minuti.
Le domande son troppe,
le risposte arriveranno
ma non oggi almeno.
Io questo l'ho capito.
Sotto un gazebo di stelle danziamo.
Un omaggio alle Pleiadi.
Solo per loro
e forse anche per noi due.
Se tu lo vorrai!
Le mani sui tuoi fianchi.
le tue braccia al collo.
Fisso i suoi occhi,
come gemme posate
su un letto d'alabastro e
non mi importa più di niente.
Ad un tratto il suono di
una sirena in lontananza.
Una nave in partenza?
Ma non c'è porto
dove siamo
oh Divina Creatura.
Un segnale ancestrale?
Il tempo è scaduto.
Ti vedo fuggir via
lungo la strada.
A cavallo di una ringhiera
i miei occhi cercan i tuoi finché possono.
Arrivata in fondo,
prima si vanire
ti volti indietro per un
sorriso.
L'ultimo!
La mia piastrina
tra le tue mani.
Quella che mi hai strappato
dal petto pochi istanti prima
insieme al mio Cuore.
Un'altra occasione Per
incontrarci di nuovo?
Rimango immobile
a fissare il cielo
ora che sei andata via.
Poi ad un tratto un mostro
d'acciaio sopra di me
libera le sue onde d'urto.
E' l'infrangersi della
barriera del suono
sopra la mia testa.
Un dolore lancinante.
Perdo l'equilibrio
e cado nel vuoto.
Mi sveglio.


Share |


Poesia scritta il 31/07/2016 - 19:45
Da Elya Baskin
Letta n.353 volte.
Voto:
su 0 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?