Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

DUE NOVEMBRE...
Il tramonto...
Musa...
IL CUORE E L' ...
Parlami ancora!...
Storia di una vita c...
Quegli occhi...
Relax emotivo...
Terra bagnata...
Madreluna...
Nella vita non smarr...
Penzeno pe' noi...
Oro bianco...
Forse ti amo... fors...
Di là della siepe...
Grazie...
Tascapane...
Il borgo incantato...
Occhi verde Amazzoni...
L'anima si spezza so...
Per essere davvero f...
L'incudine...
S.Francesco....
E' Tempo...
Nell'ebrezza dell'az...
Nelle sere...
Pirchì scappi?...
Dentro a una parente...
Giulia...
AMOR CHE A NULLO AMA...
Il cantautore...
Spesso nelle risate ...
Terre in moto...
Oasi...
A volte il perdono r...
La mia dolce musa...
Fiammelle Autunnali...
Un mattino d'autunno...
Ch'io possa...
Il borgo...
Le vere gioie...
Non calpestate la po...
Piacere, sono IO....
RIMEDI PER CHI RU...
SOSPIRO...
Chissà se Chiara Dor...
DOLCE TRISTE AT...
baciata dalla luna...
Quel che rimane...
Ode a Trieste....
Ebbrezza marina...
Prime impressioni...
La luce negata...
Poche Luci...
Gelato a due gusti...
Alba...
RIFLESSO DI SGUARDO...
IL PRESENTE...
LE CAVERNE DEL CUORE...
Il dolore è come un ...
Campi di anime, per ...
Grigio di nebbia...
Un fiume rosso sangu...
Vola in alto Perché...
PENSIERO D'AUTUNNO...
a Charles Bukowski...
Le rapide dei sogni....
POLVERE D'AMORE...
Attimi...
Diniegato...
Al buio di una caver...
A Genti quannu tinta...
Sfumature d'indaco...
In città...
ECLISSI DI LUNA di E...
Quando va via la neb...
Problema...
adamo ed eva...
Giorni di paura...
Ho ucciso il mio Cuo...
DUBBI...
L'obeso...
ho visto Te...
la fine...
Il tuo amore per me...
Il Silenzio...
OSSERVARE ANCORA...
Ho perso il cielo st...
non camminare davant...
Il salvadanaio...
PER IL SITO...
Scivolano le ombre...
I PROBLEMI DEL ...
AUTOMA...
Dedicato da te a me...
Su questa mia terra...
Ti sento...
Er patto cor demogno...
La grotta nell’autob...
dal giorno alla nott...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Matite rosse

Mi angoscia
la narcolessia degli spazi vuoti
e quel senso d'impossibile
che rende sterili le matite colorate
come un diapason muto
nelle mani di un clochard
a soffocare l'attimo fuggente
di un'estate che non ritorna.


Ho temperato i giorni
e scandito le attese
mentre il nulla masturbava i sogni
nell'indifferenza di ogni passo
senza afferrare il senso dell'incompiuta
per colpa di un orgoglio
che ha estirpato la radice
di un germoglio già ferito.


Scorre lenta
la comprensione dell'ineluttabile
giorni interi a respirare
l'agonia dell'anima
mentre lo sguardo fissa il tempo perduto
senza riuscire a fermarlo
e si muore un po'
senza rendersene conto.


Mi angoscia l'assenza di emozioni
l'assenza di stagioni nel mio cuore
un equilibrio fatto di linee rette
senza sussulti né baratri
e l'inciampare in me
non è che la proiezione della cenere
che le matite rosse
disegnano sull'ombra dei miei sogni.



Share |


Poesia scritta il 04/09/2016 - 16:29
Da Enrico Danna
Letta n.216 volte.
Voto:
su 1 votanti


Commenti


Il paragone di una esistenza dolorosa con le matite rosse, mi è molto piaciuto...Si consumano pian piano ma lasciano una traccia di colore...di speranza, quella che serve al cuore!
Molto bella. Ciao buona serata

margherita pisano 04/09/2016 - 22:08

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?