Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Fiammelle Autunnali...
SCOMMESSA CON IL DES...
Un mattino d'autunno...
Ch'io possa...
Il borgo...
Le vere gioie...
Non calpestate la po...
Piacere, sono IO....
RIMEDI PER CHI RU...
SOSPIRO...
Chissà se Chiara Dor...
DOLCE TRISTE AT...
baciata dalla luna...
Quel che rimane...
Ode a Trieste....
Ebbrezza marina...
Prime impressioni...
La luce negata...
Poche Luci...
Gelato a due gusti...
Alba...
RIFLESSO DI SGUARDO...
IL PRESENTE...
LE CAVERNE DEL CUORE...
Il dolore è come un ...
Campi di anime, per ...
Grigio di nebbia...
Un fiume rosso sangu...
Vola in alto Perché...
PENSIERO D'AUTUNNO...
a Charles Bukowski...
Le rapide dei sogni....
POLVERE D'AMORE...
Attimi...
Diniegato...
Al buio di una caver...
A Genti quannu tinta...
Sfumature d'indaco...
In città...
ECLISSI DI LUNA di E...
Quando va via la neb...
Problema...
adamo ed eva...
Giorni di paura...
Ho ucciso il mio Cuo...
DUBBI...
L'obeso...
ho visto Te...
la fine...
Il tuo amore per me...
Il Silenzio...
OSSERVARE ANCORA...
Ho perso il cielo st...
non camminare davant...
Il salvadanaio...
PER IL SITO...
Scivolano le ombre...
I PROBLEMI DEL ...
AUTOMA...
Dedicato da te a me...
Su questa mia terra...
Ti sento...
Er patto cor demogno...
La grotta nell’autob...
dal giorno alla nott...
LA POLLIVENDOLA...
Autunno per un amico...
Trapasso...
Le mille cose che no...
FIGLIO MIO...
Azzurro...
Il mare verde...
L'allegra triestina...
Spero...
Angeli...
la rifrazione illuso...
Dille ch'io la amo...
Scarmigliata...
A te...
Io e la vita...
Il mio amore non c'è...
ER POVETA E L'UCELLI...
Monotonia uccide poe...
Pensando...un addio!...
La vita è una meravi...
Come rami di uno ste...
TOMBINO...
Foglie morte...
Avida la mia bocca!...
Il farmacista...
rimembranze...
PASSEGGIATA SOLITARI...
volo d'autunno...
Infinita voglia di v...
Seppe poi sola andar...
Una richiesta vana...
Pensieri invadenti...
L'Astronomia del Fut...
Potrei darti...
Quel vino rosso ross...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it



La preghiera di un soldato stanco.

Son stanco di sparare
e di quel tanfo nauseabondo
che ho creato
con una mistura
fatta solo di sangue e zolfo
ma io non sono un alchimista
son solo un soldato
proteggo i vivi uccidendo
altri esseri viventi.
Sono Loro che mi dicono
chi è buono
e chi è cattivo,
chi deve vivere
e chi morire.
Accanto a me
siede un bambino in lacrime
abbraccia il mio fucile
gli ho appena ucciso il padre
e adesso anche i miei
occhi piangono,
le mie mani sporche
tremano.
e le mie labbra pregano:
Dio mio, cosa ho fatto?
Chi sono diventato?
Dammi la forza, Ti prego,
di diventar il tuo giardiniere
trasformerei ogni bomba
in vasi di fiori colorati,
pianterei alberi da frutto
dentro quelle voragini
lungo le strade,
costruirei dei nidi
in quei grossi fori
sulle facciate dei palazzi
cosicché ogni uccello
stanco del viaggio
troverebbe un alloggio
accogliente.
Costruirei la pace
un fiore al giorno.
E dopo aver concluso
quest'opera
io Ti chiedo
di farmi diventare
il Tuo pagliaccio preferito
donerei così il Tuo sorriso
ad ogni bimbo del mondo
laddove la guerra
glielo ha tolto
assieme all'abbraccio
dei suoi genitori.


Share |


Poesia scritta il 04/09/2016 - 23:13
Da Emanuele Cilenti
Letta n.249 volte.
Voto:
su 1 votanti


Commenti


Grazie mille Rocco sempre gentilissimo. Buon Lunedì

Emanuele Cilenti 05/09/2016 - 10:40

--------------------------------------

ESPRESSIVAMENTE ARGUTA...
ELOGIABILE SEQUELA EMANUELE.
*****

Rocco Michele LETTINI 05/09/2016 - 10:08

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?