Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Non hanno nome i pen...
Il baratro del silen...
Ricomincio da me...
Pensa a me...
Mi manchi tu...
La volpe in vetrina...
Notte di insonnia...
Se hai un pezzettino...
RIVIVERE...
SULLE TRACCE...
ER CANARINO MIO d...
Satira...
Evoluzione...
Senza riposo...
L' attimo...
Coccinella...
Ci sono sempre stato...
Lacrime...
PASTA E CECI...
Nonostante tutto. .....
cento passi omaggio ...
Venere e Luna...
Kalòs e la Cerva...
Sempre che il bar si...
La poesia mi salva...
Era un sogno?...
Dialogo dell\'amor p...
Ad Elisa...
Il segreto della pio...
SEGNALIBRO...
Libertà...
La tua mancanza si s...
Mera poesia 4....
A spasso tra le stel...
Piccola stella...
The Bad Road...
Una favola antica...
Racconti della notte...
Anche se calmo, è ...
...a te...
Il primo amore di Fr...
L’ONESTA’ DE ZIO...
La ricorrenza...
FANGO...
Tu una parte di noi...
Vivi!...
Viaggiare...
La luna e il mare...
L'Esibizionista...
PORTAMI NEI TUOI SOG...
IL NOSTRO ADDIO...
La carezza del sole...
A bordo nel mistero...
Non Sono...
La verità è come il ...
Ribelli del cuore...
Nel prato...
Silenzio...
Bangkok...
Nessun applauso...
Poesia in Re...
E' tutto troppo!...
Temporale d'estate...
TARANTELLA...
tempo...
Rosso...
DOPO UN ANNO...
I colori della vita,...
La ginestra...
FEBBRAIO OGGI E’ DI ...
La rinascitadel dest...
Tutto...
Grigia mattina...
PADRE MADRE...
Con o senza di me...
Il Calice Rosso...
La luna e il mare...
Ognuno ha diritto ad...
Il giardino di famig...
...vedi tesoro mio, ...
La madre di tutti...
AMORE AMORE... AMORE...
Tre Hayku per Sun La...
Il disegno di coppia...
Lei era vento!...
Par di vederti...
Intorno ai girasoli...
Aurelia...
In flessuosa danza...
Judo...
In quei giorni...
Notte d'estate...
Emozione pura...
Momenti...
A ricordo di un amic...
SILENZIO TOMBALE...
Piu del cielo Più d...
destino...
Il mio primo passo d...
C'è un limite...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Ferite

Con le tue mani lunghe e ossute hai estirpato le piante,
con la tua voce roca e potente hai sovrainciso i miei discorsi rendendoli vani,
con le tue spalle larghe mi hai obbligato a scansarmi per vedermi passare,
con le tue pupille dilatate mi hai costretto alle lacrime.


Ora è passato un po’ di tempo e le ferite si sono lenite,
ma continuo a stare attento ai tuoi panegirici e alle tue intenzioni.
Poco fa ho risposto al telefono credendo fossi tu.
La tua camminata spavalda trae ancora in inganno.


Lacerti di memoria sono sparsi tutti intorno,
nello spazio tra i due soli ne appare un terzo,
sei andata via dal servizio funebre prima degli altri
e hai toccato la seta del tuo orlo ricamato.


Un posto dove stare, abbastanza da mangiare, alluminio per conservare i cibi,
questo è quello che mi serve ora.
Notte dopo notte torni a tormentarmi nei sogni,
sto diventando pazzo.


La tua cura maniacale ai dettagli ha eroso la mia pazienza,
ho lasciato cadere il coltello poco distante da me,
Ti ho lasciato venire a calpestare il mio prato.
Non mi sono ancora liberato di te.


Fissando i miei pensieri in un punto lontano, ho trovato requie:
mi sono sdraiato e ho dormito, sopperendo alla mancanza di attrattive,
ora sono prigioniero di una mezza età alcolica
che tu avresti riprovato, ne sono certo.


C’è tanta strada da fare, ma certo non la faremo insieme.
Il freddo circonda ragazzi e ragazze, hai ancora del tempo a disposizione?
E riuniti intorno al cenotafio abbiamo cantato e battuto le mani,
mentre tu te ne andavi nella pioggia.


Ancora un altro arrivederci e un coltello tra le scapole,
abbiamo speso troppo per rinunciare così presto.
Aspetto quel momento del tempo in cui tutto appare avere due significati.
Negoziamo per garantirci paramenti nuovi e inamidati.



Share |


Poesia scritta il 04/12/2016 - 12:00
Da Giulio Soro
Letta n.334 volte.
Voto:
su 4 votanti


Commenti


trasmette tanto!

Michele Facchini 04/12/2016 - 18:34

--------------------------------------

trasmette tanto!

Michele Facchini 04/12/2016 - 17:52

--------------------------------------

notevole,una poesia che mi ha davvero colpito,ciao

andrea sergi 04/12/2016 - 17:50

--------------------------------------

STUPENDI VERSI IN QUARTINE 5*

GIANCARLO LUPO POETA DELL'AMO 04/12/2016 - 16:56

--------------------------------------

Giulio
di una bellezza indicibile
profonda, intensa
un arrivederci tristissimo
"arriva come la lama di un coltello"
quel coltello tra le scapole


laisa azzurra 04/12/2016 - 14:42

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?