Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

E ci siamo ritrovati...
DI NOTTE...
Deriva d'orgoglio...
Sapore...
Un giorno per sempre...
Passione luminosa...
Bisogna fare di tutt...
Mio......
Se...
LUCE CHE MI TOCCA...
Sera...
A Firenze...
Al pianoforte...
Sbrigati ad amare...
Foglia d'autunno...
PRIMAVERA D'AUTUNNO...
Time out...
CANTO D'AMORE...
Questa fu missione d...
C'era una volta la m...
Leggiadre emozioni...
RIME ALLO SPECCHIO...
Adele...
come nasce un fiore...
OTTOBRE INVERNALE ??...
UN DOLORE...
SFUMATURE DI MARY...
Proprio come te...
Il nichilista...
Inutilità...
'Lascia stare la mia...
Mima...
Salvezza...
Più di mille stelle...
Assai infinito...
L'immaginazione cos'...
Ascolta...
Pensieri ancestrali...
Haiku: Ricci...
RICORDI DI UN ALTRA ...
I Grilli duettanti...
Ros Maris - rugiada ...
NUVOLE...
SOLO FUMO...
Verso l'erba d'autun...
Er Bijettaro...
Campanili antichi...
La conoscenza umana ...
Il tempo che passa...
dove nasce il vento...
La mia roccia...
Vampiro errante...
Ferro...
Nella città...
Pensate.....
BACIAMI ANCORA...
GRAZIE MAMMA...
Portami con te...
Rachele...
IL MARE TRA DI NOI...
Sipario sulla notte...
Fame...
A Guido...
A volte capita che n...
UN VIAGGIO CHE NON F...
Accarezzo il mio cuo...
per pudore, per inco...
Le foglie...
I ricordi che ti han...
Marinuzza a muggheri...
Un sano egoismo...
Oh, dolcezza...
BANANE di Enio2 sati...
La mia mamma...
L'insonnia...
Spremute di coraggio...
Sulla cima dell'abis...
Gli eroi di Erice...
La cernia...
E poi tu...
Condannata...
La poesia che non...
il sentiero sul tuo ...
VOLARE...
LONTANANZA...
La Sedia...
Rilancia i dadi...
Mi sentii amato...
Odio e amore...
Le lacrime...
Quannu vegnu o me pa...
NOCTUA PRONUBA...
Una tiepida scia di ...
Se decidi di donarmi...
LE CANZONI...
C'era una volta la m...
DUE NOVEMBRE...
Il tramonto...
Musa...
IL CUORE E L' ...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Nulla è per nulla

Se non fossi stata così abile nel gioco delle parti,
sarei ancora pronto a scusarmi con te, dolcezza.
Urlo alla luna come un licantropo,
cosa abbiamo preparato per i nostri figli?


Frusciano nell’erba alta serpenti scarlatti,
sei ancora in comando di questa nave che sbanda.
In derelitti campi di grano i miei auguri si perdono:
stai davanti alla porta di uscita con le braccia larghe e i fianchi stretti.

Ero solo un ragazzino quando tu hai fatto abiura senza contegno,
senza pudore, senza pensarci un attimo su.
Sei stata frettolosa mentre sul mio volto spuntava ancora l’ombra di un acne adolescenziale.
Più forti di noi si sono rivelate le nostre paure.


Ora che sei lontana da me, l’incallito spuntare di pretendenti non mi tocca più.
Rendili tristi, rendili osceni, rendili folli, rendili partecipi, falli piangere.
Che cosa possiamo dire di quello che sta capitando?
Dietro il tuo sarcasmo quiete ombre di luce giacciono.


Come il giorno si spegne così la torturata consapevolezza del nulla è per nulla.
Cadendo giù, cascando dalle spante disillusioni di avere ragione
mentre l’argento nei tuoi capelli brillava nel piatto sole di novembre.
Parlando ad alta voce delle tue paure, hai fatto ricorso alla legge.


Notte dopo notte, si gira e si rigira nella mia testa,
nell’angolo di qualche mondo perduto,
dobbiamo disegnare la parte ultima,
prendendoci cura di un sogno.



Share |


Poesia scritta il 11/12/2016 - 12:52
Da Giulio Soro
Letta n.188 volte.
Voto:
su 3 votanti


Commenti


una gran bella poesia,ciao

andrea sergi 12/12/2016 - 08:27

--------------------------------------

Ciao Giulio quello che scrivi tocca
il cuore, mi dispiace.


Quel nulla ti ha lasciato addosso
profonde ferite.


Ciao caro


Maria Cimino 11/12/2016 - 18:57

--------------------------------------

Giulio molto piaciuta 5*

GIANCARLO LUPO POETA DELL'AMO 11/12/2016 - 15:41

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?