Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Il privilegio di gua...
Febbraio...
e lei colse un'ultim...
RISVEGLIO...
D'improvviso...
É...
Lucchetti che nascon...
RIFUGIO E' IL VERSO...
S‘è fatta una certa....
Se si è amati si toc...
La pace dei sensi...
Flussi di coscienza...
Tempo al tempo...
L'amore vince...
È nel mai ©...
Neve...
Non leggo Racconti...
Haiku Emozione...
PROVERBI in RIMA...
E il treno arrivò...
nelle giornate di pi...
Solca i mari...
SCENA INVERNALE...
Disilluso...
POETI DELL' AMOR...
Quel rio argentato...
ETA' CHE VA...
Il dispiacere è al...
PICCOLO GRANDE BOSS...
Perdere niente...
Lacrime...
Una strana partita a...
Poesia, essenza linf...
Nel mondo c'è molto ...
La luce nei tuoi occ...
Il Papa nero....
A mia figlia...
Notte...
Eccentrico silenzio...
Domenica di pioggia...
Riflessioni...
Sadness....
Mostro implacabile...
L'armonia delle brac...
La magia delle mani...
IL PARADISO...
Echi lontani...
vortice...
Solo....
Il mio mare...
Leggere è come aprir...
E' vita vera...
Piccole azioni corag...
IL MAESTRO...
Silenzio......
Valori...
Cicatrici...
An electric air from...
ER BACICCIA (la bann...
Tanka...
Il corpo racconta...
Non ricordo...
Amata mia...
Le Fiamme del Peccat...
Rivoluzione...
La mia odissea...
Con la forza dei ram...
SIMPATICA SORPRESA...
Deriva delle anime...
Vaso...
Dimenticarsi...
Naufrago...
Amore...
Odore di uno spettro...
IL GERME DELLA ...
Sceriffo...
Le note del tempo...
Il caro estinto...
La felicità...
L'assente...
ALLA GUIDA DELLA VIT...
ossuta resilienza...
Eppur sorridi...
Ridere...
Orme future...
Deluso...
Nel fruscio della vi...
Occhi chiusi...
Le mie gambe...
Miraggio di una infa...
UN RESPIRO....
ODE...
ALLE PORTE DEL SOGNO...
Notti magiche !...
D'inverno...
VENICE...
L'ultima gara....
Amantes...
Così poco...
l'armonia...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

La corsa e la posizione

Mi chiederai quale sia il dramma, quel chiodo
maledetto che ci procura l’affanno di vivere.
Forse… Da qualche parte, in qualche altra epoca,
gli stessi cieli, gli stessi rigurgiti d’onde,
le stesse terre dorate ed incendiate
che oggi attraversiamo:
hanno visto questi nostri misfatti.
Se possiamo dire di essere responsabili
delle nostre azioni,
possiamo allo stesso modo dire che non è
tutta colpa nostra.
Di essere in qualche modo innocenti.
Non è bestemmia, non è pazzia.
Assistiamo agli eventi del tutto impotenti:
che cosa ci fa credere di non esserlo
di fronte al male?
o che davvero abbiamo avuto scelta?
Questo dramma…
La corsa verso la percezione dell’esistere:
velocità è essenza e ritmo del vivere.
Ma qual è il nostro posto?
Quali sono le nostre coordinate all’interno
dell’universo?
Fermarsi è un guaio: vuoi vivere, Jaeger!
Non puoi smettere di correre.
Ma ti sei mai guardato indietro?
Lo so per certo.
Le orme che hai lasciato;
le speranze che hai infranto;
il segno indelebile su un viso di donna che hai scavato…
Dove ti trovavi ieri?
dove sei adesso?
In quale angolo dell’universo.
Sei come me, Jaeger.
Indeterminato.
Sei parte della mia stessa tragedia.
Troppo avido di vita, per smettere di correre.
Troppo innamorato, per non pensare a chi eri, a chi sei…


Share |


Poesia scritta il 14/12/2016 - 13:07
Da Giuseppe Centamore
Letta n.274 volte.
Voto:
su 1 votanti


Commenti


Grazie Maria.
Buona giornata.

G


Giuseppe Centamore 15/12/2016 - 11:18

--------------------------------------

Trovo profonda riflessione
in questa tua.


Ciao Giuseppe


Maria Cimino 14/12/2016 - 19:41

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?