Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Falò di pensieri...
Italia mia...
RESILIENZA...
Gli alberi intorno...
Specchio spiatore...
Illusione o realtà?...
Le mie parole sono l...
Quando arriverà il m...
La Pecora nera...
Dove nel cosmo è bui...
Tristezza per la gen...
Ne ho baciate tante ...
Nei nostri sorrisi...
SAHEL...
Contro il destino...
Sandrone...
EVOLUZIONE DELL\'AN...
Non li merito gli oc...
STRAGI...
NOARE O STAR NEGÀ...
l'attesa di guardart...
LA RAGIONE...
Estati su\' di uno s...
Dentro la scatola di...
CONQUISTA...
La fretta dei giorni...
Fila, filastrocca...
ANCHE PER UN SOLO IS...
Voglio solo la mia l...
...UN AMORE CHE È CO...
Ancora una volta...
Non è ancora quel te...
PER AMMAZZARE IL... ...
il gommone...
Fantapoesia...
Canto della cuna del...
Questa è la vita ? ...
Preghiera alla divin...
NESSUNO...
È perché non sai chi...
Mare verde...
Schizzi di luce (poe...
RICAMI DI LUNA...
Il prestigio di una ...
Nel mercato dell'int...
La mente e il cuore...
A mio favore...
Un cielo troppo gran...
Alla mia Cri...
gli elementi...
Per tutta l'eternità...
Senza armonia...
Mia Madre...
A te e a me...
LA NINNA NANNA DELLA...
Il regno animali ...
Ostetrica(C)...
PIUMA AL VENTO...
PAURA DEL SILENZI...
STELLA...
L'ignoto...blu...
Sentimenti...
Davanti a noi...
Pace a ferragosto...
SENTO LE TUE CAREZZE...
Evanescente...
Lontano...
...IL SAPORE DEL CAO...
Polvere...
La Ragazza Dai Capel...
E RITORNO AL PASS...
Stupido amore...
Le mie teorie...
La poesia non dev'es...
SENZA AMORE...
ALMENO...
BUGIARDO SORRISO...
Sorriso amaro...
Forse,ti amo....
Bang… Bang… Bang…...
Credevo. E poi......
L'aquilone...
Vien la pioggia d'ag...
L'amicizia I veri...
Cara mamma.......
IL PIANTO DELLA...
Cadice...
ARBRE MAGIQUE...
Ti ho lasciata indie...
Quieto e silenzioso...
Inutili verba...
Vivere...
Quel battito in più...
epoche...
Il punto...
L'odore della Notte...
La MIA STELLA...
Il nodo dell'anima...
La Colonia...
Corro da lei...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

La corsa e la posizione

Mi chiederai quale sia il dramma, quel chiodo
maledetto che ci procura l’affanno di vivere.
Forse… Da qualche parte, in qualche altra epoca,
gli stessi cieli, gli stessi rigurgiti d’onde,
le stesse terre dorate ed incendiate
che oggi attraversiamo:
hanno visto questi nostri misfatti.
Se possiamo dire di essere responsabili
delle nostre azioni,
possiamo allo stesso modo dire che non è
tutta colpa nostra.
Di essere in qualche modo innocenti.
Non è bestemmia, non è pazzia.
Assistiamo agli eventi del tutto impotenti:
che cosa ci fa credere di non esserlo
di fronte al male?
o che davvero abbiamo avuto scelta?
Questo dramma…
La corsa verso la percezione dell’esistere:
velocità è essenza e ritmo del vivere.
Ma qual è il nostro posto?
Quali sono le nostre coordinate all’interno
dell’universo?
Fermarsi è un guaio: vuoi vivere, Jaeger!
Non puoi smettere di correre.
Ma ti sei mai guardato indietro?
Lo so per certo.
Le orme che hai lasciato;
le speranze che hai infranto;
il segno indelebile su un viso di donna che hai scavato…
Dove ti trovavi ieri?
dove sei adesso?
In quale angolo dell’universo.
Sei come me, Jaeger.
Indeterminato.
Sei parte della mia stessa tragedia.
Troppo avido di vita, per smettere di correre.
Troppo innamorato, per non pensare a chi eri, a chi sei…


Share |


Poesia scritta il 14/12/2016 - 13:07
Da Giuseppe Centamore
Letta n.176 volte.
Voto:
su 1 votanti


Commenti


Grazie Maria.
Buona giornata.

G


Giuseppe Centamore 15/12/2016 - 11:18

--------------------------------------

Trovo profonda riflessione
in questa tua.


Ciao Giuseppe


Maria Cimino 14/12/2016 - 19:41

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?