Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Il cielo in una ...
Il nobile Alejandro ...
L'amico del tramonto...
CON TE PER NOI...
QUELLO CHE VORREI DI...
DIARIO DELLA PRI...
Stare tra le tue bra...
ARTE di Enio 2...
Il destino, ordine e...
Di nero vestita...
troppa tecnologia ....
Le foglie smarrite...
Avere in dote un’ind...
Scorie di città....
L'Airone sul filo...
Listen to you...
Aylan...
Ovunque vi sia un os...
Idolatria d'amore...
LA Piaggia tra le ro...
Sorrisi che illumina...
Non hanno nome i pen...
Il baratro del silen...
Ricomincio da me...
Pensa a me...
Mi manchi tu...
La volpe in vetrina...
Notte di insonnia...
Se hai un pezzettino...
RIVIVERE...
SULLE TRACCE...
ER CANARINO MIO d...
Satira...
Evoluzione...
Senza riposo...
L' attimo...
Coccinella...
Ci sono sempre stato...
Lacrime...
PASTA E CECI...
Nonostante tutto. .....
cento passi omaggio ...
Venere e Luna...
Kalòs e la Cerva...
Sempre che il bar si...
La poesia mi salva...
Era un sogno?...
Dialogo dell\'amor p...
Ad Elisa...
Il segreto della pio...
SEGNALIBRO...
Libertà...
La tua mancanza si s...
Mera poesia 4....
A spasso tra le stel...
Piccola stella...
The Bad Road...
Una favola antica...
Racconti della notte...
Anche se calmo, è ...
...a te...
Il primo amore di Fr...
L’ONESTA’ DE ZIO...
La ricorrenza...
FANGO...
Tu una parte di noi...
Vivi!...
Viaggiare...
La luna e il mare...
L'Esibizionista...
PORTAMI NEI TUOI SOG...
IL NOSTRO ADDIO...
La carezza del sole...
A bordo nel mistero...
Non Sono...
La verità è come il ...
Ribelli del cuore...
Nel prato...
Silenzio...
Bangkok...
Nessun applauso...
Poesia in Re...
E' tutto troppo!...
Temporale d'estate...
TARANTELLA...
tempo...
Rosso...
DOPO UN ANNO...
I colori della vita,...
La ginestra...
FEBBRAIO OGGI E’ DI ...
La rinascitadel dest...
Tutto...
Grigia mattina...
PADRE MADRE...
Con o senza di me...
Il Calice Rosso...
La luna e il mare...
Ognuno ha diritto ad...
Il giardino di famig...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

La corsa e la posizione

Mi chiederai quale sia il dramma, quel chiodo
maledetto che ci procura l’affanno di vivere.
Forse… Da qualche parte, in qualche altra epoca,
gli stessi cieli, gli stessi rigurgiti d’onde,
le stesse terre dorate ed incendiate
che oggi attraversiamo:
hanno visto questi nostri misfatti.
Se possiamo dire di essere responsabili
delle nostre azioni,
possiamo allo stesso modo dire che non è
tutta colpa nostra.
Di essere in qualche modo innocenti.
Non è bestemmia, non è pazzia.
Assistiamo agli eventi del tutto impotenti:
che cosa ci fa credere di non esserlo
di fronte al male?
o che davvero abbiamo avuto scelta?
Questo dramma…
La corsa verso la percezione dell’esistere:
velocità è essenza e ritmo del vivere.
Ma qual è il nostro posto?
Quali sono le nostre coordinate all’interno
dell’universo?
Fermarsi è un guaio: vuoi vivere, Jaeger!
Non puoi smettere di correre.
Ma ti sei mai guardato indietro?
Lo so per certo.
Le orme che hai lasciato;
le speranze che hai infranto;
il segno indelebile su un viso di donna che hai scavato…
Dove ti trovavi ieri?
dove sei adesso?
In quale angolo dell’universo.
Sei come me, Jaeger.
Indeterminato.
Sei parte della mia stessa tragedia.
Troppo avido di vita, per smettere di correre.
Troppo innamorato, per non pensare a chi eri, a chi sei…


Share |


Poesia scritta il 14/12/2016 - 13:07
Da Giuseppe Centamore
Letta n.310 volte.
Voto:
su 1 votanti


Commenti


Grazie Maria.
Buona giornata.

G


Giuseppe Centamore 15/12/2016 - 11:18

--------------------------------------

Trovo profonda riflessione
in questa tua.


Ciao Giuseppe


Maria Cimino 14/12/2016 - 19:41

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?