Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

L'immaginazione cos'...
Ascolta...
Pensieri ancestrali...
Haiku: Ricci...
RICORDI DI UN ALTRA ...
I Grilli duettanti...
Ros Maris - rugiada ...
NUVOLE...
SOLO FUMO...
Verso l'erba d'autun...
Er Bijettaro...
Campanili antichi...
La conoscenza umana ...
Il tempo che passa...
dove nasce il vento...
La mia roccia...
Vampiro errante...
Ferro...
Nella città...
Pensate.....
BACIAMI ANCORA...
GRAZIE MAMMA...
Portami con te...
Rachele...
IL MARE TRA DI NOI...
Sipario sulla notte...
Fame...
A Guido...
A volte capita che n...
UN VIAGGIO CHE NON F...
Accarezzo il mio cuo...
per pudore, per inco...
Le foglie...
I ricordi che ti han...
Marinuzza a muggheri...
Un sano egoismo...
Oh, dolcezza...
BANANE di Enio2 sati...
La mia mamma...
L'insonnia...
Spremute di coraggio...
Sulla cima dell'abis...
Gli eroi di Erice...
La cernia...
E poi tu...
Condannata...
La poesia che non...
il sentiero sul tuo ...
VOLARE...
LONTANANZA...
La Sedia...
Rilancia i dadi...
Mi sentii amato...
Odio e amore...
Le lacrime...
Quannu vegnu o me pa...
NOCTUA PRONUBA...
Una tiepida scia di ...
Se decidi di donarmi...
LE CANZONI...
C'era una volta la m...
DUE NOVEMBRE...
Il tramonto...
Musa...
IL CUORE E L' ...
Parlami ancora!...
Storia di una vita c...
Quegli occhi...
Relax emotivo...
Terra bagnata...
Madreluna...
Nella vita non smarr...
Penzeno pe' noi...
Oro bianco...
Forse ti amo... fors...
Di là della siepe...
Grazie...
Tascapane...
Il borgo incantato...
Occhi verde Amazzoni...
L'anima si spezza so...
Per essere davvero f...
L'incudine...
Nell'ebrezza dell'az...
Nelle sere...
Pirchì scappi?...
Dentro a una parente...
Giulia...
AMOR CHE A NULLO AMA...
Il cantautore...
Spesso nelle risate ...
Terre in moto...
Oasi...
A volte il perdono r...
La mia dolce musa...
Fiammelle Autunnali...
Un mattino d'autunno...
Ch'io possa...
Il borgo...
Le vere gioie...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it



Il mio Natale di ieri

Era magico il mio Natale
di tanto tempo fa.


Nella gelida sera,
la neve, puntuale,
scendeva silenziosa.


Una lunga notte di attesa,
poi, al mattino,
finalmente i doni,
la sorpresa.


Gli abbracci e i baci
dei miei cari.
I sorrisi dolci,
la pace dentro e fuori.


Negli occhi la meraviglia,
lo stupore...


Mentre il cuore
si saziava di amore.



Share |


Poesia scritta il 17/12/2016 - 08:59
Da Mimmi Due
Letta n.259 volte.
Voto:
su 7 votanti


Commenti


Dolce e nostalgia. Bellissima.. Ricordo le lunghe nevicate, affacciato per ore alla finestra, e mia madre che borbottava perche andassi finalmente a dormire.. e poi, al mattino, era gioia.. Bacio. Buona domenica

Francesco Gentile 18/12/2016 - 10:31

--------------------------------------

Grazie Andrea,Teresa, Ilaria, Antonio, Marianna,Sabry, Rocco, Millina, Loris, Giulia, Wilobi, Laisa e Giancarlo!
Commenti bellissimi

Mimmi Due 18/12/2016 - 09:25

--------------------------------------

Già ... magico ... un desiderio che cresceva, cresceva, cresceva e quel giorno raggiungeva l'apice. Con tanto di letterina ... con qualcuno che stranamente spariva ... forse non voleva incontrare il Babbo del Natale. Ma, probabilmente a recuperare un po' di fantasia ...

Wilobi . 17/12/2016 - 18:51

--------------------------------------

molto bella speriamo in un ritorno festoso

GIANCARLO LUPO POETA DELL'AMO 17/12/2016 - 16:45

--------------------------------------

E già, oggi la forma, l'apparenza, la vita sociale, il benessere han fatto smarrire il vero sapore del Natale.Abbiamo smarrito la via ed il senso.Speriamo che una buona stella ci indichi la giusta via.

Giulia Bellucci 17/12/2016 - 14:18

--------------------------------------

dopo leggerò Antonio
intanto Mimmi
dolce e malinconico ricordo...
ma il Natale è dei bambini
ciao tesoro

laisa azzurra 17/12/2016 - 13:43

--------------------------------------

Molto delicata e bella.
Ciao Mimmi.

Loris Marcato 17/12/2016 - 13:41

--------------------------------------

Il Natale fatto di semplicità, di attesa e di affetti sinceri. E' quello che rimane nel cuore e che fa salire qualche lacrima oggi, al ricordo di quel che è stato e che non sarà più.
Perché abbiamo rovinato tutto, anche la notte, che non regala più neanche la neve.
Ma dobbiamo lottare per poter riacciuffare l'essenzialità che tanto ci ha dato.
Ciao Mimmi!

Millina Spina 17/12/2016 - 11:32

--------------------------------------

Un poetar in cui è difficile non ritrovarsi.
Un Natale d'altro tempo... Un Natale d'altro calore.
Versi mirabilmente firmati... cercando il cuore.
Lieto fine settimana, Minni.
*****

Rocco Michele LETTINI 17/12/2016 - 11:09

--------------------------------------

Feste più vere e sentite, ieri, un mondo meno frenetico....ieri... Bella

Sabry L. 17/12/2016 - 10:57

--------------------------------------

Un dolce ricordo! Molto bella questa poesia

Marianna Santini 17/12/2016 - 10:42

--------------------------------------

Scusa Mimmi non so cosa è successo ho pubblicato il mio racconto assieme al commento.non so proprio come questo sia potuto accadre.ciao e scusa e molto bella la tua poesia

antonio girardi 17/12/2016 - 10:03

--------------------------------------

Una bellissima poesia di un natale di una volta.Brava.

Quello che sto per raccontare non è frutto della mia fantasia ma è una storia vera che ho vissuto in prima persona l’estate scorsa.
Non so se questo fatto, che mi è accaduto, sia da addebitare ad una mera coincidenza oppure se ci abbia messo lo zampino qualcosa di sovrannaturale. Sta di fatto che questa storia mi ha lasciato basito facendomi riflettere e modificando radicalmente alcune mie convinzioni.
Come ben sanno i lettori di questo sito, uno dei miei passatempi preferiti è quello di scrivere poesie.
Le scrivo nei ritagli di tempo libero per dare sfogo alle mie emozioni. Lo sento come una necessità interiore e rendere partecipi i lettori dei miei sentimenti è una cosa che mi appaga molto.
Anche quel giorno, di fine agosto, preso dall’ispirazione, mi apprestai a scrivere l’ennesima poesia.
Il titolo” Angeli” era molto ammiccante ed i versi volevano mettere in evidenza l’esistenza solo degli angeli terreni abiurando quella degli angeli del cielo ed in special modo dell’angelo custode. Parlavo di persone che chiunque poteva incontrare nel corso della vita: esseri normali votati
all’altruismo che ti aiutavano nei momenti di difficoltà oppure che ti donavano un sorriso quando eri afflitto dalla sofferenza o solo semplicemente che ti aiutavano, se avevi problemi, ad attraversare la strada.
Persone assolutamente in carne ed ossa, non dotate del misticismo degli angeli celesti ai quali sinceramente non credevo ritenendole delle creature inventate dai preti e dal clero in generale.
La poesia la scrissi di getto, come è mia abitudine, quindi la pubblicai sul sito ritenendomi soddisfatto per il lavoro svolto.
Il tempo per un breve riposo quindi uscii, sollecitato anche da mia moglie, per un lavoro che avevo lasciato in sospeso.
Dovevo finire di piantare, nel giardino, alcune varietà di fiori.
Per fare questa operazione mi servivo di una zappetta dotata di tre denti molto acuminati e distanziati fra di loro.
Mi serviva per bucare il terreno e mettere, nella apertura cosi ottenuta, le piccole piantine.
Un lavoro semplice,che svolgevo inginocchiato e che mi aveva impegnato per buona parte della mattinata.
Ora si trattava solo di ultimare il lavoro lasciato in sospeso. Ancora poche piantine ed avrei finito.
La zappetta, ad ogni colpo, fendeva il terreno, un gesto quasi meccanico del quale avevo preso dimestichezza anche grazie al lavoro svolto in mattinata.
I fiori da piantare, mano a mano che il tempo passava, si assottigliavano sempre di più e quando vidi che stavano finendo tirai un sospiro di sollievo, perché il caldo stava diventando insopportabile. Alzai con la mano la zappetta per sferrare l’ultimo colpo e quando questa si abbassò, anziché colpire il terreno, affondò nel palmo dell’altra mano che tenevo appoggiata nell’erba. Il grosso dente acuminato penetrò per tutta la sua lunghezza nella carne procurandomi delle fitte dolorose. Istintivamente ritrassi l’arnese e dalla vistosa ferita iniziò a sgorgare, a piccoli fiotti, un sangue molto denso e scuro che tamponai subiti con il fazzoletto che tenevo in tasca.
Ma come è possibile, mi dissi, una cosa del genere. La zappetta doveva affondare nel terreno, ne ero sicuro e non poteva essere altrimenti. Sembrava quasi che una mano estranea avesse pilotato la mia, oppure che l’assenza, momentanea, di una celestiale protezione, provocata dalla mia incredulità, fosse stata la causa di quel gesto, con l’unico scopo di punirmi per qualcosa che improvvisamente intuii cosa potesse essere. Ed il mio pensiero corse alla poesia, dedicata agli angeli, che avevo scritto poche ore prima e che ormai avevo già pubblicato, come se il mio scetticismo, che manifestavo nelle quartine, verso queste creature celesti, avesse dato adito ad una piccola ritorsione nei miei confronti; un chiaro avvertimento di far cambiare strada alle mie idee sulla loro esistenza.
Era, questa mia, solo un’ipotesi, però non sapevo dare altra spiegazione a ciò che mi era appena successo. Il dolore intanto si faceva sempre più intenso e notai che la mano si gonfiava vistosamente. Non ebbi altra scelta che correre al pronto soccorso dove mi riscontrarono una lesione importante che però non aveva leso i tendini e quindi la funzionalità della mano. Dopo una puntura antitetanica ed una fasciatura vistosa mi rimandarono a casa con la raccomandazione di tenere la mano a riposo per alcuni giorni.
Mano che usai per cancellare la poesia dal sito. La ripubblicai solo dopo avere apportato le dovute correzioni, perché ciò che mi era successo mi convinse che l’angelo custode esisteva ed esiste e dubitare della sua presenza qualche volta può essere deleterio, niente di trascendentale, perchè un angelo non arriva a tanto, ma piccoli avvertimenti che sono comunque dei segnali tangibili della sua esistenza come tangibile è anche il suo zampino nella stesura di questo racconto.


antonio girardi 17/12/2016 - 10:00

--------------------------------------

Poesia piena di calore e bei sentimenti. Una volta il Natale so sentiva di più perché si aveva poco e vi si accontentava...ora le cose sono cambiate ma voglio sperare che nei cuori ci siano ancora i sentimenti di una volta!

Ilaria Romiti 17/12/2016 - 09:36

--------------------------------------

Veto, ci di accontentava di poco e di era sereni.

Teresa Peluso 17/12/2016 - 09:34

--------------------------------------

Spero che anche il prossimo Natale sia sazio d'amore,ciao ,molto bella.

andrea sergi 17/12/2016 - 09:17

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?