Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Pensieri ancestrali...
Haiku: Ricci...
RICORDI DI UN ALTRA ...
I Grilli duettanti...
Ros Maris - rugiada ...
NUVOLE...
SOLO FUMO...
Verso l'erba d'autun...
Er Bijettaro...
Campanili antichi...
La conoscenza umana ...
Il tempo che passa...
dove nasce il vento...
La mia roccia...
Vampiro errante...
Ferro...
Nella città...
Pensate.....
BACIAMI ANCORA...
GRAZIE MAMMA...
Portami con te...
Rachele...
IL MARE TRA DI NOI...
Sipario sulla notte...
Fame...
A Guido...
A volte capita che n...
UN VIAGGIO CHE NON F...
Accarezzo il mio cuo...
per pudore, per inco...
Le foglie...
I ricordi che ti han...
Marinuzza a muggheri...
Un sano egoismo...
Oh, dolcezza...
BANANE di Enio2 sati...
La mia mamma...
L'insonnia...
Spremute di coraggio...
Sulla cima dell'abis...
Gli eroi di Erice...
La cernia...
E poi tu...
Condannata...
La poesia che non...
il sentiero sul tuo ...
VOLARE...
LONTANANZA...
La Sedia...
Rilancia i dadi...
Mi sentii amato...
Odio e amore...
Le lacrime...
Quannu vegnu o me pa...
NOCTUA PRONUBA...
Una tiepida scia di ...
Se decidi di donarmi...
LE CANZONI...
C'era una volta la m...
DUE NOVEMBRE...
Il tramonto...
Musa...
IL CUORE E L' ...
Parlami ancora!...
Storia di una vita c...
Quegli occhi...
Relax emotivo...
Terra bagnata...
Madreluna...
Nella vita non smarr...
Penzeno pe' noi...
Oro bianco...
Forse ti amo... fors...
Di là della siepe...
Grazie...
Tascapane...
Il borgo incantato...
Occhi verde Amazzoni...
L'anima si spezza so...
Per essere davvero f...
L'incudine...
Nell'ebrezza dell'az...
Nelle sere...
Pirchì scappi?...
Dentro a una parente...
Giulia...
AMOR CHE A NULLO AMA...
Il cantautore...
Spesso nelle risate ...
Terre in moto...
Oasi...
A volte il perdono r...
La mia dolce musa...
Fiammelle Autunnali...
Un mattino d'autunno...
Ch'io possa...
Il borgo...
Le vere gioie...
Non calpestate la po...
Piacere, sono IO....

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

CHIETI SCALO

quando ti si scarica l'accendino alle otto di sera
nel cortile di un convento
non c'è proprio niente da fare
è inutile sperare nella provvidenza
in qualche suora o perpetua fumatrice
così
seduto ad aspettare nel furgone
fisso la porta a vetri dell'ingresso
aperta e chiusa dal forte vento
specchiante la croce blu-fosforescente
posta dietro la statua della Madonna
in una alcova del giardinetto ben curato
a Chieti si respira un'aria che sembra ancora quella delle sere d'estate
chiudo gli occhi
pensando quasi di dormire un po'
nell'attesa
poi osservo facciate di palazzi alla mia sinistra
fatico nel mettere a fuoco
ombre semoventi in piccoli rettangoli gialli
la porta d'ingresso del convento sbatte
le foglie secche rotolano che sembrano passi
una vecchia suora vien fuori a vedere chi c'è
quell'atrio mi ricorda una caserma semivuota
una suora gira sola per ampie camerate deserte
e fuori è già buio
come un caporale istruttore del dodicesimo scaglione
rimasto in servizio il sabato sera
a girare scazzato e barbuto
con il cinturone slacciato
in cerca di qualcuno
a cui scroccare una sigaretta
e qualche chiacchiera ammazza-tempo
magari ha una settimana ancora da far passare
per poter tornar finalmente
alla grande piena e buona vita
quella suora
sola al mondo come un alberello nell'aiuola
l'ombra di un lampadario sul pavimento
un gatto viziato sul divano nel salotto vuoto
dove qualcuno ha dimenticato la luce accesa


Share |


Poesia scritta il 19/12/2016 - 10:39
Da marco zammarco
Letta n.163 volte.
Voto:
su 0 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?