Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Ancora......
Emozioni...
I RICORDI RESTANO...
Nun so romano...
Mentre le mani...
LUCCIOLE IN TERRA ...
Ancora domani...
superbia...
tempesta dentro...
TEMPESTA DI FINE AUT...
ASPETTANDO IL T...
La farfalla...
...te ne vai, con la...
Io devo proseguire...
FRIZZI E LAZZI...
Sazio d'Amore...
Invincibile...
Sola cosa importante...
Nevica...
La notte mi prende p...
Odissea d'amore...
Verità Incompiuta...
Istantanee...
Ultima goccia di cer...
CHE FATICA AMARTI...
Tu che più di chiunq...
VENTUNO A RISPETTO D...
BASTA...
il ruolo del poeta...
QUESTO È IL MIO NATA...
Disperso in una nott...
È Natale che...
Un gelido tramonto...
Antonio...
Come è grande...
Fido...
La fioraia...
IO SONO CAMBIATA...
Cielo pirico...
E mi cruccio, a sera...
Un brano al vento...
Io volo...
Rimembranze...
Monologo del Tacchin...
Mia adorata Paky...
Scelgo le perle...
LA POESIA PIÙ BELLA...
Luci di Natale...
Lettera ad un amico...
Se mi ami...
bene e male...
La moje in vacanza (...
Riempimi di te...
Lacrime...
LUCCIOLE IN CIELO ...
milite armato d'amor...
Un solo colpo...
L'amore ricordato...
A Marta...
ultimi pensieri...
NATALE...
Il suo bastone assen...
Inedia...
Il barattolo...
esecrerò l'odio...
SOSPIRO D'AMORE...
IL SOGNO DI UN AMORE...
La sposa triste...
Dialogo di due innam...
LENTI A CONTATTO...
VISO DI LUNA...
AMORE...
Non sei tu(C)...
Danza...
LUPO AFFAMATO...
LA FESTA DEL LUPO...
Vivo......
Il fesso...
Francesco Forgione...
I miei occhi...
Furto di cocaina...
Un Abbraccio...
Fantasia...
Una delle tante...
Giornataccia!!!...
LA VITA TI HA SCELTO...
L'ODIATO LUPO...
Natale 2017...
Questo può diventare...
Non sprecare il tuo ...
Nuvole 2...
L'altra metà del cie...
E quando le creature...
Vorrei ma non posso...
Come arriva natale...
Fughe...
L'emicrania della no...
Ovunque tu sia...
DOLCI MELODIE...
L'ISTINTO...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Digiuno

Notti scure
raduno di antichi cantori greci
pietre ruvide
testimoni di incesti
consumati all'ombra dei rovi
mentre la vita scivola piano
con i suoi artigli travestiti da fanali
di ore piene come il digiuno
al quale mi costringi da settimane.
Digiuno d'amore
riempito solo dai canti delle sirene
che da lontano rispondono
ai miei singulti vuoti
dentro queste marce stanze
dove si infittiscono i ricordi
di baci che innamorati anelano
ad una lussuria altra.
Solitudini barbare
disperse tra le macerie
in un tripudio di soli arancioni
mi manchi,
non trovo più la mia Itaca
mi sono allontanata
ed ora l'incanto si è spezzato
tu mi odi da lontano
io ho perso la capacità di ascoltare
e mi perdo in questa delirante giovinezza
senza né un come
né un perché
come il canto del gallo all'alba
che languisce e si spegne nelle campagne
non ancora assolate.


Share |


Poesia scritta il 02/01/2017 - 22:00
Da greta urti
Letta n.176 volte.
Voto:
su 1 votanti


Commenti


malinconica introspezione di un anima che grida sofferenza.
un abbraccio.

patrizia sgura 03/01/2017 - 14:50

--------------------------------------

il tuo sembra essere un grido di doloreopera molto bella 5*

GIANCARLO LUPO POETA DELL'AMO 03/01/2017 - 08:49

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?