Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Mi sentii amato...
Odio e amore...
Le lacrime...
NOCTUA PRONUBA...
Barcollo...
Una tiepida scia di ...
Se decidi di donarmi...
LE CANZONI...
C'era una volta la m...
DUE NOVEMBRE...
Il tramonto...
Musa...
IL CUORE E L' ...
Parlami ancora!...
Storia di una vita c...
Quegli occhi...
Relax emotivo...
Terra bagnata...
Madreluna...
Nella vita non smarr...
Penzeno pe' noi...
Oro bianco...
Forse ti amo... fors...
Di là della siepe...
Grazie...
Tascapane...
Il borgo incantato...
Occhi verde Amazzoni...
L'anima si spezza so...
Per essere davvero f...
L'incudine...
S.Francesco....
E' Tempo...
Nell'ebrezza dell'az...
Nelle sere...
Pirchì scappi?...
Dentro a una parente...
Giulia...
AMOR CHE A NULLO AMA...
Il cantautore...
Spesso nelle risate ...
Terre in moto...
Oasi...
A volte il perdono r...
La mia dolce musa...
Fiammelle Autunnali...
Un mattino d'autunno...
Ch'io possa...
Il borgo...
Le vere gioie...
Non calpestate la po...
Piacere, sono IO....
RIMEDI PER CHI RU...
SOSPIRO...
Chissà se Chiara Dor...
DOLCE TRISTE AT...
baciata dalla luna...
Quel che rimane...
Ode a Trieste....
Ebbrezza marina...
Prime impressioni...
La luce negata...
Poche Luci...
Gelato a due gusti...
Alba...
RIFLESSO DI SGUARDO...
IL PRESENTE...
LE CAVERNE DEL CUORE...
Il dolore è come un ...
Campi di anime, per ...
Grigio di nebbia...
Un fiume rosso sangu...
Vola in alto Perché...
PENSIERO D'AUTUNNO...
a Charles Bukowski...
Le rapide dei sogni....
POLVERE D'AMORE...
Attimi...
Diniegato...
Al buio di una caver...
A Genti quannu tinta...
Sfumature d'indaco...
In città...
ECLISSI DI LUNA di E...
Quando va via la neb...
Problema...
adamo ed eva...
Giorni di paura...
Ho ucciso il mio Cuo...
DUBBI...
L'obeso...
ho visto Te...
la fine...
Il tuo amore per me...
Il Silenzio...
OSSERVARE ANCORA...
Ho perso il cielo st...
non camminare davant...
Il salvadanaio...
PER IL SITO...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

IL SORRISO CUCITO DALL' INFIBULAZIONE

Alla vita sei sbocciata
in una terra insanguinata
nell’ incoscienza dell’ amaro divenire
di questa concessione inconsapevole.
L’ odore acre del materno sangue
il primo olezzo inciso memoriale
Il tuo, per sorte,
sarà l’ ultimo a morire.
Tra stenti e costrizioni tentavi di capire
il senso a ciò che d’ obbligo eri imposta a soggiacere.
A piedi nudi scarpinavi,
mentre polvere ingerivi,
verso una meta di speranza che ideavi.
Vagheggiavi tra quei banchi del sapere
chimera di un florido germoglio a progredire.
Fu fugace quel fervore,
disilluso dall’ inganno…
Condotta in un sudicio capanno,
piegata dal potere tribale,
una vecchia megera infieriva senza pena
mutilando i tuoi incanti e la tua legittima natura.
Un urlo sconfinato soffocato nella gola,
lo strazio eterno di una donna bambina
INIZIATA ad una lenta morte
di anime irrisorte.
( Paola Mastandrea )


Share |


Poesia scritta il 04/01/2017 - 23:58
Da paola Mastandrea
Letta n.236 volte.
Voto:
su 6 votanti


Commenti


Ringrazio tutti per i delicati commenti.
Questa poesia vuole essere una tra le tante urla di dolore a causa della mano dell'uomo (inteso come specie).

Chiedo scusa per aver risposto solo ora, ma ero fuori dall'Italia.
Buona serata


paola Mastandrea 17/01/2017 - 19:18

--------------------------------------

La tua poesia è intensa e profonda, toccante per l'argomento trattato con tanta sensibilità...certe barbarie sono indicibili, difficili da sradicare e impossibili da accettare.
L'uomo si è evoluto? Credo proprio di no!
Complimenti per averla scritta e pubblicata.

margherita pisano 05/01/2017 - 18:56

--------------------------------------

Hai trattato un argomento triste con dolci versi.Splendida poesia.

antonio girardi 05/01/2017 - 17:48

--------------------------------------

purtroppo
seppur ci sarebbe tanto da dire sul nostro Paese,
non ci rendiamo conto di quali barbarie vengano perpetuate in altri paesi.
triste, vera, un grido di consapevolezza

laisa azzurra 05/01/2017 - 14:34

--------------------------------------

Effettivamente è una barbaria tribale difficile da accettare ,soprattutto da noi occidentali che ci battiamo da tempo peri diritti umani delle donne.Grazie a tutti per averla compresa,e grazie alla redazione per l'opportunità di pubblicazione .Buona giornata a tutti e grazie ancora

paola Mastandrea 05/01/2017 - 11:00

--------------------------------------

Un toccante quanto sentito verseggio.
Serena giornata, Francesco.
*****

Rocco Michele LETTINI 05/01/2017 - 10:18

--------------------------------------

Un tema toccante, irrisolto, nelle contraddizioni di una umanità che stenta a ritrovare se stessa. La poesia è molto bella..

Francesco Gentile 05/01/2017 - 09:47

--------------------------------------

Un tema spinoso trattato con sensibilità poetica e umana veramente toccanti.Complimenti

Sabry L. 05/01/2017 - 09:27

--------------------------------------

Tragica fino a far rabbrividire.E non è nemmeno per motivi religiosi, non è richiesto nel Corano. Ma più del 90 percento delle fanciulle nei paesi islamici la subiscono per preservarne l'illibatezza. Tragico.

Giulia Bellucci 05/01/2017 - 09:07

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?