Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Il mio mare...
Leggere è come aprir...
E' vita vera...
Piccole azioni corag...
IL MAESTRO...
Silenzio......
Valori...
Cicatrici...
Messaggi...
An electric air from...
PENSIERI DI PRIMAVER...
ER BACICCIA (la bann...
Tanka...
Il corpo racconta...
Non ricordo...
Amata mia...
Le Fiamme del Peccat...
Rivoluzione...
La mia odissea...
Con la forza dei ram...
SIMPATICA SORPRESA...
Deriva delle anime...
Vaso...
Dimenticarsi...
Naufrago...
Amore...
Odore di uno spettro...
IL GERME DELLA ...
Sceriffo...
Le note del tempo...
Il caro estinto...
La felicità...
L'assente...
ALLA GUIDA DELLA VIT...
ossuta resilienza...
Eppur sorridi...
Ridere...
Orme future...
Deluso...
Nel fruscio della vi...
Occhi chiusi...
Le mie gambe...
Miraggio di una infa...
UN RESPIRO....
ODE...
ALLE PORTE DEL SOGNO...
Notti magiche !...
D'inverno...
VENICE...
L'ultima gara....
Amantes...
Così poco...
l'armonia...
Il fischio del vento...
Mi hai cambiata...
TELEGRAMMA POETICO...
Tu, pallida Luna...
questi occhi...
Dove abita Amore...
la Givacchi...che st...
Gocce di pianto...
OGGI...
La carità non la con...
La croce...
Anatomia di un bacio...
Orme...
Fare breccia in un m...
Società:...
Canto di un appassio...
Lembo di blu...
Che sapore ha il mal...
Questo amore è come ...
PRATO D’ATTESA...
Sensi...
Scende la sera...
Fiume di ricordi...
Apoteosi della belle...
E HO VISTO TE...
Chiamalo tatto.....
POLPASTRELLO...
CARNE UMANA di Enio ...
MERAVIGLIOSO AMORE...
Le quattro stagioni...
CUPIDO...
CUCCAGNA...
Mi cerchi tu dici...
Il tesoro della Mont...
Nebbia dell'anima...
Tutto l'Universo...
CON RIGUARDO È SAN V...
Auguri, amore...
Le ali dell'amore...
Fiori...
MA LEI LO SA?...
aspettami...
CAP 2 La non-storia...
Reset...
Peggio della malinco...
L'esperimento...
Deserto...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Cattività

Raduni serali
di poetesse innamorate
sento lontano il canto delle Muse
che piano rimbomba
tra le pareti lacerate
di una casa di campagna
dispersa in mezzo ai rovi.
Laggiù il mare sussulta
sembra un amante in preda all'ultimo fremito
del piacere
ancora aspetta il tuo ritorno
ancora fissa attonito la tua ombra
e ci crede più di me
crede ancora all'alba dei sensi
crede all'amore dei maschi
che lento scivola tra le cime ondose
e si fa attendere.
Tesa verso un illimitato piacere
la mia anima non ha pace
schiava del corpo
soggiogata dal desiderio
essa esulta tra le albe marine
libera la potenza dell'essere rinchiuso
vessato
incatenato
plagiato
dalla quotidianità di un domani che non vedo
da un oggi piatto e sempre uguale.
Ma chi siamo?
Chi sei tu?
Tanto turbi la mia anima e le mie viscere
che ti ucciderei d'amore,
Venere prese tutto il bello
e alle donne solo l'ansia rimase
l'ansia di un giorno che sfugge
e di un domani che già tramonta
e ancora il mare in tempesta
e ancora la tu presenza
che non mi dà pace
ma l'erba cresce sopra le fosse
di chi c'era
e non c'è più.


Share |


Poesia scritta il 09/01/2017 - 22:48
Da greta urti
Letta n.246 volte.
Voto:
su 0 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?