Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

inquietudini le mie ...
Dolcemente ti dirò...
INFERNO ROSSO...
Quando guardi il cie...
Campidano...
lei temeva il buio...
Un esempio da... non...
Domani è un altro gi...
C'è chi dipinge la ...
Non hanno età...
PIOVE SUR BAGNATO (...
Dolce Carezza...
Spensieratezza...
Come un subacqueo...
HAIKU...
E' oggi il giorno mi...
Sconosciuto...
Dietro i tuoi occhi...
Aquila...
Curriculum Vitae...
Il treno...
Vestiti...
SARO' DI TE...
Risveglio...
VIAGGI DIVERSI...
Cavalco le onde dell...
Alba marina...
L'ira di Lorenza...
La lettera...
Padre Vostro...
A Nòtt...
Quel sussurro...
Quel sorriso...
Nuovi aquiloni...
Le magiche lucciole ...
Quel taxi...
Si può dire grazie s...
L'amante...
Il morso della taran...
L' INFELICITA' SI...
Buon compleanno...
E' nella supponenza,...
La prima estate al m...
Faccia da Cereali...
LIBERTA'...
Falsi d'autore...
Arrivi tu...
Nostalgia amara...
Chiamatemi Aquila...
I bisbigli del cuore...
SEI NELLE MIE MANCAN...
LA LOTTA DEL SOLE di...
Periferie...
Francisca...
Un dolce per te...
Mizzeca!...
Figlia mia...
NA SERA DORCE DE PER...
Due cuori e un'anima...
SHOPPING...
Una mano che mi rega...
Riflessi di seduzion...
L\'attimo!...
FEDELE SPECCHIO DEL ...
Poetic forms...
Suadente e nostalgic...
ACCENDI I TUOI SOGNI...
MONOLOGO A ME ...
L'oracolo...
caparbiamente sorda...
Fuggire...
Nell'orto...
Giugno......
Il pianeta dell'Amor...
LEGGENDA PERSONALE...
LI SOGNI di Enio 2...
Un folletto bizzarro...
con gli occhi chiusi...
LE ROSE ROSSE SUL SU...
amami...
Dannarsi l’anima cre...
Dolore sulla notte...
Con una stretta di m...
primaverile tempo...
Haiku A casa...
AMARTI...
Non c 'è scappatoia....
Penso al destino...
SCIARADA...
Tra le rive delle no...
Un'ambizione che spa...
Tu...
Paradiso in fiamme...
SUPERBIA......
Ciò che distingue l'...
Il Corpo di Psiche...
Perle di Luna...
IL POETA COLTIV...
Dal diario di una pr...
Prendetevi una pausa...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Cattività

Raduni serali
di poetesse innamorate
sento lontano il canto delle Muse
che piano rimbomba
tra le pareti lacerate
di una casa di campagna
dispersa in mezzo ai rovi.
Laggiù il mare sussulta
sembra un amante in preda all'ultimo fremito
del piacere
ancora aspetta il tuo ritorno
ancora fissa attonito la tua ombra
e ci crede più di me
crede ancora all'alba dei sensi
crede all'amore dei maschi
che lento scivola tra le cime ondose
e si fa attendere.
Tesa verso un illimitato piacere
la mia anima non ha pace
schiava del corpo
soggiogata dal desiderio
essa esulta tra le albe marine
libera la potenza dell'essere rinchiuso
vessato
incatenato
plagiato
dalla quotidianità di un domani che non vedo
da un oggi piatto e sempre uguale.
Ma chi siamo?
Chi sei tu?
Tanto turbi la mia anima e le mie viscere
che ti ucciderei d'amore,
Venere prese tutto il bello
e alle donne solo l'ansia rimase
l'ansia di un giorno che sfugge
e di un domani che già tramonta
e ancora il mare in tempesta
e ancora la tu presenza
che non mi dà pace
ma l'erba cresce sopra le fosse
di chi c'era
e non c'è più.


Share |


Poesia scritta il 09/01/2017 - 22:48
Da greta urti
Letta n.286 volte.
Voto:
su 0 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?