Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

L'immaginazione cos'...
Ascolta...
Pensieri ancestrali...
Haiku: Ricci...
RICORDI DI UN ALTRA ...
I Grilli duettanti...
Ros Maris - rugiada ...
NUVOLE...
SOLO FUMO...
Verso l'erba d'autun...
Er Bijettaro...
Campanili antichi...
La conoscenza umana ...
Il tempo che passa...
dove nasce il vento...
La mia roccia...
Vampiro errante...
Ferro...
Nella cittą...
Pensate.....
BACIAMI ANCORA...
GRAZIE MAMMA...
Portami con te...
Rachele...
IL MARE TRA DI NOI...
Sipario sulla notte...
Fame...
A Guido...
A volte capita che n...
UN VIAGGIO CHE NON F...
Accarezzo il mio cuo...
per pudore, per inco...
Le foglie...
I ricordi che ti han...
Marinuzza a muggheri...
Un sano egoismo...
Oh, dolcezza...
BANANE di Enio2 sati...
La mia mamma...
L'insonnia...
Spremute di coraggio...
Sulla cima dell'abis...
Gli eroi di Erice...
La cernia...
E poi tu...
Condannata...
La poesia che non...
il sentiero sul tuo ...
VOLARE...
LONTANANZA...
La Sedia...
Rilancia i dadi...
Mi sentii amato...
Odio e amore...
Le lacrime...
Quannu vegnu o me pa...
NOCTUA PRONUBA...
Una tiepida scia di ...
Se decidi di donarmi...
LE CANZONI...
C'era una volta la m...
DUE NOVEMBRE...
Il tramonto...
Musa...
IL CUORE E L' ...
Parlami ancora!...
Storia di una vita c...
Quegli occhi...
Relax emotivo...
Terra bagnata...
Madreluna...
Nella vita non smarr...
Penzeno pe' noi...
Oro bianco...
Forse ti amo... fors...
Di lą della siepe...
Grazie...
Tascapane...
Il borgo incantato...
Occhi verde Amazzoni...
L'anima si spezza so...
Per essere davvero f...
L'incudine...
Nell'ebrezza dell'az...
Nelle sere...
Pirchģ scappi?...
Dentro a una parente...
Giulia...
AMOR CHE A NULLO AMA...
Il cantautore...
Spesso nelle risate ...
Terre in moto...
Oasi...
A volte il perdono r...
La mia dolce musa...
Fiammelle Autunnali...
Un mattino d'autunno...
Ch'io possa...
Il borgo...
Le vere gioie...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

di te

un lucky strike blu
io non lo fumo
lo fumi tu.


sembra che ora in questo periodo, pieno di nuvole e stelle sbiadite io non capisca nulla,


preso da niente e portato ovunque. sei seduta sul mio letto e la mia stanza e' buia e la luce,


lunica, e' piccola e a malapena riesce a vedersi nella tastiera di questo pc, gia illuminata


dallo schermo.


un pezzo di pane piu piccolo
il piu grande ce l hai tu
l'ho tagliato io
e non so perche'
ma il piu grande
ce l hai tu.


la tua stanza brilla, ci sono luci della vita e soppalchi che s'ergono tra i miei occhi secchi di sonno,
pieni di terriccio agli angoli. dopo una serata sbronza. tu sei al mio fianco, nuda come il


cielo che guardi l'infinito dei tuoi sogni. qulle rondini, le solite, s'addormentato spopra i tuoi occhi.


come calde sono... piu calde di questo letto, che per tutta notte ha cercato di


stringermi, come di giorno fai tu.


sole d'inverno
due droghe
e un polmone
che ti sfugge
dalle braccia.


stai nuda in un parchetto, mi abbracci come vita, io m'abbraccio ad un albero, non ti capisco,


fuggiamo insieme morissimo io volerei. tu ancora nuda nient'altro che niente, sono


circondato dalle spine , i tuoio occhi mi abbaiano. ti seguiro' un attimo, forse uno di quelli


eterni, o forse no
scappero' tra un tuo sogno e l altro e moriro' dentro quello che non hai


sognato mai



Share |


Poesia scritta il 12/02/2017 - 00:10
Da Khalil Zemzemi
Letta n.33 volte.
Voto:
su 0 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?