Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Leggiadre emozioni...
RIME ALLO SPECCHIO...
Adele...
come nasce un fiore...
OTTOBRE INVERNALE ??...
UN DOLORE...
SFUMATURE DI MARY...
Proprio come te...
Il nichilista...
Inutilità...
'Lascia stare la mia...
Mima...
Salvezza...
Più di mille stelle...
Assai infinito...
L'immaginazione cos'...
Ascolta...
Pensieri ancestrali...
Haiku: Ricci...
RICORDI DI UN ALTRA ...
I Grilli duettanti...
Ros Maris - rugiada ...
NUVOLE...
SOLO FUMO...
Verso l'erba d'autun...
Er Bijettaro...
Campanili antichi...
La conoscenza umana ...
Il tempo che passa...
dove nasce il vento...
La mia roccia...
Vampiro errante...
Ferro...
Nella città...
Pensate.....
BACIAMI ANCORA...
GRAZIE MAMMA...
Portami con te...
Rachele...
IL MARE TRA DI NOI...
Sipario sulla notte...
Fame...
A Guido...
A volte capita che n...
UN VIAGGIO CHE NON F...
Accarezzo il mio cuo...
per pudore, per inco...
Le foglie...
I ricordi che ti han...
Marinuzza a muggheri...
Un sano egoismo...
Oh, dolcezza...
BANANE di Enio2 sati...
La mia mamma...
L'insonnia...
Spremute di coraggio...
Sulla cima dell'abis...
Gli eroi di Erice...
La cernia...
E poi tu...
Condannata...
La poesia che non...
il sentiero sul tuo ...
VOLARE...
LONTANANZA...
La Sedia...
Rilancia i dadi...
Mi sentii amato...
Odio e amore...
Le lacrime...
Quannu vegnu o me pa...
NOCTUA PRONUBA...
Una tiepida scia di ...
Se decidi di donarmi...
LE CANZONI...
C'era una volta la m...
DUE NOVEMBRE...
Il tramonto...
Musa...
IL CUORE E L' ...
Parlami ancora!...
Storia di una vita c...
Quegli occhi...
Relax emotivo...
Terra bagnata...
Madreluna...
Nella vita non smarr...
Penzeno pe' noi...
Oro bianco...
Forse ti amo... fors...
Di là della siepe...
Grazie...
Tascapane...
Il borgo incantato...
Occhi verde Amazzoni...
L'anima si spezza so...
Per essere davvero f...
L'incudine...
Nell'ebrezza dell'az...
Nelle sere...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Divenire

Tra le macerie di quelle che un tempo
furono case
antiche dimore di cantori fenici
sorgono papaveri rossi
bellezze dell'osceno
lusinghe menzognere
tra i papaveri rivedo il tuo viso
in me già scolorito
stringo una mano che non potrò più stringere
studio lineamenti che non sono più miei
ma di un'altra lei
tra lei e me nulla cambia
per te.
Respiro il profumo
del grano giallo
di campi estivi lussuriosi
che rapidi incedono verso l'inverno
ora capisco che tutto ciò che è stato
solo ora
è come non fosse mai stato
i papaveri restano lì
miseri steli
bellezze passeggere
prostrate dal vento del divenire
uno di loro mi assomiglia
è simile a me
bello in mezzo allo squallore
tanto che la sua bellezza quasi non si nota
è fragile come ogni bellezza
è esposto ad un'esteriorità che non sente più sua
il viandante distratto e frettoloso lo calpesta
e lui ancora aspira a dignità altre.


Share |


Poesia scritta il 02/03/2017 - 21:34
Da greta urti
Letta n.240 volte.
Voto:
su 1 votanti


Commenti


Molto intensa.

Daniele Foglini 05/03/2017 - 22:58

--------------------------------------

Paesaggi fiori e colori che suscitano intense suggestioni. Ma li vive ancora un sentimento, quasi che la natura l'avesse assorbito ed è il senso di un guardare qualcosa che non c'è più.
Versi molto intensi.

ALFONSO BORDONARO 03/03/2017 - 09:44

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?