Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Alla fine di questa ...
Curriculum vitae...
Abbiam perso... il s...
HAIKU NR. 21...
Pedro...
Le Ore...
Sul mare... navigand...
Calce sulle dita...
QUANDO L' AMORE ...
UN’ALTRA CANZONE...
Spillo...
Quando finisce un am...
SEI FUGGITA...
Luce e ombre......
Ode al vino...
Amore limpido....
Forse, sbagliata...
È subito mare...
Lo specchio (2015-20...
C'È SEMPRE IL SOLE...
L'onore...
DOLCE CANTO...
La vita in blu...
Di brama nella notte...
Sono la Primavera...
Valzer delle chimere...
Le ultime scosse...
Nel giorno che piang...
Sulle tue labbra...
La perfezione del fi...
Riflessione...
CI SIAMO PERSI...
Ho domandato ad un v...
Passa tutto...
Già poesia...
SI È MASCOLINIZZATA?...
Treno in corsa...
ed a te, cosa devi?...
POMERIGGIO SPUMEGGI...
adesso basta...
E LO CHIAMENO MAGGIO...
grotte infuocate...
Questo nostro indoma...
Si fosse prolungata...
Mi spingo oltre il m...
Opaca...
Un prete anarchico...
IL NOSTRO CIELO...
Pensieri sparsi su B...
Senryu 3...
Trasparenze...
IL CUORE NEL ...
A mia madre...
LIBERO...
Nebbia...
EMOZIONE D'AMORE...
Cuore....
Corda che unisce...
Mediterraneo...
Nuove Alebe...
Il dubbio...
Piove...
Nuovo giorno...
MAGARI UNA ROSA...
L'infinito...
RIGOR ..frammenti ne...
Cammino...
Io e te...
Le mie grosse vacanz...
Le scarpette rosse...
Con Agonistico Furor...
Fragranze...
Le parole che conosc...
BIMBA MIA...
Il mondo è fasullo...
di bianco e di rosso...
Non ho voglia di sor...
Domani....
Vezzo di rosa...
Nella società del pr...
Ad Agata...
PAPAVERO...
Un vento di scirocco...
L'ONOREVOLE di Enio ...
LE QUATTRO STAGIONI...
Oceano...
Maggio di nuvole...
La notte così lunga...
Bellezze nascoste....
Insonnia...
Non c'é sospeso...
IL FREDDO LA LU...
Gli armistizi si del...
la giustizia e' co...
Aetas sine spe...
il momento giusto...
AMORE INTENSO...
Lo sguardo della Ver...
La porta della felic...
Come musica che si p...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

reduce

reduce
chi osa vince
chiosa a margine
la trincea cicatrizza la guerra
non ho scelto io il nome del nemico
di notte sogno ancora il frantumarsi
d'una paura.
lo scoppio sempre più vicino
lettere scritte un po' alla volta
nel dubbio di riuscire a finirle
T' ho amata più della vita mia
testa bassa mani sulle orecchie
dormire in piedi come cavalli
mangiar fame bere piscio
ho fumato l'infumabile
riso perchè a morire era lui
Chi mi ha vestito da soldato
aveva un cuore guasto.
Ti pensavo vestita a festa.
Siam tutti nella stessa barca
sorci uomini e feriti
quelli coi gradi son più uomini
ma tremano come me
mia madre so che è morta
ho pianto ma mica l'ho dato a vedere
ho pianto ma da troppo lontano.
Domani o un domani
verrano rinforzi a darci una mano.
la certezza assoluta dell'esser
senza certezze.
Abbi cura di te.
ovunque io sia.
Pensai allora.
ogni notte.
ogni scoppio. ogni tozzo di pane.
ogni stilla di coraggio spuntato dal nulla.
ogni moccolo. ogni urlo. ogni ordine gridato.
Ti ho pensata in punta di morire
ti ho preso una mano
strinta
stretta
Poi non son morto.
reduce.
ora
vecchio
rammento l'attesa
d'un abbraccio rimasto in una lurida trincea.
la guerra ha mangiato sogni
fagocitato te.
Son conscio che l'amore caduto
non rientra fra gli eroi.
Ma è solo che la medaglia appesa al cuore
ha gli occhi tuoi.


Share |


Poesia scritta il 20/03/2017 - 17:04
Da stefano turchi
Letta n.210 volte.
Voto:
su 1 votanti


Commenti


Bellissima
In tutta la sua crudezza

laisa azzurra 21/03/2017 - 09:19

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?