Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

L'immaginazione cos'...
Ascolta...
Pensieri ancestrali...
Haiku: Ricci...
RICORDI DI UN ALTRA ...
I Grilli duettanti...
Ros Maris - rugiada ...
NUVOLE...
SOLO FUMO...
Verso l'erba d'autun...
Er Bijettaro...
Campanili antichi...
La conoscenza umana ...
Il tempo che passa...
dove nasce il vento...
La mia roccia...
Vampiro errante...
Ferro...
Nella città...
Pensate.....
BACIAMI ANCORA...
GRAZIE MAMMA...
Portami con te...
Rachele...
IL MARE TRA DI NOI...
Sipario sulla notte...
Fame...
A Guido...
A volte capita che n...
UN VIAGGIO CHE NON F...
Accarezzo il mio cuo...
per pudore, per inco...
Le foglie...
I ricordi che ti han...
Marinuzza a muggheri...
Un sano egoismo...
Oh, dolcezza...
BANANE di Enio2 sati...
La mia mamma...
L'insonnia...
Spremute di coraggio...
Sulla cima dell'abis...
Gli eroi di Erice...
La cernia...
E poi tu...
Condannata...
La poesia che non...
il sentiero sul tuo ...
VOLARE...
LONTANANZA...
La Sedia...
Rilancia i dadi...
Mi sentii amato...
Odio e amore...
Le lacrime...
Quannu vegnu o me pa...
NOCTUA PRONUBA...
Una tiepida scia di ...
Se decidi di donarmi...
LE CANZONI...
C'era una volta la m...
DUE NOVEMBRE...
Il tramonto...
Musa...
IL CUORE E L' ...
Parlami ancora!...
Storia di una vita c...
Quegli occhi...
Relax emotivo...
Terra bagnata...
Madreluna...
Nella vita non smarr...
Penzeno pe' noi...
Oro bianco...
Forse ti amo... fors...
Di là della siepe...
Grazie...
Tascapane...
Il borgo incantato...
Occhi verde Amazzoni...
L'anima si spezza so...
Per essere davvero f...
L'incudine...
Nell'ebrezza dell'az...
Nelle sere...
Pirchì scappi?...
Dentro a una parente...
Giulia...
AMOR CHE A NULLO AMA...
Il cantautore...
Spesso nelle risate ...
Terre in moto...
Oasi...
A volte il perdono r...
La mia dolce musa...
Fiammelle Autunnali...
Un mattino d'autunno...
Ch'io possa...
Il borgo...
Le vere gioie...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it



L' AMORE PROFONDO NON SI DIMENTICA

Tornerà quell’amore.
Non volevo lasciarlo andare
le mani gli stringevo
non volevano lasciare la presa.
Un minuto ancora
e un nodo in gola
quasi mi soffocava.
Lui su quel treno sparì
lasciandomi momenti vissuti
che vivono e girano dentro di me
come il sangue nelle vene.
Nella stazione i ricordi
sono rimasti sulle rotaie
non se li è portati via.
Indelebili si sono depositati
nella mente e nel cuore
come bagagli dimenticati
che nessuno viene a ritirare.
Si sono annidati nelle ossa
sono dolci, sono amari
capaci di farmi piangere e sognare.
Lui scappa dai miei occhi
mi lascia un abisso nel petto.
Chi mi consolerà e difenderà
non ci saranno più fiori
ma rovi pieni di spine.
Mi faranno da scudo
a quello che un tempo
chiamavo amore!


Mirella Narducci



Share |


Poesia scritta il 21/04/2017 - 11:34
Da mirella narducci
Letta n.323 volte.
Voto:
su 10 votanti


Commenti


ENIO...tu sei una persona bella, hai buon senso e sincerità da vendere...Grazie per il passaggio nella mia pagina. Buona notte

mirella narducci 22/04/2017 - 22:03

--------------------------------------

ciao Mirella, sei la sensibilità fatta persona ***********

enio2 orsuni 22/04/2017 - 18:18

--------------------------------------

BRUNO...Ti rispondo con questo aforisma ."Quello dell'istruzione è un concetto assolutamente relativo. Istruito è ciascuno che ha ciò che gli occorre per la sua attività. Ciò che va oltre non giova."
(Friedrich Hebbel) Ciao...


mirella narducci 22/04/2017 - 16:07

--------------------------------------

Ciao Mirella,come sei dolce,Roma è la città eterna,non basta un anno intero per "Visitarla"
Sai Mirella,io dal basso del mio livello d'istruzione(terza media)posso dire che a Roma c'è tanta roba meravigliosa,sono stato con le scuole,sai le gite,però a volte quando sei giovane non ti resta tanto,non si pensa a quello che tieni davanti,non te ne rendi conto,eppure,a volte la curiosità ti può insegnare qualcosa.
Mi piace guardare molto i documentari,se qualcosa mi incuriosisce,mi documento fino a soddisfare la mia curiosità.
Tutto questo alla fine mi ha portato a visitare tanti campi,dalla storia alla geografia ,animali, miti come le Metamorfosi,L'Odissea,persino una raccolta di CD Musica classica,Da Beethoven a Mozart,Verdi Vivaldi Paganini Strauss Chopin e tanti altri,La mia passione però è L'Arte,In particolare il Rinascimento,appunto ieri ho visto il dipinto Di Romano su disegno del suo grande
maestro Raffaello,che un giorno vorrò visitarlo al Pantheon,è finito lo spazio
ciao

Bruno Abbondandolo 22/04/2017 - 15:50

--------------------------------------

TERESA...infatti nessuno dovrebbe ammalarsi o morire per un amore che non esiste più....ma il cuore è fragile e prima di affidarsi alle cure del tempo, soffre un po. Ciao grazie bel commento da tener presente....Un abbraccio

mirella narducci 22/04/2017 - 12:48

--------------------------------------

BRUNO...grazie per il tuo pensiero, non mi perderai ho bisogno di amici sinceri.
Roma è bellissima non solo perche è la mia città. Tutti se ne innamorano, in questo periodo è uno splendore hai fatto bene a non perderti la Basilica di San Paolo. Roma è piena di chiese, opere d'arte, monumenti ect...Tornaci ancora ma per 2 o 3 giorni per visitarla un pochino di più.
Ciao oggi c'è un sole stupendo un abbraccio

mirella narducci 22/04/2017 - 12:44

--------------------------------------

Ciao Mirella
scusa il ritardo la tua poesia è bellissima
versi amorosi molto belli.
"Però io sono venuto,ieri ma non ti ho trovata ,spero di non averti perduta"
Come amica intendo
Coincidenza Mirella scusa il mio gioco di parole,ma ieri ero a Roma, in compagnia di un parente,per una visita ,all'ospedale (bambin gesù).
Sapessi quando ho scoperto che li vicino c'era la basilica di San Paolo,
nell'attesa che uscissero i parenti
non mi sono fato scappare l'occasione
ho visto cose meravigliose.Baci

Bruno Abbondandolo 22/04/2017 - 11:55

--------------------------------------

I ricordi rimangono sulle rotaie,lui non porta nulla con sé...Secondo me non bisogna rimpiangerlo,ma guardare avanti con fiducia.

Teresa Peluso 21/04/2017 - 23:00

--------------------------------------

GENO...L'amore a volte bisogna conquistarselo e se non ci si riesce rimangono le esperienze anche quelle negative ti formano il carattere e insegnano a vivere...non tutto finisce in tragedia. Geno voglio ricordarti che le mie poesie non sono autobiografiche, vi esorto a non angustiarvi per me. Ciao grazie un abbraccio

mirella narducci 21/04/2017 - 23:00

--------------------------------------

LAISA...Il vero amore lo riconosci...nel viale ci lascerai tanti altri amori, ma quello vero lo terrai sempre stretto al cuore. Grazie del commento Notte

mirella narducci 21/04/2017 - 22:52

--------------------------------------

GIULIA...Non so che dirti a me non è mai capitato, ma ne posso convenire con te che il tempo è un gran dottore!
Grazie del commento...

mirella narducci 21/04/2017 - 22:48

--------------------------------------

KEN...mi piacciono i tuoi commenti, concisi e diretti arrivano subito a toccare il mio io immodesto!!

mirella narducci 21/04/2017 - 22:45

--------------------------------------

SABRY...I ricordi affiorano sempre, quante volte nelle nostre poesie si sono manifestati come fantasmi a volte indolenti ci hanno spinto a ricordare tanti episodi della nostra vita. Molti vengono dalle stazioni che hanno visto addii e saluti di lacrime inconsolabili. Loro nel momento meno opportuno ritornano, noi si puo solo sperare che siano soltanto quelli belli. Ciao grazie del passaggio Notte

mirella narducci 21/04/2017 - 22:38

--------------------------------------

Quel treno lo ha condotto lontano, se è partito volontariamente forse non ti meritava, nel tuo cuore quel ricordo ancora ferisce, molto bella !

genoveffa frau 21/04/2017 - 21:18

--------------------------------------

Miry
io credo in un unico vero grande amore
ma puoi dire con certezza che sia stato quello?
chissà...magari, in fondo a quel viale che percorri, c'è qualcuno che c'è sempre stato e che, forse, nn avevi cuore per notare
ciao cara Amica romana

laisa azzurra 21/04/2017 - 20:39

--------------------------------------

Chissà se guariranno mai le ferite prodotte da quella partenza o le spine resteranno sempre lì a costeggiare il binario della vita. Solo il tempo può dirlo.

Giulia Bellucci 21/04/2017 - 19:07

--------------------------------------

Struggente disincanto che solo tu potevi raccontare in poesia. Complimenti veri.*****

Ken Hutchinson 21/04/2017 - 19:02

--------------------------------------

No certo l'amore vero non si dimentica, per fortuna....e meno male che resta tra i binari a dar senso alla stazione....Dolorosa ....vera...

Sabry L. 21/04/2017 - 19:00

--------------------------------------

ROCCO....E' difficilissimo che si muore d'amore!!!! Ciao felice serata

mirella narducci 21/04/2017 - 16:16

--------------------------------------

FRANCESCO S. Il tuo commento è molto nostalgico, profondo, melanconico come lo può essere un addio. Grazie veramente bello Ciao

mirella narducci 21/04/2017 - 16:14

--------------------------------------

ALFONSO...Permettimi anche se ingenuamente di dirti BRAVO. Conoscitore esperto dell'animo umano, con l'aggiunta di una sapiente dose di gentilezza d'animo e comprensione verso il singolo essere...chi si affida alle tue riflessioni ne esce estasiato e appagato. Una di queste persone sono io. Grazie

mirella narducci 21/04/2017 - 16:06

--------------------------------------

ANNA...ti ringrazio per la tua visita sempre molto gradita Ciao

mirella narducci 21/04/2017 - 16:00

--------------------------------------

MIMMI...quando un amore finisce gli addii sono sempre drammatici....Grazie per il passaggio nella mia pagina Ciao

mirella narducci 21/04/2017 - 15:58

--------------------------------------

GIANCARLO...Caro mi è il tuo commento sempre presente Grazie

mirella narducci 21/04/2017 - 15:56

--------------------------------------

Un amare perduto tra i binari di un rapido è dolore che porta la sua cicatrice nel tempo... è dolore che non ritrova allegro d'altri dì.
Lieto meriggio.
*****

Rocco Michele LETTINI 21/04/2017 - 15:38

--------------------------------------

Un addio che si consuma, un treno che parte e c'è chi rimane alla stazione col dolore dentro sapendo che quei momenti di intenso amore vissuto non ritorneranno mai più, ma....il dolore di quelle spine piantate nel cuore serviranno a proteggere da altre illusioni. Una bellissima anche se amara interpretazione. Ciao

Francesco Scolaro 21/04/2017 - 15:30

--------------------------------------

La parola amore, nel tempo ha perso il suo significato. Siamo costretti ad aggiungere qualche altra parola per definirlo meglio. Amore per la mamma, per la natura eccetera.
L'autrice precisa che l'AMORE PROFONDO non si dimentica. Forse anche il solo amore per una persona non si dimentica. Infatti nemmeno più le rotaie riescono a collegare i due cuori ormai a distanza indicibile.
Rimane la constatazione di una apparente solitudine arricchita purtroppo dai rovi, simbolo di un dolore, già provato da martire della nostra fede.
Non ci saranno fiori ma i ricordi saranno aculei appuntiti che si conficcheranno troppo spesso nella mente, facendo sanguinare soprattutto il cuore.
Rassegnazione ? Forse. Sicuramente la constatazione di quanto si è perduto, nemmeno illuminato da un sorso di speranza.

ALFONSO BORDONARO 21/04/2017 - 15:20

--------------------------------------

Dolorosamente bella, molto sentita questa tua opera...complimenti

Anna Rossi 21/04/2017 - 14:54

--------------------------------------

Quanti amori perduti tra i binari di una stazione...
Ma non per questo facciamo scudo all'amore, non perdiamo la fiducia!
Tutto è bello, tutto è vita, senza rimpianti...

Mimmi Due 21/04/2017 - 14:09

--------------------------------------

una bellissima poesia d'amore piena di ricordi 5*

GIANCARLO "LUPO" POETA DELL 21/04/2017 - 12:01

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?