Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

UCCELLI di MALO AUGU...
IL MISTERO DELL\\'EM...
Notturno n.4...
NOI LA VITA...
Agrigento e la Festa...
Piccola cosa...
Il Nero...
Gioventù...
IL MIO AVATAR...
E tacque attorno a n...
FIORI D'ARANCIO...
A ME STESSO...
LA PENDOLA...
Di notte...
Vorrei essere......
Io...
Brezza...
Svegliati è tardi......
Qualcosa che non va...
19 AGOSTO ER COMPLEA...
Non ti chiedere se ...
L’uomo dovrebbe fare...
Dolcezza...
il suo nome...
Falò di pensieri...
Italia mia...
RESILIENZA...
Gli alberi intorno...
Specchio spiatore...
Illusione o realtà?...
Le mie parole sono l...
Quando arriverà il m...
La Pecora nera...
Dove nel cosmo è bui...
Tristezza per la gen...
Ne ho baciate tante ...
Nei nostri sorrisi...
SAHEL...
Contro il destino...
Sandrone...
EVOLUZIONE DELL\'AN...
Non li merito gli oc...
STRAGI...
NOARE O STAR NEGÀ...
l'attesa di guardart...
LA RAGIONE...
Estati su\' di uno s...
LA NOSTRA PROMESSA...
Dentro la scatola di...
CONQUISTA...
La fretta dei giorni...
Fila, filastrocca...
ANCHE PER UN SOLO IS...
Voglio solo la mia l...
...UN AMORE CHE È CO...
Ancora una volta...
Non è ancora quel te...
PER AMMAZZARE IL... ...
il gommone...
Fantapoesia...
Canto della cuna del...
Questa è la vita ? ...
Preghiera alla divin...
NESSUNO...
È perché non sai chi...
Mare verde...
Schizzi di luce (poe...
RICAMI DI LUNA...
Il prestigio di una ...
Nel mercato dell'int...
La mente e il cuore...
A mio favore...
Un cielo troppo gran...
Alla mia Cri...
gli elementi...
Per tutta l'eternità...
Senza armonia...
Mia Madre...
A te e a me...
LA NINNA NANNA DELLA...
Il regno animali ...
Ostetrica(C)...
PIUMA AL VENTO...
PAURA DEL SILENZI...
STELLA...
L'ignoto...blu...
Sentimenti...
Davanti a noi...
Pace a ferragosto...
SENTO LE TUE CAREZZE...
Evanescente...
Lontano...
...IL SAPORE DEL CAO...
Polvere...
La Ragazza Dai Capel...
E RITORNO AL PASS...
Stupido amore...
Le mie teorie...
La poesia non dev'es...
SENZA AMORE...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Ecumenica sarabanda

Porte aperte su altre porte schiuse,
ombre fugaci come rapaci uccelli,
se tutto è falso è perché si vede.
Pupille che roteano senza senso.


In un sottile e fumose pranzo
di piatti conviti rotti piatti,
sbucano escrescenze su volti allegri
facce bendate, piombate, l’inverno biancheggia e punteggia.


Bende sugli occhi per non vedere,
ombre dietro di te dietro le tue ombre,
un cinico sacerdote alza la mano:
le danzatrici entrano a frotte.


I treni si aggrovigliano su binari caduchi
mentre i papaveri vi si abbarbicano sopra.
Stagnante l’anima dorme su di un guanciale di spine.
Rovine neghittose strizzano sguardi al palpitante viavai.


Che entrino le pallide giunoniche danzatrici,
trucco spesso nero e corpo bianco,
strofinano le anche tra loro
s’avvinghiano come viti al palo.


Il convito è regale e la notte affonda i colpi,
gli astanti di nero vestiti con le lancette dell’orologio in mano
fatte di gelatina,
mentre schiumano gli antipasti.


Sul collo dell’imbrattacarte una ragazza stringe le gambe a forbice
e stramazza l’uomo che tiene la verità in mano e le prebende in tasca
e che canta la vittoria quando la battaglia è al suo volgere.
Stan tutti in piedi ma è la ragazza che detta i tempi.


Questo le sta sotto e geme e pensa che sia una strana domenica,
ma il Papa non l’ha detto al balcone e non ci crede
detona intorno la festa, caricate i fucili:
qualcuno il grilletto lo tirerà.



Share |


Poesia scritta il 23/04/2017 - 18:13
Da Giulio Soro
Letta n.103 volte.
Voto:
su 0 votanti


Commenti


bravo

sauveur antibes 23/04/2017 - 18:19

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?