Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Il mio mare...
Leggere è come aprir...
E' vita vera...
Piccole azioni corag...
IL MAESTRO...
Silenzio......
Valori...
Cicatrici...
An electric air from...
ER BACICCIA (la bann...
Tanka...
Il corpo racconta...
Non ricordo...
Amata mia...
Le Fiamme del Peccat...
Rivoluzione...
La mia odissea...
Con la forza dei ram...
SIMPATICA SORPRESA...
Deriva delle anime...
Vaso...
Dimenticarsi...
Naufrago...
Amore...
Odore di uno spettro...
IL GERME DELLA ...
Sceriffo...
Le note del tempo...
Il caro estinto...
La felicità...
L'assente...
ALLA GUIDA DELLA VIT...
ossuta resilienza...
Eppur sorridi...
Ridere...
Orme future...
Deluso...
Nel fruscio della vi...
Occhi chiusi...
Le mie gambe...
Miraggio di una infa...
UN RESPIRO....
ODE...
ALLE PORTE DEL SOGNO...
Notti magiche !...
D'inverno...
VENICE...
L'ultima gara....
Amantes...
Così poco...
l'armonia...
Il fischio del vento...
Mi hai cambiata...
TELEGRAMMA POETICO...
Tu, pallida Luna...
questi occhi...
Dove abita Amore...
la Givacchi...che st...
Gocce di pianto...
OGGI...
La carità non la con...
La croce...
Anatomia di un bacio...
Orme...
Fare breccia in un m...
Società:...
Canto di un appassio...
Lembo di blu...
Che sapore ha il mal...
Questo amore è come ...
PRATO D’ATTESA...
Sensi...
Scende la sera...
Fiume di ricordi...
Apoteosi della belle...
E HO VISTO TE...
Chiamalo tatto.....
POLPASTRELLO...
CARNE UMANA di Enio ...
MERAVIGLIOSO AMORE...
Le quattro stagioni...
CUPIDO...
CUCCAGNA...
Mi cerchi tu dici...
Il tesoro della Mont...
Nebbia dell'anima...
Tutto l'Universo...
CON RIGUARDO È SAN V...
Auguri, amore...
Le ali dell'amore...
Fiori...
MA LEI LO SA?...
aspettami...
CAP 2 La non-storia...
Reset...
Peggio della malinco...
L'esperimento...
Deserto...
CARONTE...
Aspettando le rondin...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Ecumenica sarabanda

Porte aperte su altre porte schiuse,
ombre fugaci come rapaci uccelli,
se tutto è falso è perché si vede.
Pupille che roteano senza senso.


In un sottile e fumose pranzo
di piatti conviti rotti piatti,
sbucano escrescenze su volti allegri
facce bendate, piombate, l’inverno biancheggia e punteggia.


Bende sugli occhi per non vedere,
ombre dietro di te dietro le tue ombre,
un cinico sacerdote alza la mano:
le danzatrici entrano a frotte.


I treni si aggrovigliano su binari caduchi
mentre i papaveri vi si abbarbicano sopra.
Stagnante l’anima dorme su di un guanciale di spine.
Rovine neghittose strizzano sguardi al palpitante viavai.


Che entrino le pallide giunoniche danzatrici,
trucco spesso nero e corpo bianco,
strofinano le anche tra loro
s’avvinghiano come viti al palo.


Il convito è regale e la notte affonda i colpi,
gli astanti di nero vestiti con le lancette dell’orologio in mano
fatte di gelatina,
mentre schiumano gli antipasti.


Sul collo dell’imbrattacarte una ragazza stringe le gambe a forbice
e stramazza l’uomo che tiene la verità in mano e le prebende in tasca
e che canta la vittoria quando la battaglia è al suo volgere.
Stan tutti in piedi ma è la ragazza che detta i tempi.


Questo le sta sotto e geme e pensa che sia una strana domenica,
ma il Papa non l’ha detto al balcone e non ci crede
detona intorno la festa, caricate i fucili:
qualcuno il grilletto lo tirerà.



Share |


Poesia scritta il 23/04/2017 - 18:13
Da Giulio Soro
Letta n.208 volte.
Voto:
su 0 votanti


Commenti


bravo

sauveur antibes 23/04/2017 - 18:19

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?