Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Pirchì scappi?...
Dentro a una parente...
Giulia...
AMOR CHE A NULLO AMA...
Il cantautore...
Spesso nelle risate ...
Terre in moto...
Oasi...
A volte il perdono r...
La mia dolce musa...
Fiammelle Autunnali...
SCOMMESSA CON IL DES...
Un mattino d'autunno...
Ch'io possa...
Il borgo...
Le vere gioie...
Non calpestate la po...
Piacere, sono IO....
RIMEDI PER CHI RU...
SOSPIRO...
Chissà se Chiara Dor...
DOLCE TRISTE AT...
baciata dalla luna...
Quel che rimane...
Ode a Trieste....
Ebbrezza marina...
Prime impressioni...
La luce negata...
Poche Luci...
Gelato a due gusti...
Alba...
RIFLESSO DI SGUARDO...
IL PRESENTE...
LE CAVERNE DEL CUORE...
Il dolore è come un ...
Campi di anime, per ...
Grigio di nebbia...
Un fiume rosso sangu...
Vola in alto Perché...
PENSIERO D'AUTUNNO...
a Charles Bukowski...
Le rapide dei sogni....
POLVERE D'AMORE...
Attimi...
Diniegato...
Al buio di una caver...
A Genti quannu tinta...
Sfumature d'indaco...
In città...
ECLISSI DI LUNA di E...
Quando va via la neb...
Problema...
adamo ed eva...
Giorni di paura...
Ho ucciso il mio Cuo...
DUBBI...
L'obeso...
ho visto Te...
la fine...
Il tuo amore per me...
Il Silenzio...
OSSERVARE ANCORA...
Ho perso il cielo st...
non camminare davant...
Il salvadanaio...
PER IL SITO...
Scivolano le ombre...
I PROBLEMI DEL ...
AUTOMA...
Dedicato da te a me...
Su questa mia terra...
Ti sento...
Er patto cor demogno...
La grotta nell’autob...
dal giorno alla nott...
LA POLLIVENDOLA...
Autunno per un amico...
Trapasso...
Le mille cose che no...
FIGLIO MIO...
Azzurro...
Il mare verde...
L'allegra triestina...
Spero...
Angeli...
la rifrazione illuso...
Dille ch'io la amo...
Scarmigliata...
A te...
Io e la vita...
Il mio amore non c'è...
ER POVETA E L'UCELLI...
Monotonia uccide poe...
Pensando...un addio!...
La vita è una meravi...
Come rami di uno ste...
TOMBINO...
Foglie morte...
Avida la mia bocca!...
Il farmacista...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Ecumenica sarabanda

Porte aperte su altre porte schiuse,
ombre fugaci come rapaci uccelli,
se tutto è falso è perché si vede.
Pupille che roteano senza senso.


In un sottile e fumose pranzo
di piatti conviti rotti piatti,
sbucano escrescenze su volti allegri
facce bendate, piombate, l’inverno biancheggia e punteggia.


Bende sugli occhi per non vedere,
ombre dietro di te dietro le tue ombre,
un cinico sacerdote alza la mano:
le danzatrici entrano a frotte.


I treni si aggrovigliano su binari caduchi
mentre i papaveri vi si abbarbicano sopra.
Stagnante l’anima dorme su di un guanciale di spine.
Rovine neghittose strizzano sguardi al palpitante viavai.


Che entrino le pallide giunoniche danzatrici,
trucco spesso nero e corpo bianco,
strofinano le anche tra loro
s’avvinghiano come viti al palo.


Il convito è regale e la notte affonda i colpi,
gli astanti di nero vestiti con le lancette dell’orologio in mano
fatte di gelatina,
mentre schiumano gli antipasti.


Sul collo dell’imbrattacarte una ragazza stringe le gambe a forbice
e stramazza l’uomo che tiene la verità in mano e le prebende in tasca
e che canta la vittoria quando la battaglia è al suo volgere.
Stan tutti in piedi ma è la ragazza che detta i tempi.


Questo le sta sotto e geme e pensa che sia una strana domenica,
ma il Papa non l’ha detto al balcone e non ci crede
detona intorno la festa, caricate i fucili:
qualcuno il grilletto lo tirerà.



Share |


Poesia scritta il 23/04/2017 - 18:13
Da Giulio Soro
Letta n.134 volte.
Voto:
su 0 votanti


Commenti


bravo

sauveur antibes 23/04/2017 - 18:19

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?