Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

dove nasce il vento...
La mia roccia...
Vampiro errante...
Ferro...
Nella città...
Pensate.....
BACIAMI ANCORA...
GRAZIE MAMMA...
Portami con te...
Rachele...
IL MARE TRA DI NOI...
Sipario sulla notte...
Fame...
A Guido...
A volte capita che n...
UN VIAGGIO CHE NON F...
Accarezzo il mio cuo...
per pudore, per inco...
Le foglie...
I ricordi che ti han...
Marinuzza a muggheri...
Un sano egoismo...
Oh, dolcezza...
BANANE di Enio2 sati...
La mia mamma...
L'insonnia...
Spremute di coraggio...
Sulla cima dell'abis...
Gli eroi di Erice...
La cernia...
E poi tu...
Condannata...
La poesia che non...
il sentiero sul tuo ...
VOLARE...
LONTANANZA...
La Sedia...
Rilancia i dadi...
Mi sentii amato...
Odio e amore...
Le lacrime...
Quannu vegnu o me pa...
NOCTUA PRONUBA...
Una tiepida scia di ...
Se decidi di donarmi...
LE CANZONI...
C'era una volta la m...
DUE NOVEMBRE...
Il tramonto...
Musa...
IL CUORE E L' ...
Parlami ancora!...
Storia di una vita c...
Quegli occhi...
Relax emotivo...
Terra bagnata...
Madreluna...
Nella vita non smarr...
Penzeno pe' noi...
Oro bianco...
Forse ti amo... fors...
Di là della siepe...
Grazie...
Tascapane...
Il borgo incantato...
Occhi verde Amazzoni...
L'anima si spezza so...
Per essere davvero f...
L'incudine...
Nell'ebrezza dell'az...
Nelle sere...
Pirchì scappi?...
Dentro a una parente...
Giulia...
AMOR CHE A NULLO AMA...
Il cantautore...
Spesso nelle risate ...
Terre in moto...
Oasi...
A volte il perdono r...
La mia dolce musa...
Fiammelle Autunnali...
Un mattino d'autunno...
Ch'io possa...
Il borgo...
Le vere gioie...
Non calpestate la po...
Piacere, sono IO....
RIMEDI PER CHI RU...
SOSPIRO...
Chissà se Chiara Dor...
DOLCE TRISTE AT...
baciata dalla luna...
Quel che rimane...
Ode a Trieste....
Ebbrezza marina...
Prime impressioni...
La luce negata...
Poche Luci...
Gelato a due gusti...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Grande Albero

….e quando l’alba coglierà te
e me la tua ombra
avrò imparato a essere un po’ clown
e allora le intreccerò con ironia
le corolle fatte di fili d’erba
intinte nel balsamo delle mie radici.
Annaffierò ogni giorno il tappeto di fiori
che custodirò con amore
per attutire il dolore delle tue foglie che cadranno
Quando la notte mi avvolgerà,
ammalato di nostalgia,
sognerò ancora il profumo dei tuoi rami
che sfiorarono con soave allegria
la mia orbita incompresa
Grande Albero
il mio cuore t’è grato,
chinasti un dì per gioco su me,
piccolo arbusto impolverato, i tuoi rami
e un angolo del tuo cielo mi illuminò
Io ti amo Grande Albero
e so che sei stanco di essere chino
ergiti di nuovo al tuo giovane mondo antico
spazia sui pascoli verdi,
sulle colline prorompenti
posati sulle anse di novelli rii
ardi di passione sulle bocche di eruttanti crateri
e vivi senza catene.
Io sono come il morso per il bue,
la gogna per il condannato
posso essere vita
per la mente e per il cuore
ma senza sono la morte.


Share |


Poesia scritta il 27/04/2017 - 23:24
Da speranza iovine
Letta n.172 volte.
Voto:
su 1 votanti


Commenti


stupenda!

sebina pintaldi 28/04/2017 - 14:37

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?