Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

BACIAMI ANCORA...
GRAZIE MAMMA...
Portami con te...
Rachele...
IL MARE TRA DI NOI...
Sipario sulla notte...
Fame...
A Guido...
A volte capita che n...
UN VIAGGIO CHE NON F...
Accarezzo il mio cuo...
per pudore, per inco...
Le foglie...
I ricordi che ti han...
Marinuzza a muggheri...
Un sano egoismo...
Oh, dolcezza...
BANANE di Enio2 sati...
La mia mamma...
L'insonnia...
Spremute di coraggio...
Sulla cima dell'abis...
Gli eroi di Erice...
La cernia...
E poi tu...
Condannata...
La poesia che non...
il sentiero sul tuo ...
VOLARE...
LONTANANZA...
La Sedia...
Mi sentii amato...
Odio e amore...
Le lacrime...
Quannu vegnu o me pa...
NOCTUA PRONUBA...
Una tiepida scia di ...
Se decidi di donarmi...
LE CANZONI...
C'era una volta la m...
DUE NOVEMBRE...
Il tramonto...
Musa...
IL CUORE E L' ...
Parlami ancora!...
Storia di una vita c...
Quegli occhi...
Relax emotivo...
Terra bagnata...
Madreluna...
Nella vita non smarr...
Penzeno pe' noi...
Oro bianco...
Forse ti amo... fors...
Di là della siepe...
Grazie...
Tascapane...
Il borgo incantato...
Occhi verde Amazzoni...
L'anima si spezza so...
Per essere davvero f...
L'incudine...
Nell'ebrezza dell'az...
Nelle sere...
Pirchì scappi?...
Dentro a una parente...
Giulia...
AMOR CHE A NULLO AMA...
Il cantautore...
Spesso nelle risate ...
Terre in moto...
Oasi...
A volte il perdono r...
La mia dolce musa...
Fiammelle Autunnali...
Un mattino d'autunno...
Ch'io possa...
Il borgo...
Le vere gioie...
Non calpestate la po...
Piacere, sono IO....
RIMEDI PER CHI RU...
SOSPIRO...
Chissà se Chiara Dor...
DOLCE TRISTE AT...
baciata dalla luna...
Quel che rimane...
Ode a Trieste....
Ebbrezza marina...
Prime impressioni...
La luce negata...
Poche Luci...
Gelato a due gusti...
Alba...
RIFLESSO DI SGUARDO...
IL PRESENTE...
LE CAVERNE DEL CUORE...
Il dolore è come un ...
Campi di anime, per ...
Grigio di nebbia...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Mattina

Una mattina sono entrata
in quello che restava della nostra cucina
c'era la tazza un pò scheggiata
la tovaglia ingiallita
una ragnatela appesa alla finestra
tu non c'eri più.
Rimaneva il vuoto di un ricordo
la voragine che lascia una vita passata insieme
i fantasmi si erano dileguati
anch'essi stanchi di tormentarmi
allora capì quanto ero stata stupida
quanto avevo sprecato la mia giovinezza
inseguendo paure che non c'erano
e intanto il tempo passava
i campi di grano sempre più gialli
sotto la foschia d'agosto
quando ogni donna per bene sta chiusa in casa
ad accudire i figli.
Ma io non sono una donna per bene
io non voglio una famiglia
dei figli
un cane da coccolare
io voglio te
voglio la tua passione
il tuo tormento
perché siamo esseri umani
amiamo il conflitto
amiamo le incongruenze cha nascono dalle tazze di caffè
sporche lasciate sul lavandino
di una cucina che non vede più noi
in questo caldo di agosto che già si fa sogno
che io già abbandono con disperata serenità.


Share |


Poesia scritta il 01/07/2017 - 19:55
Da greta urti
Letta n.139 volte.
Voto:
su 1 votanti


Commenti


Hai8 scritto una bella e profonda poesia.

antonio girardi 02/07/2017 - 12:14

--------------------------------------

stessa sorte stesso pensiero molto bella

GIANCARLO "LUPO" POETA DELL 02/07/2017 - 09:24

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?