Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Discriminazione e di...
Senza risposte...
Per mio padre...
Sotto pelle...
Non te l'ho detto e ...
Nello stagno...
A Sara......
Sto al gioco...
Gabbiani....
come si chiama l'e...
PRINCIPE E PRINCIP...
UN FIORE NELLA NEVE...
Vittoria...
Quasi......
Il nostro amore...
Nostalgia...
Mai cosí tanto ti ho...
INNAMORARSI E NON MO...
Quando...
Sarà così, un giorno...
ALLORA...
ADOLESCENZA...
ER PENNACCHIO DER ...
GIADA- Prima Parte....
Di lui...
Fiammina...
Gossip...
L'orizzonte...
Stelle sbronze...
Nel vento di una ros...
Non aspettar domani...
Insolita, affascinan...
BRICIOLE...
La modestia è... l'...
Volo di gabbiani...
La poesia abita…...
Il tuo divano rosso...
IL VELIERO AZZURRO...
Orizzonte...
Violento bruciare...
Copiosa pioggia...
lasciami andare...
Graffi...
CONCHIGLIA...
Mi girano sempre le....
Cercando il mare...
A Farla Ammattire...
Tra le nuvole un pen...
ADORANDO IL PECC...
A2...
AL DI LÀ DEI TUOI OC...
altrove...
Insidiosa polvere...
Gino, quando parla, ...
L'amore per le picco...
A volte...
Solitudine di città...
FUSIONE...
L' ira...
Amarmi...
Il matrimonio la fia...
NON BRUCIO LA SPERAN...
GRANDINE E PIOGGIA E...
Speranza...
SUDARIO DI SETTEMBRE...
Padre...
Tu sei...
Mentre guardo la Lun...
Clair...
Accomiato...
Finestra...
DANNATI E COMPLICI...
I miei silenzi...
Vuoto assoluto...
C'era una volta...
Riconoscersi in una ...
Dorati Veli...
Non c'ero...
Unione...
Non sono poeta né sc...
ORA COME MAI...
ANGOLO DI PARADISO...
Il circolo di ogni c...
Nebbia e poesia...
Verso sera...
Malsano...
Da quali stelle?...
venere...
Palcoscenico Diaboli...
Don Matteo 11...
Angeli....
Davanti a una porta ...
Pensando a lei... Se...
la bella addorentata...
Befana = Mamma...
IN INVERNO NON SI FA...
l\'inganno...
ANATOMIA DI UN ...
Tu...
Mete coraggiose...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

l'incontro

E di quel ciliegio sorto in Primavera
si potè dire sfiorito
quando l'ultima foglia cadde
sull'orlo di un gemito
perchè poteva dirsi libero e non spoglio
quell'ornamento pesante
ingombro per la sua anima
un'anima satura
così piena del dolore
d'ogni foglia , ogni ardore
l'assorbiva come fosse foco
ci piangeva in loco
ove la foresta s'era detta casa
e ogni spina della rosa che s'adagiava
per fargli compagnia
spingeva forte come un'arida arpia.
Tu spina m'hai trafitto l'anima
in mezzo a tanti piccoli dolori
m'hai dato la terra arida
universo raso al suolo
dove ogni lacrima è assorbita
e resta questo canto d'un poeta
per l'amata
che racconta d'un dolore che piano poi s'è fatto ardore
coceva sotto al sole quel dolore
quanto aspettò quel ciliegio di divenire spoglio
per poter sentire il rumore d'ogni urlo
ogni convoglio dei dolori
che s'ammucchiarono e carponi
videro la luce.
Ed egli potè nell'occhi guardare l'amata
e quella spina leccare
come fosse cioccolata.
Non fu la paura ad annientare l'urlo
d'una spina che nata per trafiggere
figlia d'una rosa dal candore e lo splendore
divenne sollievo e poi
passione
la passione d'un incontro
delle diversità
dove la sintesi del tutto diviene
l'aldilà.
e piano quella rosa al suolo potè accasciarsi
ammirando lentamente l'albero spogliarsi
furono nudi e si videro davvero
in quell'universo scarno intriso di veleno
assaporarono l'ultima goccia d'uno scontro
dolore o inutile ingombro
che solo nell'aldilà
avrebbe potuto dirsi
incontro.


Share |


Poesia scritta il 08/07/2017 - 15:09
Da Ludovica Gabbiani
Letta n.212 volte.
Voto:
su 0 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?