Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

La Vita è ci......
Fatalità...
Il bimbo di Hiroshim...
A Citra...
Falce di luna e d'om...
Madonna mia !...
L' ODIO E' UNA LU...
IL TEMPO DELLE CONC...
Stelle si accendono ...
NUTRIMI...
NEL PIÙ ROSEO DEI MO...
Orizzonte...
L’EREDITA’ SPARTITA ...
Tutto era sogno...
L'arte del sorriso...
alzando gli occhi...
Tutto...
Peccato di gola...
La notte...
Viaggio dentro me st...
Tutto scorre......
Io fuggo...
STUPORE...
INGANNEVOLI APPARENZ...
E' estate e sono vec...
Malattia...
Salve, sono Lupo...
Non è da uomini......
Il cielo in una ...
Il nobile Alejandro ...
L'amico del tramonto...
CON TE PER NOI...
QUELLO CHE VORREI DI...
DIARIO DELLA PRI...
Stare tra le tue bra...
ARTE di Enio 2...
Il destino, ordine e...
Di nero vestita...
troppa tecnologia ....
Le foglie smarrite...
Avere in dote un’ind...
Scorie di città....
Listen to you...
Aylan...
Ovunque vi sia un os...
Idolatria d'amore...
LA Piaggia tra le ro...
Sorrisi che illumina...
Non hanno nome i pen...
Il baratro del silen...
Ricomincio da me...
Pensa a me...
Mi manchi tu...
La volpe in vetrina...
Notte di insonnia...
Se hai un pezzettino...
RIVIVERE...
SULLE TRACCE...
ER CANARINO MIO d...
Satira...
Evoluzione...
Senza riposo...
L' attimo...
Coccinella...
Ci sono sempre stato...
Lacrime...
PASTA E CECI...
Nonostante tutto. .....
cento passi omaggio ...
Venere e Luna...
Kalòs e la Cerva...
Sempre che il bar si...
La poesia mi salva...
Era un sogno?...
Dialogo dell\'amor p...
Ad Elisa...
Il segreto della pio...
SEGNALIBRO...
Libertà...
La tua mancanza si s...
Mera poesia 4....
A spasso tra le stel...
Piccola stella...
The Bad Road...
Una favola antica...
Racconti della notte...
Anche se calmo, è ...
...a te...
Il primo amore di Fr...
L’ONESTA’ DE ZIO...
La ricorrenza...
FANGO...
Tu una parte di noi...
Vivi!...
Viaggiare...
La luna e il mare...
L'Esibizionista...
PORTAMI NEI TUOI SOG...
IL NOSTRO ADDIO...
La carezza del sole...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

l'incontro

E di quel ciliegio sorto in Primavera
si potè dire sfiorito
quando l'ultima foglia cadde
sull'orlo di un gemito
perchè poteva dirsi libero e non spoglio
quell'ornamento pesante
ingombro per la sua anima
un'anima satura
così piena del dolore
d'ogni foglia , ogni ardore
l'assorbiva come fosse foco
ci piangeva in loco
ove la foresta s'era detta casa
e ogni spina della rosa che s'adagiava
per fargli compagnia
spingeva forte come un'arida arpia.
Tu spina m'hai trafitto l'anima
in mezzo a tanti piccoli dolori
m'hai dato la terra arida
universo raso al suolo
dove ogni lacrima è assorbita
e resta questo canto d'un poeta
per l'amata
che racconta d'un dolore che piano poi s'è fatto ardore
coceva sotto al sole quel dolore
quanto aspettò quel ciliegio di divenire spoglio
per poter sentire il rumore d'ogni urlo
ogni convoglio dei dolori
che s'ammucchiarono e carponi
videro la luce.
Ed egli potè nell'occhi guardare l'amata
e quella spina leccare
come fosse cioccolata.
Non fu la paura ad annientare l'urlo
d'una spina che nata per trafiggere
figlia d'una rosa dal candore e lo splendore
divenne sollievo e poi
passione
la passione d'un incontro
delle diversità
dove la sintesi del tutto diviene
l'aldilà.
e piano quella rosa al suolo potè accasciarsi
ammirando lentamente l'albero spogliarsi
furono nudi e si videro davvero
in quell'universo scarno intriso di veleno
assaporarono l'ultima goccia d'uno scontro
dolore o inutile ingombro
che solo nell'aldilà
avrebbe potuto dirsi
incontro.


Share |


Poesia scritta il 08/07/2017 - 15:09
Da Ludovica Gabbiani
Letta n.307 volte.
Voto:
su 0 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?