Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

In città...
ECLISSI DI LUNA di E...
Quando va via la neb...
Problema...
adamo ed eva...
Giorni di paura...
Ho ucciso il mio Cuo...
DUBBI...
L'obeso...
ho visto Te...
la fine...
Il tuo amore per me...
Il Silenzio...
OSSERVARE ANCORA...
Ho perso il cielo st...
non camminare davant...
Il salvadanaio...
NIPOTI...
PER IL SITO...
Scivolano le ombre...
I PROBLEMI DEL ...
AUTOMA...
Dedicato da te a me...
Su questa mia terra...
Ti sento...
Er patto cor demogno...
La grotta nell’autob...
dal giorno alla nott...
LA POLLIVENDOLA...
Autunno per un amico...
Trapasso...
Mi hai detto... ( Po...
Le mille cose che no...
FIGLIO MIO...
Azzurro...
Il mare verde...
L'allegra triestina...
Spero...
Angeli...
la rifrazione illuso...
Dille ch'io la amo...
Scarmigliata...
A te...
Io e la vita...
Il mio amore non c'è...
ER POVETA E L'UCELLI...
Monotonia uccide poe...
Pensando...un addio!...
La vita è una meravi...
Come rami di uno ste...
TOMBINO...
Foglie morte...
Avida la mia bocca!...
Il farmacista...
rimembranze...
PASSEGGIATA SOLITARI...
volo d'autunno...
Infinita voglia di v...
Seppe poi sola andar...
Una richiesta vana...
Pensieri invadenti...
L'Astronomia del Fut...
Potrei darti...
Quel vino rosso ross...
Possa la preghiera s...
Le cose fatte con pa...
Mia nonna diceva che...
Bluff...
Mentre guardo la Lun...
L'UOMO COL CANNOCCHI...
Possedere le chiavi ...
SIAMO PICCOLE D...
Freddo apparente...
La prima volta...
Un ossimoro è la met...
E tu, vigliacca ment...
Salvarsi...
Foglie aperte...
FAMMI RICORDARE...
Ho visto avide bocch...
RICORDARE E' VIVERE...
Riflesso d\'Argento...
In Questo Confuso An...
Il MIO NOME È LiBERT...
Canzone per un'amica...
Tutti siamo stati ba...
La stagione dell'amo...
Canto del vento sull...
Mio Padre...
Senza tempo...
Il silenzio della ne...
Un altro whiskey...
NE UCCIDE PIU LA LIN...
La montagna...
SERA D'OTTOBRE...
Roma...
Il nonno...
Can'e gatto...
Tutto passa...
Game over...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Cento e cento di questi giorni

Le betulle si abbeveravano nell’acqua calda del torrente,
mentre strisce di fuoco segnavano la strada come catarifrangenti,
e noi ci dirigevamo al lago su questa strada di montagna.
Eravamo pesanti e stanchi, sotto il peso delle nostre colpe.


Il cielo si era sgravato delle nubi nerastre come una vecchia da un fagotto,
e i tuoi occhi giravano ancora nelle loro orbite speranzose,
mentre la nostra fuga continuava imperterrita.
Ancora un tornante e saremo a casa così dicevo.


Piantagrane appiedati dalla strada sassosa vendevano la propria ignominia come uno strillone,
mentre cumuli di ombra stellate vagavano carponi,
grosse spighe saracene crescevano nei campi.
E lì che ti ho vista con il tuo sguardo vitreo fissare il nulla.


Eppure eravamo distanti nonostante il fatto che fossimo seduti vicini,
tra noi scorrevano rocce e montagne e fiumi,
una cordigliera ci separava dividendo in due lo spazio,
e ancora un tornante di questa maledetta strada.


Nessuno si sarebbe accorto della nostra fuga per giorni.
E certo nessuno di noi due si sarebbe preso la briga di informarli.
Cento e cento di questi giorni e di questo malsano vivere.
Cento e più cento giorni di questo vivere negletto.


Una fosca serata ci condusse nell’oscurità;
fu come entrare in un altro mondo, dove i cani non latravano più
e la flora e la fauna avevano espulso il loro candore,
seppellito per sempre sotto un metro di terra.


Pigiavo il pedale ma più per una farsa del destino che non per un vero desiderio,
ormai recitavamo una pantomima in un teatro di terz’ordine,
le maschere calate sul volto, una bottiglia di gin nella mano,
due cravatte di ricambio e del capretto arroventato e arrostito.



Share |


Poesia scritta il 21/07/2017 - 19:06
Da Giulio Soro
Letta n.145 volte.
Voto:
su 9 votanti


Commenti


nn so se è drammatica
oppure semplicemente folle

lasci spazio a tutte le interpretazioni plausibii e non...
la tua mano è semplicemente, unica


laisa azzurra 22/07/2017 - 21:43

--------------------------------------

Scusa gli errori di battitura ma ho il cellulare piccolo

Nicol Marcier 22/07/2017 - 16:55

--------------------------------------

Molto apprezzata
Ciao Micol
5 stellette per te

Nicol Marcier 22/07/2017 - 16:54

--------------------------------------

Piacevolmente seguitata che sembra vera.
Lieto meriggio.
*****

Rocco Michele LETTINI 22/07/2017 - 16:49

--------------------------------------

bella con sensazioni sembra di viverle

GIANCARLO "LUPO" POETA DELL 22/07/2017 - 12:01

--------------------------------------

mi è parso di essere lì in prima persona,molto bella,ciao

andrea sergi 22/07/2017 - 11:21

--------------------------------------

Intensamente bella!
Piena di suggestive sensazioni ed emozioni!

margherita pisano 22/07/2017 - 08:53

--------------------------------------

Un opera da incorniciare

francesco la mantia 22/07/2017 - 08:32

--------------------------------------

Un racconto di emozioni con immagini davvero suggestive!

Giulia Bellucci 22/07/2017 - 07:37

--------------------------------------

Poesia pregevole e dai multiformi significati. Lodi e complimenti infiniti e felice serata!

Paolo Ciraolo 21/07/2017 - 20:16

--------------------------------------

Una bella opera. Arrivano forti sensazioni. Una narrazione efficace e suggestiva. Non mi dilungo nel merito dei significati, che si prestano a molte considerazioni. Penso, ad esempio, anche alla necessità di vivere un sogno - magari con un pizzico di follia - ma non solo, sperimentandolo sul reale terreno della vita (con tutte le conseguenze del caso).. Complimenti

Francesco Gentile 21/07/2017 - 20:07

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?