Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

ANCHE PER UN SOLO IS...
Voglio solo la mia l...
...UN AMORE CHE È CO...
Ancora una volta...
Non è ancora quel te...
PER AMMAZZARE IL... ...
il gommone...
Fantapoesia...
Canto della cuna del...
Questa è la vita ? ...
Preghiera alla divin...
NESSUNO...
È perché non sai chi...
Mare verde...
Schizzi di luce (poe...
RICAMI DI LUNA...
Il prestigio di una ...
Nel mercato dell'int...
La mente e il cuore...
A mio favore...
Un cielo troppo gran...
Alla mia Cri...
gli elementi...
Per tutta l'eternità...
Senza armonia...
Mia Madre...
A te e a me...
LA NINNA NANNA DELLA...
Il regno animali ...
Ostetrica(C)...
PIUMA AL VENTO...
PAURA DEL SILENZI...
STELLA...
L'ignoto...blu...
Sentimenti...
Davanti a noi...
Pace a ferragosto...
SENTO LE TUE CAREZZE...
Evanescente...
Lontano...
...IL SAPORE DEL CAO...
Polvere...
La Ragazza Dai Capel...
E RITORNO AL PASS...
Stupido amore...
Le mie teorie...
La poesia non dev'es...
SENZA AMORE...
ALMENO...
BUGIARDO SORRISO...
Sorriso amaro...
Forse,ti amo....
Bang… Bang… Bang…...
Credevo. E poi......
L'aquilone...
Vien la pioggia d'ag...
L'amicizia I veri...
Cara mamma.......
IL PIANTO DELLA...
Cadice...
ARBRE MAGIQUE...
Ti ho lasciata indie...
Quieto e silenzioso...
Inutili verba...
Vivere...
Quel battito in più...
epoche...
Il punto...
L'odore della Notte...
La MIA STELLA...
Il nodo dell'anima...
La Colonia...
Corro da lei...
SOGNO O ILLUSIONE?...
L'attore...
La missione...
Arijane....
ROMA, CHE T’HANNO FA...
IL RESPIRO DEL MARE...
L'amore che non vive...
Stai con me...
Anna Sorridi...
HAIKU nr. 18...
Bimbo bello...
...QUESTA BELLA ROVI...
Nessuna notizia da D...
Ridere...
La felicità è un'ill...
Nel nuovo sereno...
IL QUARTO ANNIVERSAR...
Vola... Aquila Reale...
Non siamo niente...
Pensieri d\'estate...
La rosa...
Una notte in aeropor...
Vorrei tu fossi qui...
celate in uno scrign...
NONNO RACCONTAMI...
Tediosa....
Diceva mio Padre ......

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Tarassaco

Eri andata a cogliere il tarassaco giù nel campo,
risplendente d’aurora e irrorato dalla rugiada,
con le mani svellevi le piante e le portavi con te;
mi preparerai una tisana stasera, sì una tisana di tarassaco.


Stamane ti fissavo la schiena nuda che irradiava luce attraverso la finestra.
La linea della schiena era sghemba, leggermente arcuata,
ho allungato le mani sulle tue spalle, ma ti sei ritratta,
il sole non era ancora salito nel cielo.


Così l’ombra scura di una defenestrazione stazionava di sotto,
perenni nevi di ghiacciai si scioglievano al sole,
aerei dalle carlinghe affusolate solcavano i cieli.
Ma tu eri ancora lì a estirpare il tarassaco.


Spillare codardia da botti di rovere e evitare il boma che ti spacca la testa.
Passare vicino vicino alla superficie dell’acqua
è poca cosa se paragonato alle imprese che tu sei in grado di compiere.
Intanto i morti vengono portati fuori.


Ti ho visto arrivare col tuo fagotto bello gonfio,
ne hai raccolto parecchio, è andata bene la ricerca,
e di nuovo sono lì a toccarti le spalle e quella linea della schiena così curva;
no, non me ne andrò stasera, aspetterò che la notte venga a piangere sulla mia spalla.



Share |


Poesia scritta il 29/07/2017 - 20:24
Da Giulio Soro
Letta n.78 volte.
Voto:
su 3 votanti


Commenti


bella poesia e sono d'accordo con Mirella ognuno di noi ha una sua interpretazione di quello che legge,stupenda,ciao

andrea sergi 31/07/2017 - 10:24

--------------------------------------

GIULIO SORO...Tarassaco una pianta curativa viene raccolta penso con molto sforzo in quanto curva la schiena...qui forse non c'è niente di straordinario MA LA CHIUSA E' SPETTACOLARE...sicuramente ha un senso molto profondo, che non ho colto!Perdonami delle volte le poesie sono come delle tele astratte si cerca di interpretarle, solo l'autore ne conosce il significato. 5*****

mirella narducci 31/07/2017 - 00:42

--------------------------------------

Poesia sconvolgente, nel significato originario del termine. Immagini mescolate a sensazioni forti...reale ed immaginario( la schiena nuda) che si fondono per unirsi in una chiusa che sbalordisce( la notte che verrà a piangere sulla spalla del poeta)... che dire, unica! ciaociao

Spartaco Messina 30/07/2017 - 13:18

--------------------------------------

Poesia lievemente malinconica, ma molto bella. Lodi e complimenti e buona domenica.

Paolo Ciraolo 30/07/2017 - 12:28

--------------------------------------

Bellissima soprattutto la chiusa!
Complimenti poeta malinconico!
Nicol
5 stelline tutte per te

Nicol Marcier 30/07/2017 - 11:11

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?