Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Giorni di paura...
Ho ucciso il mio Cuo...
DUBBI...
L'obeso...
ho visto Te...
la fine...
Il tuo amore per me...
Il Silenzio...
OSSERVARE ANCORA...
Ho perso il cielo st...
non camminare davant...
Il salvadanaio...
NIPOTI...
PER IL SITO...
Scivolano le ombre...
I PROBLEMI DEL ...
AUTOMA...
Dedicato da te a me...
Su questa mia terra...
Ti sento...
Er patto cor demogno...
La grotta nell’autob...
dal giorno alla nott...
LA POLLIVENDOLA...
Autunno per un amico...
Trapasso...
Mi hai detto... ( Po...
Le mille cose che no...
FIGLIO MIO...
Azzurro...
Il mare verde...
L'allegra triestina...
Spero...
Angeli...
la rifrazione illuso...
Dille ch'io la amo...
Scarmigliata...
A te...
Io e la vita...
Il mio amore non c'è...
ER POVETA E L'UCELLI...
Monotonia uccide poe...
Pensando...un addio!...
La vita è una meravi...
Come rami di uno ste...
TOMBINO...
Foglie morte...
Avida la mia bocca!...
Il farmacista...
rimembranze...
PASSEGGIATA SOLITARI...
volo d'autunno...
Infinita voglia di v...
Seppe poi sola andar...
Una richiesta vana...
Pensieri invadenti...
L'Astronomia del Fut...
Potrei darti...
Quel vino rosso ross...
Possa la preghiera s...
Le cose fatte con pa...
Mia nonna diceva che...
Bluff...
Mentre guardo la Lun...
L'UOMO COL CANNOCCHI...
Possedere le chiavi ...
SIAMO PICCOLE D...
Freddo apparente...
La prima volta...
Un ossimoro è la met...
E tu, vigliacca ment...
Salvarsi...
Foglie aperte...
FAMMI RICORDARE...
Ho visto avide bocch...
RICORDARE E' VIVERE...
Riflesso d\'Argento...
In Questo Confuso An...
Il MIO NOME È LiBERT...
Canzone per un'amica...
Tutti siamo stati ba...
La stagione dell'amo...
Canto del vento sull...
Mio Padre...
Senza tempo...
Il silenzio della ne...
Un altro whiskey...
NE UCCIDE PIU LA LIN...
La montagna...
SERA D'OTTOBRE...
Roma...
Il nonno...
Can'e gatto...
Tutto passa...
Game over...
Scrittura come cura...
DOLCI CAREZZE...
Occhi...
LEGGEREZZA...
TRA LUCE // E // OS...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

GIULLARE MATTO

Scendo le scale del palazzo Reale
finalmente sono nella sala del trono
sono qui per divertirvi.
Mi presento sono il giullare matto
vi farò ridere mentre acclamerete
Il vostro sovrano....
Guardatemi uomini piegati a novanta
Io cammino a schena dritta anche
con il mio abito goliardico.....
Indosso la maschera del giullare
mi stampo un sorriso sulle labra,
mentre nel cuore un funerale.
Vi farò divertire, vi regalerò
momenti magici, storie a lieto fine.....
Poi la notte la maschera va giù
è a farmi compagnia una candela
del buon Rum il sorriso svanisce.
È il pianto allaga la mia vita,il buio
mangia i miei ricordi.
Lo stomaco si nutre di un pezzo di dolore
gli occhi fissano la fiamma,
il coltello lacera la carne
il Rum ruba i miei sogni
La mente si abbandona al sonno, è giorno....
Ridete adesso il giullare matto e tornato
a farvi ridere e divertire regalandovi
attimi di eterna felicità....


Share |


Poesia scritta il 07/08/2017 - 15:31
Da okrimij 78 joker
Letta n.117 volte.
Voto:
su 1 votanti


Commenti


Il giullare matto che smercia allegria è in realtà un povero figuro che piange da solo bevendo rum. Bella poesia. Giulio Soro

Giulio Soro 07/08/2017 - 18:01

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?