Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Riflessi dimenticati...
NON HO MAI SEDOTTO L...
Melodia della malinc...
Più sento e più pens...
Niente e così sia...
Oggi...
Il tempo è una dimen...
Un pezzo di me....
LA BARCA DOPO UNA CE...
La libertà di scrive...
Stella Luminosa...
Il primo incontro...
Sarà neve...
Dille ch'è suo...
Scritture del cielo...
Bacio in Metrò...
Ghirlanda di mani...
La Furba Nana di Bre...
Sul cuore bianco...
Nuvole...
Isola amara...
IL SAPORE PERDUTO...
L' ECLISSI DI ...
FIGLI...
Il Caso di Gianni Is...
La tua pelle II...
A MIRELLA...
Pioggia...
Un prete anarchico...
Gli occhi di una mad...
Sfida all'ultimo ban...
L'ispirazione...
senza aprire gli occ...
L\'intimità di picco...
La camicia rossa...
Corri tu...
Soliloquio d'inverno...
LA CIOCCOLATA...
Inno ad Afrodite...
Haiku 24...
Le mie mani...
L'indefinito...
AMICIZIA 2...
e tu...
Buon trapasso...
Solitudine...
Nuove fioriture...
Solitari casali....
Il privilegio di gua...
Febbraio...
e lei colse un'ultim...
RISVEGLIO...
D'improvviso...
É...
Lucchetti che nascon...
RIFUGIO E' IL VERSO...
S‘è fatta una certa....
Se si è amati si toc...
La pace dei sensi...
Flussi di coscienza...
Tempo al tempo...
L'amore vince...
È nel mai ©...
Neve...
Non leggo Racconti...
Haiku Emozione...
PROVERBI in RIMA e i...
E il treno arrivò...
nelle giornate di pi...
Solca i mari...
SCENA INVERNALE...
Disilluso...
POETI DELL' AMOR...
Quel rio argentato...
ETA' CHE VA...
Il dispiacere è al...
PICCOLO GRANDE BOSS...
Perdere niente...
Lacrime...
Una strana partita a...
Poesia, essenza linf...
Nel mondo c'è molto ...
La luce nei tuoi occ...
Il Papa nero....
A mia figlia...
Notte...
Eccentrico silenzio...
Domenica di pioggia...
Riflessioni...
Sadness....
Mostro implacabile...
L'armonia delle brac...
La magia delle mani...
IL PARADISO...
Echi lontani...
vortice...
Solo....
Il mio mare...
Leggere è come aprir...
E' vita vera...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it



Terra di Sicilia

(L’immagine allegata è un acquerello dello stesso autore)


Terra mia avara che gelosamente
ti aggrappi come una madre priva di fiato,
ed io che m’abbraccio alle tue radici
perché mai un attimo t’ho lasciato.


Terra pietosa di giallo colorata.
Terra tradita, arida, rossa di sangue e di nero bruciata.
Terra di fuoco e della maledetta lupara
Quel rombo è un tuono che rende la vita più amara.


Quando mi allontano,
mi chiami con la tua voce accorata.
Mi attiri e poi urli
come t’avessi per sempre abbandonata.


Il profumo dell’erba
lo sento in me e m’inebria senza pietà.
L’arsura e la desolazione selvaggia
mi liberano la mente a sazietà.


Le immense distese assetate
rinnovano il desiderio del tuo bianco seno.
Ed io misero non riesco
a stare da te lontano.


Ritorno.
Parto ma subito torno a cercarti.
Trovo rifugio nel lenzuolo del tuo verde pianto.
Ascolto in silenzio la tua nenia triste
che trasformi in magico canto.


Rimboccami adesso mia Terra benigna,
e abbracciami nel sonno
tra le pietre indurite dal sole.


Quando m’implori
ritorno per acquietare nell’abbraccio,
il tuo tenero fianco.


Se ti spaccassi in mille pezzi, ti ricomporrei
perché solo tu possiedi la mia vera felicità.
Te lo prometto adesso,
sarai mia per sempre,
per tutta l’eternità.



Share |


Poesia scritta il 22/08/2017 - 08:40
Da Vincenzo Scuderi
Letta n.160 volte.
Voto:
su 0 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?