Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Pensieri ancestrali...
Haiku: Ricci...
RICORDI DI UN ALTRA ...
I Grilli duettanti...
Ros Maris - rugiada ...
NUVOLE...
SOLO FUMO...
Verso l'erba d'autun...
Er Bijettaro...
Campanili antichi...
La conoscenza umana ...
Il tempo che passa...
dove nasce il vento...
La mia roccia...
Vampiro errante...
Ferro...
Nella cittą...
Pensate.....
BACIAMI ANCORA...
GRAZIE MAMMA...
Portami con te...
Rachele...
IL MARE TRA DI NOI...
Sipario sulla notte...
Fame...
A Guido...
A volte capita che n...
UN VIAGGIO CHE NON F...
Accarezzo il mio cuo...
per pudore, per inco...
Le foglie...
I ricordi che ti han...
Marinuzza a muggheri...
Un sano egoismo...
Oh, dolcezza...
BANANE di Enio2 sati...
La mia mamma...
L'insonnia...
Spremute di coraggio...
Sulla cima dell'abis...
Gli eroi di Erice...
La cernia...
E poi tu...
Condannata...
La poesia che non...
il sentiero sul tuo ...
VOLARE...
LONTANANZA...
La Sedia...
Rilancia i dadi...
Mi sentii amato...
Odio e amore...
Le lacrime...
Quannu vegnu o me pa...
NOCTUA PRONUBA...
Una tiepida scia di ...
Se decidi di donarmi...
LE CANZONI...
C'era una volta la m...
DUE NOVEMBRE...
Il tramonto...
Musa...
IL CUORE E L' ...
Parlami ancora!...
Storia di una vita c...
Quegli occhi...
Relax emotivo...
Terra bagnata...
Madreluna...
Nella vita non smarr...
Penzeno pe' noi...
Oro bianco...
Forse ti amo... fors...
Di lą della siepe...
Grazie...
Tascapane...
Il borgo incantato...
Occhi verde Amazzoni...
L'anima si spezza so...
Per essere davvero f...
L'incudine...
Nell'ebrezza dell'az...
Nelle sere...
Pirchģ scappi?...
Dentro a una parente...
Giulia...
AMOR CHE A NULLO AMA...
Il cantautore...
Spesso nelle risate ...
Terre in moto...
Oasi...
A volte il perdono r...
La mia dolce musa...
Fiammelle Autunnali...
Un mattino d'autunno...
Ch'io possa...
Il borgo...
Le vere gioie...
Non calpestate la po...
Piacere, sono IO....

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Il crepitio dell'aria

Confondo la tua voce coi miei silenzi,
il suo suono coi pensieri nascosti della mia
mente.
Chissą come fai a comporre
cosģ
naturalmente
i fantasmi le idee i giochi i pregiudizi
i ricordi mai avuti
i progetti scomparsi sepolti
mai disegnati solo voluti
solo sentiti da questo piccolo cuore
che fa un cosģ piccolo suono
da essere messo a tacere, messo in prigione
da tutte le ore del giorno,
le onde del mare,
che fra tutte hai scelto me.
Chissą cos'hai visto in questa pozzanghera
dove non saltano neppure i bambini,
una macchia di vetro e buio,
una finestra sulla notte
che attraversa fogli sparsi, note cadute
che non sento chiaramente
che ho smesso d'ascoltare
di provare
di volere
per odio per amore per pigrizia per sfiducia
per aspettare.
Chissą come riesci a far sentire a un sordo
il crepitio dell'aria che respira,
il fragore dell'oceano.


Share |


Poesia scritta il 26/09/2017 - 10:19
Da Ilaria Zacconi
Letta n.62 volte.
Voto:
su 3 votanti


Commenti


assolutamente meravigliosa
complimenti

laisa azzurra 26/09/2017 - 21:38

--------------------------------------

Versi molto piaciuti. Un ritmo incalzante, facilitato dalla scorrevolezza. Una poesia notevole..

Francesco Gentile 26/09/2017 - 12:49

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?